lunedì, 25 Ottobre 2021

Tag: imballaggi

Spagna, stop a frutta e verdura in contenitori di plastica dal...

Solo gli alimenti “a rischio di deterioramento se venduti sfusi” rimarranno fuori dal divieto dei contenitori di plastica. Direttive stabilite anche per ridurre l'uso di acqua in bottiglie di plastica
ALIMENTI SFUSI

Alimenti sfusi, una scelta che fa bene all’ambiente (ma non sempre...

In Svizzera molti supermercati offrono, accanto a cereali, pasta, riso, frutta secca e detersivi alla spina, anche alimenti sfusi poco consueti, come la birra da spillare in bottiglie portate da casa. Ma a ben guardare la rinuncia al packaging non significa un risparmio sullo scontrino, anzi...
IMBALLAGGI

Alimenti, gli imballaggi di plastica contengono un numero elevato di sostanze...

Secondo uno studio, gli imballaggi di plastica per alimenti contengono un'enorme varietà di sostanze chimiche che possono essere rilasciate durante il loro ciclo di vita, comprese sostanze che rappresentano un rischio significativo per le persone e l'ambiente. Tuttavia, solo una piccola parte delle sostanze chimiche contenute nella plastica è pubblicamente nota o è stata ampiamente studiata
punto verde

Francia, via il punto verde dagli imballaggi: “Crea confusione”. Come orientarsi...

Il simbolo della freccia verde che si avvolge a una freccia più chiara è molto comune sulle confezioni di prodotti alimentari e non solo. Quello che in molto non sanno è che il "punto verde" non indica che la confezione che si ha in mano è riciclabile, o fatta con materiale riciclato, ma indica soltanto l'adesione del produttore al sistema di contributi nei confronti dei consorzi di riciclo. Proprio per evitare questa confusione, la Francia ha deciso di abbandonare il punto verde
COMPOST

Chi mette a rischio inquinamento davvero il compost italiano

L’industria alimentare punta sul compostabile con confezioni perfino certificate Ok compost. Analisi alla mano, il packaging non sembra minacciare quello che diverrà un fertilizzante per campi e orti. Uno sforzo che potrebbe diventare inutile per colpa dei fanghi da depurazione

Cibo veloce, veleni persistenti. Quanti Pfas nei contenitori dei fast food

McDonald's, Burger King, Wendy e molte altre catene sono finite sotto la lente dei laboratori per un rapporto appena pubblicato da Toxic Free Future. Nei loro contenitori per hamburger, patatine e si ipotizza la presenza di Pfas, sostanze che servono a evitare che fuoriescano grasso e olio ma dai sicuri effetti negativi sulla salute

I nemici della sostenibilità: per gli italiani sono plastica e imballaggi

L'indagine annuale sull’atteggiamento degli italiani nei confronti della sostenibilità, effettuata da LifeGate in collaborazione con Eumetra MR, mette in luce una realtà interessante nel nostro paese, con 36 milioni di concittadini attenti a questi temi, tanto da aver già fatto azioni concrete. Ecco cosa chiedono ai produttori per considerarli "etici"

L’imballo in EPS aumenta lo shelf-life dell’alimento che conserva

“Produciamo imballi in EPS da quasi 60anni e non saremmo qui, oggi, a parlarvi della bontà dei nostri prodotti se non credessimo fermamente in ciò che facciamo e nella eccellente qualità della materia prima utilizzata”

Il packaging bio che cambia colore se il cibo va a...

Le bio-plastiche - viene spiegato nel periodico on line @Eneainforma - sono ricavate dalla "trasformazione degli zuccheri contenuti nel mais e nelle barbabietole, mentre i bio-compositi sono stati ottenuti aggiungendo alla bio-plastica additivi provenienti dagli scarti di lavorazione, come lino, canapa, vegetazione olearia, lavorazione del caffè

Junker, l’app realizzata in collaborazione con 800 comuni che ti dice...

tetrapak, grucce, cilindri delle patatine, te, vassoi da pasticceria, confezioni di biscotti e cento altri dubbi ricorrenti su dove buttare l'imballaggio nella raccolta differenziata. Junker, un'app italiana, che ha stipulato un accordo con 800 comuni, te lo dice. Basta inquadrare il codice a barre della confezione

Impieghiamo 17 minuti alla settimana per aprire imballaggi troppo complicati

Secondo una ricerca della DS Smith il picco massimo si registra nella settimana di Natale: in generale, ogni italiano dedica 39 giorni della sua vita a causa di pacchi-buste-scatole troppo complicati da aprire

Imballaggi di troppo: il riciclo serve a poco senza combattere l’overpackaging

Da quando il movimento contro il cambiamento climatico e l’inquinamento guidato da Greta Thunberg ha riempito le piazze di tutto il mondo, uno degli argomenti più trattati dai media è la plastica e la sua inaccettabile dispersione nell’ambiente. oltre i cittadini, che devono fare la loro parte buttando i rifiuti nel contenitore giusto, una grossa responsabilità ricade sulle spalle dei produttori. Non solo di chi fa gli imballaggi, ma anche di chi quel tipo di contenitori li richiede. Ecco alcuni degli esempi più assurdi di overpackaging