martedì, 20 Aprile 2021

Tag: miele

NEONICOTINOIDI

Irlanda, il 70% del miele contaminato da neonicotinoidi

I ricercatori della Trinity e della Dublin City University hanno trovato tracce di almeno un neonicotinoide mentre quasi la metà (48%) dei campioni ne conteneva almeno due
NEONICOTINOIDI

Miele al glifosato, il Giappone vuole vietare le importazioni dalla Nuova...

L'anno scorso le esportazioni mondiali di miele della Nuova Zelanda hanno totalizzato 490 milioni di dollari, di cui quasi 68 milioni inviati in Giappone: con queste premesse, l'annuncio del Giappone di voler sospendere le importazioni dopo aver trovato il glifosato in due campioni di miele analizzati alla frontiera ha destato qualche preoccupazione

Etichettatura di origine delle miscele di miele per battere le truffe

La proposta della Slovenia che dal 1° luglio assumerà la presidenza di turno del Consiglio Ue: "Serve trasparenza, oggi il consumatore non da quali paesi provendono le miscele multiorigine, né ha informazioni sulle percentuali di contenuto di miele da questi paesi"
MIELE

Il miele europeo e quello italiano rischiano di scomparire

I cambiamenti climatici e l'uso di pesticidi, come quelli che hanno portato alla strage delle api in Lombardia su cui indaga la magistratura, hanno portato a un calo della produzione mai visto. Con il risultato, tra l'altro, di favorire le importazioni di miele adulterato. Complici i controlli europei inadeguati

Cosa fa un assaggiatore di miele (anzi di mieli)?

In pochi sanno che esistono assaggiatori esperti che valutano i mieli, a secondo dei fiori da cui proviene questo "oro delle api". Ecco cosa fanno e come giudicano quello che esaminano
api pesticidi

Insetticidi e fiori senza nettare: così muoiono le api in Italia

I dati del monitoraggio svolto in Italia dalla startup 3Bee sullo stato di salute dei preziosi insetti: "Quest’anno è stato prodotto dal 30% al 90% di miele in meno rispetto al 2019". Pesticidi e cambiamenti climatici lasciano i fiori senza nettare e "affamano" le api
NEONICOTINOIDI

Nuova Zelanda, il governo cerca (e trova) il glifosato nel miele

Mentre i funzionari sottolineano che le tracce sono piccole e che i prodotti sono ancora sicuri da mangiare, anche ai massimi livelli rilevati, non si può escludere che la presenza di glifosato nel miele, anche quello che viene esportato per centinaia di dollari, rappresenti un "possibile rischio commerciale"

Miele di acacia piemontese che di piemontese aveva ben poco. Il...

'operazione condotta dal Reparto Tutela Agroalimentare (RAC) di Torino, a seguito di controlli eseguiti presso aziende del settore mielicolo piemontesi e lombarde, ha portato al sequesto di ben 78 tonnellate di miele, per un valore complessivo di 780mila euro
NEONICOTINOIDI

La carica dei 16 per cambiare le etichette del miele in...

Assieme all'Italia altri 15 Stati membri chiedono alla Commissione europea che obblighi a specificare l'effettiva provenienza, magari anche in percentuale, invece di utilizzare formule poco chiare come "miscela di miele Ue e non Ue"
pesticidi

Usa, dietro il boom delle mandorle, la strage delle api usate...

Negli ultimi anni, gli apicoltori americani si sono spostati sempre di più nei mandorleti perché rendono molto più del miele. In California, dove si produce l'80% della fornitura mondiale di mandorle, però, le api stanno morendo in maniera preoccupante, a causa dell'uso massiccio di pesticidi in queste colture, tra cui il glifosato, ma non solo...

Guida alla scelta del miglior torrone bianco

Tanti quelli che ci troviamo di fronte al supermercato e spesso scegliamo per abitudine. Eppure un modo sicuro per scovare i migliori c'è, scorrendo la lista degli ingredienti. E per chi vuole assaggiare un prodotto artigianale c'è solo l'imbarazzo della scelta

A chi dà fastidio un’etichetta del miele più trasparente?

Il governo francese aveva chiesto all'esecutivo europeo di convalidare la normativa che prevede di indicare il etichetta, in ordine decrescente di peso, tutti i paesi di origine di una miscela di miele e di evidenziare quelli da cui proviene più del 20% del miele nella miscela. Ma l'Ue dice no