lunedì, 14 Ottobre 2019

Tag: ambiente

Cosa c’è davvero dietro le fiamme che stanno distruggendo l’Amazzonia

Cosa sta davvero accadendo in Amazzonia? Cosa si nasconde dietro le immagini di incendi che stanno devastando la foresta? Il Salvagente ha incontrato tre leader indigeni che ci hanno raccontato come ci sia un progetto molto chiaro, di ecocidio e genocidio. Che fa comodo a molti interessi forti. Ecco le loro testimonianze e i loro video appelli

Google ha fatto grosse donazioni a lobby che negano il cambiamento...

L'elenco comprende il Competitive Enterprise Institute (Cei), un gruppo politico conservatore che ha contribuito a convincere l'amministrazione Trump ad abbandonare l'accordo di Parigi e ha criticato la Casa Bianca per non aver smantellato più regole ambientali. La Cei, a sua volta, si è opposta alla regolamentazione di Internet e all'applicazione delle norme antitrust e ha difeso Google contro accuse di parzialità

Ispra: fondali italiani come discariche. Il 77% dei rifiuti in acqua...

I numeri arrivano con i principali risultati emersi dal monitoraggio della qualità dei nostri mari. Il mare di Sicilia, con 786 oggetti rivenuti e un peso complessivo superiore ai 670 kg,

Il primo passo, timido, di Unilever sulla plastica. Greenpeace: “Andiamo alle...

Unilever entro il 2025 ridurrà di oltre 100mila tonnellate l’uso complessivo di imballaggi in plastica monouso e dimezzerà l’impiego di plastica vergine per produrre il proprio packaging. Giuseppe Ungherese, Greenpeace: "Positivo ma non risolutivo per chi utilizza 700mila tonnellate di plastica l'anno"

#FridayForFuture, cosa possiamo fare noi per limitare l’invasione della plastica

I ragazzi che scendono in piazza oggi inchiodano gli adulti alle loro responsabilità nei confronti dell'ambiente. Una battaglia di sopravvivenza che oramai non è più rinviabile. Anche attraverso qualche piccolo gesto quotidiano

Panni puliti, ma a che prezzo per la salute e l’ambiente?

Da Dixan a Winni's, da Bio Presto a Dash a Omino Bianco e Sole. E poi i marchi dei supermercati e dei discount e due prodotti (le noci lavatutto e le palline TerraWash) ecofriendly. 12 detersivi liquidi in laboratorio: quali funzionano davvero? E a quale costo per l'ambiente

Usa, Home Depot non venderà più tappeti contenenti Pfas

Il più grande rivenditore statunitense di articoli per la casa si è impegnato a smettere di vendere tappeti contenenti sostanze per- e polifluoroalchiliche proprio nel momento in cui negli Usa cresce la preoccupazione per l'esposizione a queste sostanze e il legislatore sta pensando a come affrontare la questione

Scoperta una discarica italiana illegale in Turchia. Greenpeace: “Corepla ci spieghi”

Un'operazione di Greenpeace ha portato alla scoperta di un sito illegale di stoccaggio di rifiuti in plastica - verosimilmente provenienti dalla raccolta dei rifiuti urbani italiani – in Turchia. "Corepla e gli altri operatori come garantiscono il controllo della filiera?" chiede Giuseppe Ungherese, responsabile campagna Inquinamento dell'associazione.

Microplastiche, l’inquinamento raggiunge anche le Alpi e l’Artico

La sconcertante scoperta arriva da uno studio appena pubblicato sulla rivista americana Science Advances: il vento trasporta le particelle anche a lunghe distanze e, con le precipitazioni, queste si depositano al suolo. Ora è urgente capire quali sono i rischi per la salute dell'uomo esposto alla inalazione di questi frammenti di microplastica

L’epidemia di rifiuti elettronici in Nigeria

Irene Galan, per Un Environment, il programma ambientale delle Nazioni Unite, ha firmato un reportage da leggere sulla Nigeria, una delle destinazioni più comuni dei rifiuti elettronici mondiali. Che succede dopo che sono finiti in discarica?

I campi sportivi in erba sintetica? Rilasciano fino a 72mila tonnellate...

Questi piccolissimi frammenti di plastica finiscono nell'ambiente e poi potrebbero entrare nella catena alimentare. Per questo motivo l'Unione europea sta pensando a delle restrizioni per limitare l'uso di queste piccolissime particelle nella costruzione dei tappeti erbosi

“A Milano Marittima siamo stati bravi, ma ora non dimentichiamo la...

Ad appena 24 ore dalla tromba d’aria che ha devastato una porzione della località di mare, in Emilia-Romagna, tutto o quasi era già di nuovo pulito, funzionante e rimesso a nuovo. Ora, però, è bene pensare alle migliaia di alberi caduti nella pineta. Senza che quell'area debba rimanere con una ferita così grande o ne subisca di peggiori