martedì, 28 Giugno 2022

Tag: Coldiretti

OGM SLOW FOOD

Vandana Shiva: “I nuovi Ogm? Seguono la stessa logica perversa dei...

Vandana Shiva, la leader ambientalista, domenica 5 giugno ha partecipato a un incontro pubblico a Roma e ha parlato dei Crispr, i nuovi Ogm che piacciono tanto anche a Coldiretti. Noi eravamo all'incontro e vi documentiamo una delle parti della sua intervista pubblica proprio su questo tema.
NUOVI OGM CRISPR

La crociata (anche di Coldiretti) per i nuovi Ogm dimentica ancora...

Si torna a parlare di nuovi Ogm dopo le aperture ai Crispr da parte di organizzazioni di agricoltori, in prima fila Coldiretti. Gianni Tamino, docente emerito di Biologia generale all’Università di Padova, oggi membro dei Comitati Scientifici dell’Associazione medici per l’ambiente- ISDE, ci spiega perché i problemi siano tutt'altro che superati come qualcuno afferma.
VERTICAL FARMING

In arrivo un’etichetta ad hoc per l’insalata “non lavata e pronta...

Presto Bruxelles dovrebbe esprimersi sul decreto attuativo che regolamenta la vendita dei prodotti ortofrutticoli da vertical farming che devono essere ben riconoscibili per il consumatore

Pratiche sleali nella filiera alimentare, dopo la lettera di richiamo da...

Dopo la tirata d'orecchie di Bruxelles, che l'aveva inserita nella lista di 12 paesi renitenti ad approvare la parte esecutiva della direttiva contro le pratiche sleali nella filiera agroalimentare, l'Italia corre ai ripari e presenta il decreto attuativo necessario
FALSO EXTRAVERGINE

Olio, Coldiretti: cresce import straniero e a pagare è il consumatore

Dopo la nostra inchiesta che ha messo in luce che 7 oli comunitari su 15 non sono extravergini, Coldiretti denuncia: "Si fa pagare di più ai consumatori un prodotto che invece può valere fino alla metà del prezzo indicato visto che ha una qualità inferiore"
ACETO BALSAMICO

La Slovenia (via Ue) prova a scippare la denominazione “aceto balsamico”

Il Governo sloveno ha notificato alla Commissione Europea una norma tecnica nazionale in materia di produzione e commercializzazione degli Aceti che cerca di trasformare la denominazione “aceto balsamico” in uno standard di prodotto. L'Italia ha tempo fino al 3 marzo per opporsi
origine

Alert sul vino, meno soldi alla carne: retromarcia sul piano Ue...

L'Unione europea presenta il piano per migliorare la salute dei cittadini europei e scoppia la polemica. Tra le misure azioni per contrastare le abitudini alimentari negative. Bruxelles però tranqullizza: "Nessun claim salutistico sulle bottiglie di vino".
PASTA GLIFOSATO

Butta la pasta, Coldiretti: “È allerta glifosato con boom di import...

Dopo la pubblicazione del test del Salvagente sulla pasta al glifosato, la presa di posizione di Coldiretti: "L’import selvaggio di grano straniero fa concorrenza sleale al made in Italy e penalizza i consumatori"

Pasta, le qualità del senatore Cappelli e le dimenticanze di Report

Nella puntata di ieri sera la ricostruzione della vicenda che il Salvagente ha svelato un anno fa e sulla quale è intervenuta anche l'Antitrust multando chi, la Sis, la Società italiana sementi, ha imposto una filiera chiusa e causato aumenti di prezzo ingiustificato, manca un pezzo importante: gli interessi dei grandi gruppi industriali. Ecco quali
PASTA

Rummo lancia la sua pasta 100% grano italiano

L'accordo siglato con la sede locale di Coldiretti: verrà utilizzata materia prima proveniente soprattutto da produttori locali a dimostrazione che anche il grano italiano può avere una percentuale di proteine adeguata per una pasta di qualità

Dl Semplificazioni, Coldiretti: “Cade il segreto di Stato sui cibi stranieri”

Nel decreto approvato in via denifitiva alla Camera, si prevede che il ministero della Salute renda disponibili on line, ogni 6 mesi, tutti i dati relativi ad alimenti, mangimi e animali destinati al consumo in arrivo dall'estero

Sos agricoltura, se non si trovano 400 mila braccianti, presto scaffali...

Le parole di Giorgio Mercuri, presidente di Alleanza cooperative agroalimentari rendono l'idea di come l'emergenza coronavirus si stia trasformando in un problema drammatico per la filiera agroalimentare italiana. Sono circa 400mila i braccianti provenienti da altri paesi Ue che mancano all'appello, a causa del blocco delle frontiere. Sulle soluzioni i portatori di interesse sono divisi. Tra le proposte in campo: un corridoio per i lavoratori rumeni, far lavorare chi percepisce il reddito di cittadinanza, regolarizzare i migranti nei ghetti delle campagne