La lucrosa industria del cioccolato? È basata sul lavoro minorile

“Un’inchiesta che mi ha sconvolto”. Così uno dei giornalisti che ha documentato le condizioni di lavoro nei campi di cacao della Costa d’Avorio ha definito il lavoro andato in onda giovedì 10 gennaio sulla tv francese France2. I due giornalisti hanno dimostrato, in un servizio che vi proponiamo in lingua originale alla fine di questo articolo, che la lucrosa industria del cioccolato è basata in parte sul lavoro minorile.

Siamo in Costa d’Avorio, il più grande produttore mondiale di cacao: il 40% delle fave raccolte nel mondo proviene da questo paese africano. Nell’ovest del paese, non lontano dal confine con la Liberia, ci sono migliaia di piccole piantagioni clandestine, situate nel cuore di una foresta protetta.  In questa operazione clandestina, un lavoratore su tre è un bambino.

La maggior parte di questi bambini non sono ivoriani, vengono dal Burkina Faso. Arrivano qui tramite i trafficanti e si sistemano nella foresta senza i loro genitori, senza scuola o ospedale. Sono intrappolati, non possono tornare alle loro famiglie perché non ricevono un salario. Lavorano per il cibo. Si chiama schiavitù.

Dopo 2, 3, 4 o 5 anni, avranno diritto a un piccolo appezzamento, chepotranno coltivare per poi vendere il raccolto. Quando non lavorano con i machete, molto pericolosi, questi bambini hanno uno spray sulla schiena per diffondere il glifosato sulle piante, solo per uccidere tutte le erbe che ostacolano la coltivazione del cacao. Il glifosato, dovrebbe essere ricordato, è considerato “probabile cancerogeno” dall’Oms.

Paul Moreira, il giornalista che ha condotto questa indagine, ha scoperto che l’industria era completamente opaca. Nessuna tracciabilità del cacao proveniente da questi appezzamenti clandestini che fanno lavorare i bambini. Le fave di queste fattorie sono mescolati con altri, dove si lavora in condizioni migliori. Non esiste un codice a barre sulle buste di cacao, a differenza del Ghana, ad esempio. Le fave di diverse fattorie vengono tutti mescolati prima di essere esportati. In breve, è quasi impossibile essere sicuri che il cioccolato industriale che acquistiamo non promuova il lavoro minorile. Anche la realtà è insostenibile dal punto di vista ecologico, inoltre: la Costa d’Avorio ha perso il 90% delle sue foreste in 50 anni.

Per vedere il video in lingua originale, clicca qui