lunedì, 26 Settembre 2022

Tag: deforestazione

soia ogm

La soia Ogm che deforesta l’Argentina finisce anche negli allevamenti italiani

La denuncia viene da un report pubblicato da Periodistas por el planeta, Madre Brava, Somos Monte e Fairwatch con il titolo “Soia – La via dell’ecocidio“
deforestazione

Deforestazione, l’Ue frena l’importazione di caffè, cacao e mais da zone...

Il Regolamento che la Commissione europea ha presentato a novembre scorso ha iniziato il suo iter legislativo con un voto in Commissione che amplia la lista dei prodotti la cui produzione non è responsabile della deforestazione
Amazzonia

“Dom Phillips e Bruno Pereira le ultime vittime della guerra di...

Da giorni il giornalista Dom Phillips e l'avvocato Bruno Araújo Pereira sono scomparsi in Amazzonia. Il Salvagente ha incontrato un amico e un ex collega di Pereira, costretto a espatriare dal Brasile per le minacce di morte ricevute nel suo ruolo pubblico di difensore di ambiente e indigeni. E ci ha raccontato come sia forte l'ipotesi che i due siano caduti in un'imboscata.
soia deforestazione

Wwf: perché anche se non la mangi, la soia da deforestazione...

Il Wwf presenta la nuova ricerca intitolata “Mapping the European Soy Supply Chain” che evidenzia come il 90% della soia che viene consumata da noi cittadini europei non sia l’ingrediente di una ricetta, bensì un consumo indiretto dovuto alla sua presenza nei mangimi necessari per ottenere tutti i derivati delle proteine animali

Deforestazione, così i big dell’agrobusiness tentano di bloccare il piano dell’Ue

Cinque delle più grandi aziende agroalimentari del mondo hanno cercato di indebolire un disegno di legge dell'UE che vieta le importazioni di cibo legate alla deforestazione. A dirlo è un'inchiesta del Guardian, secondo cui otto giorni dopo essersi impegnati ad accelerare i loro sforzi di protezione delle foreste durante la Cop26, hanno segretamente tramato per ottenere l'effetto opposto
CIOCCOLATO

Cioccolato, un gesto dolce…ma non per l’ambiente

Un rapporto Mighty Earth stima che la Costa d'Avorio e il Ghana abbiano perso dall'80% al 90% della loro superficie boschiva negli ultimi decenni, in gran parte per far posto alle coltivazioni di cacao...con la complicità delle principali multinazionali del cioccolato, Mondelez e Nestlè in testa
AMAZZONIA

Amazzonia in pericolo, con Bolsonaro la deforestazione è aumentata del 75%

È quanto emerge emerge dal rapporto di Greenpeace, che si basa sui dati raccolti dall’Istituto brasiliano di ricerche spaziali (Inpe): nel 2019, anno in cui Bolsonaro entrò in carica, il tasso annuo di deforestazione in Amazzonia era di 7.536 km2. Tre anni dopo, l’Inpe ha annunciato che, tra agosto 2020 e luglio 2021, sono stati distrutti 13.235 km2 di Amazzonia
deforestazione

Cargill continua a incentivare la deforestazione dell’Amazzonia

Secondo un recente rapporto, Cargill continua ad acquistare soia e mais da una fattoria legata alla deforestazione in Amazzonia, nonostante si sia impegnato a ripulire le sue catene di approvvigionamento globali
INDONESIA DEFORESTAZIONE

Olio di palma, così in Indonesia le aziende aggirano la stretta...

La Commissione europea ha proposto una serie di regole per frenare la deforestazione nei "polmoni verdi" del mondo. La denuncia degli attivisti indonesiani: "Con la triangolazione le norme si aggirano"
JBS KING'S PRINCIPE

La brasiliana Jbs (dopo Rigamonti) fa shopping in Italia e compra...

La Jbs, leader mondiale nella produzione di carne e accusata più volte di favorire la deforestazione in Amazzonia, compra altri due storici marchi del made in Italy: dopo Rigamonti e la bresaola tocca ai prosciutti King's e Principe. Mentre l'Europa chiude alla carne brasiliana, il big carioca sbarca in Italia
CARNE DEFORESTAZIONE BRASILE

Auchan, Carrefour, Lidl: stop alla carne brasiliana da deforestazione

Crescono le catene in Europa che hanno deciso di non vendere più carne di bovini allevati in zone deforestate in Brasile: Sainsbury’s in Gran Bretagna, Carrefour e Delhaize in Belgio, Lidl Olanda, Auchan in Francia

Nike, Adidas, Zara e altri: tutti i marchi legati alla deforestazione...

Uno studio condotto dalla Ong Stand Earth mette in relazione più di 150 marchi di moda con la deforestazione nella foresta pluviale amazzonica, a partire dalla materia prima di cui hanno bisogno: la pelle. Tra i nomi sollevati associati alla deforestazione ci sono: Louis Vuitton, Dior, Guess, H&M, Nike, Zara, Vans, Tiffany & Co e Tommy Hilfiger. L'Italia è il secondo importatore al mondo di pelle da zone critiche