Nike, Adidas, Zara e altri: tutti i marchi legati alla deforestazione in Amazzonia

Uno studio condotto dalla Ong Stand Earth mette in relazione più di 150 marchi di moda con la deforestazione nella foresta pluviale amazzonica, a partire dalla materia prima di cui hanno bisogno: la pelle. Tra i nomi sollevati associati alla deforestazione ci sono: Louis Vuitton, Dior, Guess, H&M, Nike, Zara, Vans, Tiffany & Co e Tommy Hilfiger.

Il peso dell’Italia

Come riporta il portale Modefica.com, da uno dei principali fornitori brasiliani, Jbs, l’indagine, tuttora in corso, ha portato a più di 400 singoli collegamenti di rete di fornitura tra diverse società, come concerie brasiliane, trasformatori di pelle in diversi paesi, produttori di prodotti e marchi di moda in tutto il mondo . Al momento della pubblicazione, il documento collega già più di 100 marchi. Circa l’80% della pelle bovina prodotta in Brasile viene esportata in paesi come: Cina e Hong Kong (41,6%), Italia (27,3%), Vietnam (9,6%), Taiwan (5,6%), India (3,5%). Stati Uniti (2,5%) e Thailandia (2,2%).

Le fonti

Stand.Earth tiene traccia della distruzione ambientale e delle violazioni dei diritti umani relative alla produzione di diversi prodotti. Il gruppo ha analizzato quasi 500mila elenchi di documenti doganali ottenuti incrociando dati raccolti da diverse fonti, quali: dati doganali brasiliani, vietnamiti, cinesi, indiani, pakistani; dati statistici; relazioni annuali; presentazioni agli investitori e report ESG – Environmental, Social and Corporate Governance; pubblicazione sui social media di trasformatori di pelle; elenco di divulgazione aperta dei fornitori di marchi di moda.

La deforestazione

L’industria del bestiame, scrive Modefica.com, è il principale motore della deforestazione nella foresta pluviale amazzonica e nelle foreste tropicali di tutto il mondo. La deforestazione causata dall’allevamento di bestiame in Amazzonia rappresenta ogni anno quasi il 2% delle emissioni globali di CO2, l’equivalente delle emissioni di tutti i voli delle compagnie aeree di tutto il mondo. Il Brasile ha la più grande mandria di bovini al mondo, con circa 215 milioni di capi – il valore supera di 3 milioni quello della popolazione. L’industria della pelle è redditizia per i macelli: nel 2020, il settore ha rappresentato 1,1 miliardi di dollari ovvero il 18% delle entrate totali, se si considera il risultato accumulato per l’anno fino a settembre. Uno studio del World Resources Institute ha rilevato che, dal 2001 al 2015, il bestiame è stato responsabile della perdita del 36% della copertura vegetale in tutto il mondo. Il bestiame ha sostituito quasi il doppio della foresta rispetto a tutte le altre materie prime messe insieme.

Jbs al centro di tutto

Stand.Earth sostiene inoltre che numerosi studi e indagini hanno costantemente dimostrato che Jbs, la più grande azienda di carni bovine e di cuoio in Brasile, è anche il maggior contributore alla distruzione della foresta pluviale amazzonica. L’analisi dei documenti si è concentrata sulla tracciabilità della pelle esportata dalla multinazionale, partendo da un cliente di prima linea, ovvero i trasformatori di pelle. L’analisi ha anche mappato le esportazioni di pelle da tutti e sei i principali esportatori (escluse le società di logistica) verso questi stessi trasformatori.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

Le aree interessate

Esempi di aree protette invase da bestiame illegale fornito a Jbs includono: le riserve estrattive del Rio Ouro Preto e del Rio Jaci-Paraná e il territorio indigeno Uru-Eu-Wau-Wau, tutte località nello stato di Rondônia. La riserva del fiume Jaci-Paraná, tra l’altro, ha recentemente subito grandi perdite: insieme al Guajará-Mirim State Park, l’area ha perso circa il 90% della sua protezione, per un totale di meno di 219 mila ettari di protezione ambientale. Questo valore è equivalente alle città di San Paolo e Salvador insieme. Il rapporto ha anche rilevato che sei deputati statali hanno ricevuto donazioni da allevatori di bestiame nella loro ultima campagna elettorale. Stand.Earth conclude che tutte le aziende che acquistano direttamente o indirettamente da Jbs attraverso i trasformatori di pelle corrono un rischio molto elevato di essere associate alla deforestazione nella foresta pluviale amazzonica.

I marchi coinvolti

I 186 marchi coinvolti sono suddivisi in “connessione singola” e “connessioni multiple”, dove quelli nella seconda lista corrono il maggior rischio di essere associati alla deforestazione in Amazzonia. Tra tutti, solo 20 marchi (10,7%) hanno una politica contro l’ottenimento di pelle dalla deforestazione e solo 15 (5%) vietano esplicitamente l’acquisto di pelle dall’Amazzonia. Le aziende che hanno entrambe le politiche sono la maggioranza nel gruppo delle connessioni multiple, come Adidas, H&M e VF Corp (marchio Vans). Il legame di Vans con la deforestazione viene rivelato nel bel mezzo della nuova campagna di sostenibilità del marchio che applicherà ai classici Vans gomma naturale e vernice a base d’acqua nelle calzature della linea. Nel gruppo dei marchi con una singola connessione ci sono 53 nomi come: Alexander Wang, Giorgio Armani, Decathlon, Cartier Target e Walmart. Nel gruppo con più connessioni, ci sono 133 marchi, come: Adidas, Reebok, Michael Kors, Jimmy Choo, Versace, Guess, H&M, Zara, Louis Vuitton, Fendi, Dior, Givenchy, KenzoMarc Jacobs, Tiffany & Co, Lacoste , Prada, Miu Miu, Nike, Puma, Calvin Klein, Tommy Hilfiger, The Gap, Banana Republic, The North Face, Supreme, Timberland, Kipling.

La petizione

Sulla base del rapporto, The Slow Factory sta organizzando una mobilitazione internazionale per fare pressione su marchi e leader politici affinché lavorino per porre fine alla deforestazione in Amazzonia. Scopri di più e firma la petizione qui.