lunedì, 17 dicembre 2018

h&m

H&M, la lettera della lavoratrice: “Anche qui in Italia condizioni vergognose”

"Pensavo che la schiavitù fosse stata abolita due secoli fa!. Mi domandavo come fosse possibile che in Italia, un paese dell’Unione Europea, potessero accadere queste cose, senza che nessuno intervenisse". Sono le parole di una lavoratrice italiana impiegata presso un polo logistico al servizio di H&M il famoso marchio di abbigliamento, finito nell'occhio del ciclone per le accuse di sfruttamento del lavoro da parte della campagna Clean Clothes Campaign, promossa in Italia da Abitipuliti.org.

I vestiti di H&M prodotti nelle carceri cinesi: l’inchiesta del Financial...

Un ex investigatore provato britannico ha trascorso 23 mesi in un carcere cinese: per 120 yuan (poco più di 15 euro) al giorno i detenuti confezionano abiti per H&M e C&A e prodotti tecnologici per 3M. Le aziende hanno promesso di fare chiarezza al più presto

H&M: “Inceneriamo gli abiti solo quando non è possibile riciclare le...

L'azienda ha replicato così all'inchiesta della tv danese: "L'impegno in sostenibilità è sempre stato un elemento fondamentale dell'offerta H&M ed è molto raro per l'azienda destinare gli abiti all'incenerimento: questo avviene solo quando i vestiti non soddisfano gli standard di sicurezza, ad esempio se infestati da muffa o quando non rispettano i nostri rigorosi requisiti chimici"

Altro che sostenibilità, H&M brucia ogni anno tonnellate di abiti

L'azienda low cost non perde occasione per ricordare ai suoi consumatori che è impegnata a produrre abiti a basso impatto ambientale ma un'inchiesta della tv danese ha filmato tonnellate di abiti che vanno in fumo solo perché hanno difetti di produzione oppure sono ammuffiti

Intimo bambini: cosa gli mettiamo addosso? Il nostro test in edicola

Nel nuovo numero del Salvagente abbiamo analizzato 20 mutandine. Tutte rispettano i limiti di legge ma in 6 casi abbiamo trovato tracce di ftalati, sostanze plastificanti accusate di modificare il sistema ormonale.

Il cotone sostenibile? Ikea apre la strada, gli altri arrancano

Sul cotone si spargono circa un quarto dei pesticidi utilizzati nel mondo. E per coltivarne un chilo si utilizzano fino a 11mila litri di acqua. Difficile parlare di sostenibilità a meno di non optare per pratiche virtuose. Ecco chi le segue e chi, invece, fa finta di nulla.

“Hai vinto 500 euro!” Cosa c’è dietro il messaggio Whatsapp firmato...

Ennesimo caso di phishing che dilaga; un messaggio in cui si ci spaccia per la nota catena di mobili serve a rubare i dati sensibili. Si tratta di un sito non noto a queste truffe, che sta utilizzando anche i marchi di Zara, H&M e Starbucks