mercoledì, 28 Settembre 2022

News

A più di un anno di distanza dall'allerta sui ventilatori Cpap (che servono per regolare le apnee notturne), accusati di contenere una schiuma fonoassorbente che rilascia sostanze tossiche, Philips ha sostituito solo il 25% dei 100mila dispositivi interessati. Adesso un'azione inibitoria prova a inchiodare la multinazionale alle sue responsabilità 

Sponsor

Sponsor

Sponsor