lunedì, 22 ottobre 2018

Valentina Corvino

1689 ARTICOLI 0 Commenti

Francia, l’Anses mette nel mirino il pesticida delle insalate

Si tratta del mata sodio: un fumigante utilizzato nelle colture di lattuga e carote. In Europa è stato autorizzato nel 2015 con una serie di limitazioni che, tuttavia, si sono rivelate insufficienti dal momento che nelle scorse settimane 15 persone sono finite in ospedale dopo un'intossicazione causata proprio dal pesticida

Errori nella dichiarazione dei redditi? Si possono correggere entro il 25...

Ma attenzione, ricorda l'Agenzia delle Entrate nel vademecum sulla precompilata, il 730 integrativo può essere effettuato solo se l'integrazione comporta un maggiore credito, un minor debito o un'imposta invariata

Celiaci, meno soldi per gli alimenti. E scoppia il caos

A sorpresa il ministro ha chiesto alle regioni di applicare i nuovi tetti di spesi previsti dalla circolare del 10 agosto scorso senza aspettare la revisione del registro nazionale degli alimenti. Di Fabio (Aic): "Il ministro Grillo ha deluso le nostre aspettative"

Biossido di titanio: l’Europa cede alle lobby ma la Francia lo...

Anche nel caso dello sbiancante su cui pesano dei sospetti di cancerogenicità, la Francia ha deciso di applicare il principio di precauzione: il governo sta lavorando, infatti, ad una legge per mettere al bando il biossido. Intanto alcuni catene della grande distribuzione stanno già facendone a meno

Il contratto è nullo? Le bollette non vanno saldate

Una sentenza d'appello del Tribunale di Benevento ha ribadito il principio per cui se un consumatore contesta la fornitura di una società energetica non avendola mai richiesta o peggio attivata sulla base di una firma falsa non è tenuto al pagamento di alcunché

Ecco da dove vengono orate e trote vendute nei supermercati: il...

Essere animali ha pubblicato un video girato all'interno di allevamenti ittici intensivi che sembrano rivelare pratiche preoccupanti in un settore che finora è stato ampiamente sregolato

Monsanto ha creato falsi gruppi di contadini per manipolare la decisione...

E' l'accusa di Greenpeace e del quotidiano britannico The Indipendence: attraverso questi gruppi la multinazionale è riuscita a condizionare il voto sulla ri-autoirzzazione dell'erbicida

Acido folico in gravidanza, Uk verso la fortificazione delle farine

La vitamina resta l'unico rimedio davvero efficace per prevenire i difetti del tubo neurale nei bambini. Purtroppo non tutte le donne in età feritile ne assumono quantità sufficienti a ridurre il rischio. Ecco perché si ricorre alla fortificane delle farine. Abbiamo chiesto al dottor Salvatori (neonatologo dell'Ospedale Bambino Gesù) se è un'alternativa altrettanto efficace

L’Aifa richiama un lotto di collirio Benoxinato

Si tratta di un medicinale usato per la cura di varie malattie e patologie come congiuntivite. Il provvedimento dopo alcune segnalazioni relative ad una colazione troppo intensa del farmaco

Oms: insufficienti i provvedimenti che limitano la pubblicità nelle tv per...

L'Organizzazione mondiale della Sanità si rivolge agli Stati europei che farebbero molto poco per limitare la pubblicità di cibi ricchi di grassi, sale e zucchero. E indica una serie di azioni che potrebbero essere intraprese: innanzitutto ampliare i canali dove vige il divieto

E’ iniziata la stagione dei raffreddori…ma non tutti i fazzoletti sono...

Il mensile svizzero Ktipp che ha messo alla prova 16 fazzoletti usa e getta. Nel campione appaiono 4 prodotti che si possono acquistare anche nel nostro paese: i fazzoletti Tempo, nella versione classica e Soft & sensitive plus, quelli Floralys (Lidl) e Kleenex. Ecco chi vince in fatto di resistenza

Vivere vicino ai fast food aumenta il rischio di ammalarsi di...

E' la conclusione cui è giunto uno studio dell'Università di Hong Kong su un campione di 350mila uomini e donne che vivono nelle 21 città del Regno Unito: è emerso che le persone più vicine ai gruppi più densi di punti vendita pronti al consumo avevano probabilità di diabete di tipo 2 superiori all'11% rispetto a quelle che vivevano in una strada a più di 1 km dal fast food