domenica, 16 Gennaio 2022

Tag: alimenti

Carne, caffè e banane: ecco quanto inquinano gli alimenti

Il settore alimentare produce oggi tra un quarto e un terzo delle emissioni globali di gas serra. Nell'Unione Europea, questa cifra varia dal 25% in alcuni paesi al 42% in altri. Ovviamente, non tutti gli alimenti inquinano allo stesso modo per questo sarebbe utile un'etichetta che guidi le scelte dei consumatori

Greenpeace e Mamme No Pfas pubblicano tutte le mappe dell’inquinamento in...

"È paradossale che ancora una volta siano Greenpeace e le Mamme No Pfas a condurre un’operazione di trasparenza e accessibilità alle informazioni mentre la Regione continua a trincerarsi dietro un silenzio assordante". Continuano ad essere dure le parole delle due associazioni che da anni conducono una battaglia contro l'inquinamento da sostanze perfluoro alchiliche nelle province di Verona, Vicenza e Padova
NUII OSSIDO DI ETILENE

Ossido di etile e rischio chimico: maxirichiamo per i gelati Nuii

I richiami dei gelati Nuii, pubblicati sul sito del ministero della Salute sono impressionanti. Decine e decine di lotti, non si salva nessun gusto. Tutti con lo stesso pericolo: "rischio chimico" che tradotto in parole povere significa la presenza potenziale di ossido di etilene, contaminante tossico, di cui non è tollerabile neppure la presenza in tracce
MAL DI TESTA BAMBINI

Bambini e mal di testa: non esistono cibi vietati

I ricercatori del Bambino Gesù hanno analizzato la letteratura scientifica sul rapporto tra alimentazione ed emicrania pediatrica smentendo alcuni falsi miti sul mal di testa dei più piccoli. La ricerca è stata pubblicata su Nutrients  
SCONGELARE

Il modo migliore per scongelare gli alimenti? Immergerli in acqua

Scongelare i cibi in questo modo assicura una buona qualità del prodotto perché l'acqua è un miglior conduttore di calore rispetto all’aria, non si formano i cristalli che poi rendono molliccio il cibo e si impiega poco tempo (con scarsa crescita dei batteri)
BIOSSIDO DI TITANIO

La Ue scopre i pericoli del biossido di titanio, ma l’industria...

È dal 2016 che si sollevano timori e allerta sul biossido di titanio, l'E171 che sbianca i cibi, i farmaci, gli integratori e i dentifrici. Ora anche l'Efsa lo sconsiglia per i potenziali effetti genotossici. In attesa che venga bandito abbiamo pubblicato la lista di chi lo contiene
TOSSINFEZIONI

Cibo e caldo: l’accoppiata pericolosa. Le regole per evitare tossinfezioni

Circa 3 tossinfezioni su 4 si originano in casa, nella stragrande maggioranza dei casi per la preparazione troppo anticipata dei pasti, poi per conservazione a temperatura ambiente dei cibi o per raffreddamento inadeguato. Vediamo una breve lista delle più frequenti e dei comportamenti sbagliati che possono originarle.
CRUDO

“Crudomania”, una moda non priva da rischi

Dopo il monito dell'autorità di sicurezza tedesca sui pericoli che si corrono a mangiare fagiolini crudi, cerchiamo di capire in quali altri casi - tra i vegetali e non solo - il consumo senza cottura possa essere dannoso
MARMELLATE SALSE DI POMODORO

Marmellate e salse di pomodoro fatte in casa: la guida per...

Secondo Eurosurveillance il nostro paese è ai vertici in Europa per casi di botulino. La ragione? La preparazione di conserve fatte in casa. Vale la pena, dunque, conoscere le accortezze per evitare l'intossicazione. Con la nostra miniguida
NESTLÈ

Il mea culpa di Nestlé: “Oltre il 60% dei nostri alimenti...

Lo scoop è del Financial Times che ha pubblicato il contenuto di un rapporto riservato ai dirigenti della multinazionale del cibo in cui si mettono nero su bianco le pecche di Nestlé: il 60% dei suoi prodotti non raggiunge la sufficienza nel sistema di valutazione australiano
CONTRAFFAZIONE

Ecco come la criminalità mette le mani sul cibo europeo

Il libro scritto da Ingrid Kragl (Foodwatch) racconta i più grandi casi di contraffazione alimentare che riguardano l’Europa e nel racconto, frutto di anni di inchieste, non mancano riferimenti al cibo made in Italy
MUFFE

Quando vedo le prime muffe butto o pulisco? Le nostre prove...

Di fronte ai primi segnali di deterioramento di un alimento basta gettare solo la parte con muffe visibili? Abbiamo portato in laboratorio 4 prodotti: pane, formaggio, marmellata e salame, per scoprire i rischi che non vediamo. Con risultati per nulla scontati