domenica, 16 dicembre 2018

decreto Genova

Fanghi tossici nei campi: Ferroni (Wwf): “Aprono le porte a una...

Il responsabile Agricoltura & Biodiversità Wwf Italia firma la petizione del Salvagente e spiega come la norma faccia l'interesse di chi gestisce la depurazione non dei cittadini e dell'ambiente. Ma non solo: perché Coldiretti, Cia e Confagricoltura stanno in silenzio, si chiede? E il Wwf chiede correzioni alla legge

Fiorella Belpoggi sui fanghi tossici: “È il via libera a mille...

La direttrice del centro di ricerca sul cancro “Cesare Maltoni” dell’istituto Ramazzini, in un'intervista esclusiva a ilSalvagente.it, spiega perché l'art. 41 del decreto Genova avvelenerà i nostri campi coltivati e minaccerà la nostra salute. E chiede che venga modificato. Oggi in edicola il numero del Salvagente con l'inchiesta integrale

Isde Italia aderisce alla petizione del Salvagente sui fanghi tossici

L'associazione medici per l'ambiente che oggi conta su centinaia di medici, operatori sanitari e professionisti convinti che l'ambiente condizioni la salute di chi ci vive, è la prima ad aderire ufficialmente alla nostra petizione per chiedere al governo di bloccare lo sversamento di veleni nei campi italiani

La nostra petizione: “Di Maio e Costa, fermate i fanghi tossici...

Un via libera ai veleni nei campi di cui, davvero, non sentivamo il bisogno. E che potremmo trovarci a pagare caro, tanto per quello che comporterebbe per la salute degli italiani che per gli effetti sull'agricoltura di questo paese e sul tanto declamato made in Italy. Ecco perché chiediamo a tutti di firmare la petizione perché il governo ci ripensi finché c'è ancora tempo

Dl Genova, così avvelenano la terra

Il provvedimento interviene su una vera emergenza, ma con l'articolo 41 ne crea una nuova contro la sicurezza alimentare del made in Italy: aumenta il livello degli Idrocarburi e metalli pesanti nei concimi nei campi. La nostra inchiesta nel prossimo numero di Salvagente in edicola il 23 novembre e da oggi in formato digitale

Idrocarburi nei campi, il ministro Costa difende la norma. I Verdi:...

Il titolare dell'Ambiente difende l'articolo 41 del dl Genova sui contaminanti nei fanghi che possono essere usati in agricoltura. Angelo Bonelli attacca: "Il provvedimento e gli emendamenti presentati dalla maggioranza vanno cancellati perché sono una minaccia per la catena alimentare"

La denuncia dei Verdi: “Emendamento a dl Genova aumenta livelli di...

La toppa peggiore del buco secondo il segretario Bonelli: "Una vera e propria e scandalosa sanatoria per diossine e Pcb quella prevista dall’emendamento al famigerato articolo 41 sui fanghi di depurazione, firmato da 5 Stelli e Lega". A rischio zucchine, melanzane e cavoli

Fanghi di depurazione, Paolucci (Leu): “Bruxelles imponga limiti più severi”

L'europarlamentare ha presentato un'interrogazione dopo lo scandalo scoppiato sull'articolo 41 del decreto Genova: "Ho presento un emendamento alla Direttiva in discussione in modo tale che la Commissione Ue possa tutelare l'ambiente e i consumatori"

I fanghi di depurazione vengono usati nel biologico? Facciamo chiarezza

Roberto Pinton segretario di Assobio ed esperto agroalimentare prende spunto da un quesito di un nostro lettore e ci spiega quali sostanze possono essere impiegate e quali sono bandite

Idrocarburi nei campi, il governo corre ai ripari: “Correggeremo il decreto”

Dopo che è esploso il caso dell'innalzamento dei limiti di questi inquinanti nei suoli agricoli, il ministro dei Trasporti Toninelli fa marcia indietro: "Lo modificheremo in Parlamento". E il ministro Costa: "Situazione critica, abbiamo trovato una mediazione ma stiamo lavorando al nuovo decreto, che avrà senz’altro valori più rigorosi"

Decreto Genova, il governo aumenta di 20 volte gli idrocarburi nei...

La denuncia del segretario dei Verdi Angelo Bonelli: "Il ministro Toninelli ha inserito nel decreto una norma all'art. 41 che aumenta i limiti di idrocarburi pesanti C10-C40 di 20 volte per quanto riguarda i fanghi di depurazione sia civili che industriali che possono essere sparsi sui suoli agricoli. Un attacco all'ambiente e alla catena alimentare"