domenica, 16 dicembre 2018

Altroconsumo

Che succede ad Altroconsumo? Via il direttore: “Non ho accettato ingerenze”

Licenziamento in tronco, dopo 24 anni di direzione, a Rosanna Massarenti e redazione in sciopero. E scoppia il caso, con un'intervista dell'ex direttrice che denuncia come l'editore volesse intervenire sulle copertine e sugli articoli "non in linea" con le altre attività della società

Test sulle creme solari: ci scrive l’editore di Ocu

L'editore di Ocu contesta al Salvagente di aver pubblicato - assieme a quelli ottenuti da Which? - i risultati di un test sui prodotti protettivi. I cui giudizi (più pesanti di quelli emessi dagli spagnoli) erano stati assegnati dalla nostra redazione anche sulla base di valutazioni sulla tossicità degli ingredienti

Beuc, Coca-Cola ed etichetta a semaforo: Trefiletti: “Fuorviante”

Continua a far discutere la scelta del Beuc, a cui aderisce anche Altroconsumo, di firmare un appello alla Ue insieme alla Coca-Cola, Nestlé e altre aziende big food in favore dell'etichetta a semaforo. Ospitiamo il parere di Rosario Trefiletti, presidente Federconsumatori

Altroconsumo e Beuc a fianco delle multinazionali del cibo: per l’Adoc...

L'imbarazzante alleanza tra Big Food e Altroconsumo, fa discutere le associazioni dei consumatori. L'etichetta che chiedono Beuc e Altroconsumo assieme ai grandi dell'industria alimentare è "assolutamente fuorviante" spiega il presidente dell'Adoc Roberto Tascini e "penalizza il made in Italy e le piccole produzioni".

Ma Altroconsumo rappresenta i consumatori italiani o le multinazionali del food?

Una lettera aperta firmata da Unilever, Nestlé, Coca Cola Company, Danone, Pepsico e... Beuc chiede alla commissione europea di non perdere tempo e adottare l'etichetta nutrizionale. In nome della lotta all'obesità, si dice, nasce un'inedita alleanza che fa rabbrividire. E che finirebbe per minacciare i prodotti simbolo della dieta mediterranea

La grande truffa slitta di un anno, le deportazioni verso il...

Il ministro Calenda si prepara al voto di fiducia. Ma è costretto a rimandare di un anno il piatto forte del ddl concorrenza: il superamento del mercato tutelato dell'energia. 24 milioni di italiani "regalati" alle compagnie dal 2019. Fa specie che a favore della fine del mercato tutelato sia una sola associazione di consumatori italiana: Altroconsumo.

Luce e gas: lo sconto chiaro di Konsumer-Codacons contro l’offerta opaca...

Abbiamo messo a confronto i due gruppi di acquisto su energia e gas. Quello Codacons-Konsumer offre uno sconto facile da calcolare, l'altro invece dietro a cifre molto invitanti nasconde "solo stime generiche" come spiegano dal call center di Altroconsumo.

Altroconsumo fa arrabbiare le donne

L'associazione dei consumatori sceglie di pubblicizzare il suo festival sulla sharing economy utilizzando l'immagine di una donna e un messaggio molto equivoco. E' rivolta sul web tra le donne di Se non ora quando.

L’etichetta a semaforo inglese? Penalizza il parmigiano (ma fa vendere Coca-Cola)

Il sistema di etichettatura adottato in Gran Bretagna continua ad agitare l'Europa. 100 eurodeputati in un'interrogazione alla Commissione chiedono di valutare l'impatto sul commercio e presentano dati preoccupanti.

L’Italia, per una volta, vittoriosa in Europa sul semaforo degli alimenti

Dal ministro Martina a Federalimentare fino alle associazioni dei consumatori (tranne Altroconsumo). Tutti d'accordo nel valutare come una vittoria la bocciatura del semaforo inglese sulle etichette degli alimenti.

Il semaforo rosso inglese? Penalizza la dieta mediterranea

In Europa l'Italia dà battaglia contro l'etichettatura britannica che condanna, tra l'altro, olio e parmigiano e promuove le bevande gassate light. Contro l'etichetta beffa il ministro Martina, Paolo de Castro, Federalimentare, i consumatori italiani (tranne Altroconsumo)

Kellogg’s inciampa sulle stelle e cambia le confezioni dei cereali

Kellogg's in Australia costretta a cambiare le confezioni dei cereali per aver riportato una indicazione delle "stelle nutrizionali" che può trarre in confusione. Ma stelle e semafori aiutano davvero a scegliere? E perché i big li accettano e i consumatori li criticano?