domenica, 26 marzo 2017

Riccardo Quintili

225 ARTICOLI 0 Commenti

L’Italia non si sacrifichi alle multinazionali. Voti no alla coltivazione dei...

Lunedì in Europa si deciderà se autorizzare la coltivazione di due mais Ogm e se rinnovarne una già data in passato. Nel voto di gennaio l'Italia si era schierata dalla parte del biotech, ma per fortuna non si era raggiunta la maggioranza. Ora cosa farà? Rinuncerà alla propria sovranità alimentare?

Ogm? No grazie. Burger, panatine, polpettine: la soia che non ti...

Abbiamo portato in laboratorio 18 burger e cotolette per valutare l'alternativa verde alla carne rossa. Cercando transgenici ma anche pesticidi, micotossine e ingredienti di qualità. Un test per vegetariani, veg o semplicemente appassionati di questi prodotti

“Carne fraca”, lo scandalo che ha choccato il Brasile

Carne debole, così gli investigatori hanno chiamato quella che definiscono l'operazione più grande mai realizzata sugli alimenti brasiliani. Carne marcita, trattata con acidi per venderla, iniettata d'acqua. Perfino pollo a cui veniva aggiunta carta. E una parte era destinata all'esportazione

Monsanto deve etichettare il glifosato come probabile cancerogeno

La sentenza della Corte Superiore della California dà ragione allo Stato e impone alla multinazionale di dichiarare la pericolosità del glifosato. E intanto in Europa vola la petizione per chiedere #StopGlifosato. Si firma qui https://goo.gl/TgKb6U

Così avvelenano una regione: lo scandalo dei Pfas in Veneto

Oggi Greenpeace ha fatto una clamorosa azione a Venezia per chiedere lo stop degli scarichi di questi veleni. Nonostante 85mila cittadini siano finiti sotto osservazione medica per questa contaminazione scoperta nel 2013, ancora oggi le analisi dell'associazione mostrano presenze inquietanti, anche fuori dalle aree "imputate"

Antitrust apre istruttoria su Whirpool e Indesit per pratiche scorrette sulla...

La denuncia del Movimento difesa del cittadino: passati i sei mesi dall'acquisto i produttori chiedevano 30 euro ogni intervento. Come non bastasse, il consumatore per contattarli aveva a disposizione solo un 199

Pasta italiana e micotossine: un problema di sicurezza alimentare non solo...

Abbia sentito il professor Alberto Ritieni, tra i maggiori esperti italiani in micotossine dopo le analisi che hanno bocciato diversi marchi importanti di pasta italiana. Che spiega: materie prime sicure sarebbero un valore per tutti, a prescindere dalla provenienza

Pronti al grande salto? Da venerdì torna in edicola il Salvagente

Il Test-Salvagente diventa il Salvagente e va in edicola con un numero ricco di sorprese: nuova veste grafica, un'inchiesta su "Quello che non ci dicono sui farmaci", un test sui minestroni surgelati... E già da oggi il nostro sito e i social si rinnovano

L’olio di palma assolto? La bufala corre sul web (e sui...

In molti sono caduti in errore leggendo quei giornali che hanno riportato un'interpretazione del convegno scientifico che si è svolto il 10 febbraio scorso a Napoli. Noi c'eravamo e la sentenza di assoluzione proprio non l'abbiamo avvertita...

Chi scommette (e guadagna) sul matrimonio Monsanto-Bayer

La Berkshire Hathaway, holding che ha partecipazioni in Coca-Cola, Heinz, big farmaceutici e media come il Washington Post, annuncua di aver comprato azioni Monsanto per 800 milioni di dollari. E svela la scommessa sulla fusione delle multinazionali di semi e pesticidi.

Italia-Germania 3-4: sul glifosato i tedeschi “volano”

Vola in Germania la raccolta firme per chiedere all'Europa #StopGlifosato. In Italia ne servono ancora molte. Ecco perché è urgente firmare contro "il veleno nascosto" e limitare una contaminazione che arriva fino ai nostri piatti.

Un milione di firme per dire finalmente StopGlifosato

Un milione di firme per far capire alla Commissione Europea che è ora di dire Stop al glifosato. È l'iniziativa che parte oggi in tutta Europa, oltre che in Italia. Si firma anche su TestMagazine (carta di identità alla mano)
Reset della password
Per favore inserisci la tua email. Riceverai una nuova password via email.