Lo studio pro carne rossa? L’autore non ha dichiarato rapporti con lobby alimentare

Lo studio pubblicato di recente sugli Annals of Internal Medicine, che ridimensiona i rischi cancerogeni legati al consumo della carne rossa, è suonato come una riscossa da parte degli amanti della bistecca nei confronti delle linee guida nutrizionali improntate sulle direttive dell’Organizzazione mondiale della sanità. Ma ciò che lo studio non ha detto è che il suo autore principale ha legami di ricerca passati con l’industria della carne e dei prodotti alimentari. Lo racconta con un lungo articolo il New York Times, secondo cui l’analisi, condotta da Bradley C. Johnston, epidemiologo presso la Dalhousie University in Canada, ha anche dei lati oscuri.  Secondo gli autori dello studio gli avvertimenti che collegano il consumo di carne alle malattie cardiache e al cancro non sono supportati da forti prove scientifiche. Diversi eminenti scienziati della nutrizione e organizzazioni sanitarie hanno criticato i metodi e i risultati dello studio. Ma il dott. Johnston e i suoi colleghi hanno difeso il lavoro, affermando che si basava sui più alti standard di prove scientifiche, e hanno osservato che la grande squadra di investigatori non ha riportato conflitti di interesse e ha condotto la revisione senza finanziamenti esterni.

I Rapporti taciuti con Ilsi (Coca-Cola, McDonald’s, ecc.)

Johnston ha inoltre indicato in un modulo di divulgazione che non ha avuto alcun conflitto di interessi da segnalare negli ultimi tre anni. “Ma fino a dicembre 2016 è stato l’autore senior di uno studio simile che ha cercato di screditare le linee guida internazionali sulla salute, consigliando alle persone di mangiare meno zucchero” scrive il Nyt, secondo cui tale studio, che è apparso anche negli Annals of Internal Medicine, è stato finanziato dall’International Life Sciences Institute, o Ilsi, un gruppo commerciale industriale ampiamente supportato da aziende agroalimentari, alimentari e farmaceutiche e i cui membri includono McDonald’s, Coca-Cola, PepsiCo e Cargill, uno dei più grandi trasformatori di carne bovina del Nord America. Il gruppo industriale, fondato da un alto dirigente della Coca-Cola quattro decenni fa, è stato a lungo accusato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e da altri di aver cercato di minare le raccomandazioni sulla salute pubblica per far avanzare gli interessi dei suoi membri aziendali.

La difesa dell’autore si basa su quando ha ricevuto i soldi

In un’intervista, il Dr. Johnston ha affermato che le sue relazioni passate con Ilsi non hanno influenzato l’attuale ricerca sulle raccomandazioni sulla carne. Ha affermato di non aver riportato le sue relazioni passate con Ilsi perché il modulo di divulgazione chiedeva solo potenziali conflitti negli ultimi tre anni. Sebbene la pubblicazione dello studio finanziato da Ilsi rientri nella finestra triennale, ha affermato che il denaro di Ilsi è arrivato nel 2015 e non gli è stato richiesto di segnalarlo per la divulgazione dello studio sulla carne. “Quel denaro proveniva dal 2015, quindi era al di fuori del periodo di tre anni per la divulgazione di interessi concorrenti”, ha dichiarato il dott. Johnston. “Non ho alcun rapporto con loro”.

Le critiche

I critici dello studio sulla carne affermano che mentre Johnston potrebbe aver tecnicamente rispettato la lettera delle regole di divulgazione, non ha rispettato lo spirito di divulgazione finanziaria. “Le riviste richiedono divulgazione, ed è sempre meglio divulgare integralmente, se non altro per evitare problemi quando sono esposti i conflitti non divulgati”, ha detto Marion Nestle, professoressa di nutrizione, studi alimentari e sanità pubblica a New York Università che studia conflitti di interesse nella ricerca nutrizionale. “Dietro le quinte, Ilsi lavora diligentemente per conto dell’industria alimentare; è un gruppo frontale classico. Anche se Ilsi non ha avuto nulla a che fare con i documenti sulla carne – e non ci sono prove di cui io sia consapevole – il documento precedente suggerisce che Johnston sta facendo una carriera nel demolire la saggezza nutrizionale convenzionale”.

Il precedente dello studio sullo zucchero

I legami del Dr. Johnston con lo studio sullo zucchero finanziato dall’Ilsi del 2016 mostrano come Ilsi abbia coltivato metodicamente alleati negli accademici di tutto il mondo e in che modo recluta scienziati influenti per aiutare a plasmare i consigli sulla nutrizione globale e contrastare ciò che percepisce come linee guida dell’industria anti-alimentare di organizzazioni sanitarie. “Quando il Dr. Johnston e i suoi colleghi pubblicarono per la prima volta lo studio sullo zucchero- spiega il quotidiano Usa – dissero che ILSI non aveva alcun ruolo diretto nel condurre la ricerca oltre a fornire finanziamenti, ma successivamente modificarono la loro dichiarazione di divulgazione negli Annali dopo che l’Associated Press ottenne email che mostravano che Ilsi aveva ” rivisto ”e“ approvato ”il protocollo dello studio”.

La posizione della rivista scientifica

La dott.ssa Christine Laine, caporedattore degli Annals of Internal Medicine, ha affermato che se il Johnston avesse scelto di rivelare una relazione finanziaria con il gruppo dell’industria alimentare, ciò non avrebbe cambiato la decisione della rivista di pubblicare la ricerca. Ciò che conta per gli editori di riviste e il team di revisione tra pari, ha affermato, è il fatto che il gruppo avesse protocolli chiari per l’esame dei dati ed era trasparente sui suoi metodi.

Il metodo usato al centro di perplessità

I critici dello studio sulla carne affermano che ha somiglianze con lo studio sullo zucchero finanziato dall’industria e usa lo stesso standard per valutare le prove. Frank Hu, presidente del dipartimento di nutrizione di Harvard T.H. Chan School of Public Health, ha dichiarato di essere rimasto sbalordito quando ha realizzato che il Dr. Johnston era sia il capo dello studio sulla carne che lo stesso ricercatore che ha guidato la revisione finanziata dall’industria che ha attaccato le linee guida che consigliano alle persone di mangiare meno zucchero. Ha affermato che in entrambi i casi il dottor Johnston ha ridotto lo zucchero e le raccomandazioni sulla carne usando uno strumento chiamato GRADE che è stato progettato principalmente per valutare gli studi clinici sui farmaci, non gli studi dietetici.

“Farmaci e cibo non si studiano allo stesso modo”

Gli studi sui farmaci sono principalmente progettati per esaminare l’efficacia e la sicurezza, ha affermato il dott. Hu, mentre l’obiettivo principale degli studi dietetici è identificare i fattori di rischio che influenzano l’obesità e le malattie croniche. Questo è il motivo per cui gli scienziati utilizzano i dati provenienti da ampi studi osservazionali e studi randomizzati per esaminare gli effetti sulla salute di diversi modelli alimentari e altri comportamenti che non possono essere studiati come le terapie farmaceutiche. Il dottor Hu ha affermato che i metodi del dott. Johnston non sono stati molto obiettivi o rigorosi e che lo strumento che ha usato nei suoi studi sulla carne e sullo zucchero potrebbe essere usato in modo improprio per screditare tutti i tipi di avvertimenti di salute pubblica ben consolidati, come il legame tra fumo passivo e malattie cardiache , inquinamento atmosferico e problemi di salute, inattività fisica e malattie croniche, grassi trans e malattie cardiache.