Cibo veloce, veleni persistenti. Quanti Pfas nei contenitori dei fast food

In genere si è abituati a guardare con sospetto hamburger, patatine e altri alimenti serviti nel fast food. Ma da oggi si dovrebbe anche diffidare degli imballaggi e delle ciotole usa e getta di cui questi ristoranti si servono. È questo il risultato, rilanciato dalla stampa di molti paesi, del rapporto Packaged in pollution che ha trovato in molto del packaging (scatole per hamburger, involucri, ciotole usa e getta e sacchetti per patatine fritte, contorni e dessert) utilizzati in ristoranti famosi come McDonald’s, Sweetgreen e Wendy’s sostanze chimiche come i PFAS potenzialmente pericolose.

Il rapporto proviene da Toxic-Free Future, un gruppo senza scopo di lucro, e dalla campagna Mind the Store, un’iniziativa dell’organizzazione Safer Chemicals, Healthy Families. E ha scoperto che quasi la metà degli alimenti testati, proveniva da imballaggi che erano stati probabilmente trattati con PFAS per prevenire la fuoriuscita di grasso e olio dalla confezione.

I rischi dei PFAS

I PFAS (sostanze per e polifluoroalchiliche) sono spesso chiamate “sostanze chimiche per sempre” perché sono molecole quasi indistruttibili. Ci sono quasi 5.000 tipi e la maggior parte non è stata studiata a fondo. Tra quelli oggetto di ricerche, però, molti sono stati collegati a effetti dannosi sulla salute, tra cui diminuzione della fertilità, cambiamenti ormonali, livelli elevati di colesterolo, risposta del sistema immunitario indebolito, aumento del rischio di alcuni tumori e basso peso alla nascita nei neonati.

Fast food ma veleni persistenti

Nel gennaio 2020, gli autori del nuovo rapporto hanno raccolto 38 campioni di imballaggi alimentari da sei catene di fast-food o fast-casual in 16 località in tre stati e Washington, D.C. Un laboratorio indipendente ha testato i campioni.

Il laboratorio ha cercato il fluoro chimico in ogni campione. Il fluoro è un componente chiave di qualsiasi tipo di PFAS, motivo per cui questo è un modo comune per testare questi composti. La misurazione del contenuto di questo elemento non consente di determinare quali composti PFAS sono stati utilizzati o esattamente quanta parte di una determinata sostanza chimica è presente, ma è un modo affidabile per determinare se un il materiale del packaging è stato trattato con PFAS.

Una delle infografiche riassuntive del rapporto di Toxic-free future che spiega in quali catene e in quali imballaggi sono stati trovati i PFAS.

C’era poco fluoro nella maggior parte degli involucri di hamburger e sandwich nei test, un miglioramento rispetto a uno studio del 2017, che ha rilevato che quasi il 40% dei 138 involucri testati conteneva PFAS.

L’unico involucro di hamburger che sembrava essere trattato con PFAS era quello dei Whopper di Burger King. Anche il contenitore del Big Mac di McDonald, però, sembrava essere trattato PFAS. I sacchetti di carta utilizzati per patatine fritte, contorni o articoli da dessert in entrambe le catene avevano livelli di fluoro abbastanza alti da indicare il trattamento PFAS, così come un sacchetto di carta per un dessert di Wendy’s.

La tabella di dettaglio dei prodotti che sembrano contenere PFAS. Nella seconda colonna il numero di campioni contaminati sul totale. Per ogni prodotto è indicata la presenza di fluoro nell’involucro cartaceo (wrapper) e nella scatola in cui sono serviti

Nelle catene più incentrate come CAVA, Freshii e Sweetgreen, ogni singola ciotola o vassoio in fibra stampata conteneva fluoro, indicando il trattamento PFAS, a volte 9 o 10 volte superiore alla soglia utilizzata dai ricercatori del rapporto. Questi contenitori, spesso usati al posto della plastica, sono stati generalmente commercializzati come compostabili, il che dà ai consumatori l’idea di essere eco-compatibili. Ma a essere poco ecologici sono proprio i PFAS che non si degradano e possono contaminare l’ambiente.

Cosa rispondono McDonald’s e compagnia

Consumer Reports ha chiesto ai rappresentanti di ciascun ristorante se le confezioni contenevano PFAS e, in caso affermativo, se c’erano piani per sostituirlo con materiali non PFAS.

A rispondere sono stati tre ristoranti: CAVA, Freshii e McDonald’s. CAVA ha affermato di essersi impegnata ad eliminare il PFAS dalla sua confezione entro la metà del 2021. Freshii ha detto che prevede di lanciare ciotole senza PFAS “nella prima parte del 2021, se non prima”. McDonalds ha affermato di aver eliminato importanti classi di PFAS, ma che “sappiamo che ci sono più progressi da fare in tutto il settore e stiamo esplorando opportunità con i nostri partner fornitori per andare oltre”. Da Burger King, Wendy’s e Sweetgreen, invece, silenzio totale.

L’invadenza dei PFAS

La presenza di PFAS negli imballaggi alimentari potrebbe non sembrare inizialmente problematica per i consumatori, afferma a Consumer Reports Graham Peaslee, Ph.D., professore di fisica nucleare sperimentale e di chimica e biochimica presso l’Università di Notre Dame, che ha condotto una ricerca sui PFAS negli alimenti confezione. Questo perché, dopotutto, “non mangi gli involucri”, dice.

Ma il fatto che queste sostanze arrivino da ogni parte preoccupa, dal momento che tutti gli studi che hanno coinvolto persone di età superiore ai 12 anni negli Stati Uniti li hanno rilevati in quasi tutti gli organismi.

Certo i contenitori non sono l’unico mezzo ma fa pensare il fatto che le ricerche che hanno messo a confronto chi mangia esclusivamente cibo preparato in casa e chi invece utilizza anche take away e ristoranti non abbiano lo stesso tenore di PFAS nell’organismo, con livelli più alti proprio in chi mangia fuori.

Queste sostanze chimiche sono utilizzate anche in un’ampia varietà di prodotti, come alcune pentole antiaderenti, attrezzature impermeabilizzanti e schiuma antincendio, e per rendere resistenti alle macchie tappeti e tessuti. La produzione, l’uso e lo smaltimento di questi prodotti, insieme agli imballaggi alimentari, potrebbero contribuire all’esposizione, direttamente o attraverso la contaminazione ambientale.

Come uscirne

Esistono alternative al PFAS per tutti gli imballaggi, spiehano gli autori del rapporto, il che significa che è possibile per le catene passare a prodotti meno problematici. Ma le aziende devono fare attenzione a non passare da un PFAS problematico noto a un altro PFAS di cui sappiamo meno, dice a Consumer Reports Leonardo Trasande, direttore del Center for the Investigation of Environmental Hazards alla New York University, e autore di “Sicker, Fatter, Poorer” (Houghton Mifflin Harcourt, 2019), libro denuncia sull’alimentare.

“Altrimenti, inseguiremo la nostra coda per decenni a venire e ci troveremo con un’intera generazione di persone che sono colpite da queste sostanze chimiche, solo per scoprire in seguito che, oops, abbiamo commesso un errore”, dice Trasande.