lunedì, 23 Settembre 2019

Tag: revisione

Caldaie, è il momento di pensarci: scarica qui la guida gratuita...

Ma con i termosifoni si accendono anche i dubbi sui controlli: quand’è l’ultima volta che abbiamo verificato la sicurezza e l’efficienza energetica della nostra caldaia? In particolare, la tempistica dei controlli dei fumi è importante. La guida predisposta dall'Enea

Partenza in auto? I controlli da fare per viaggiare in serenità

Pressione degli pneumatici, liquidi, frizione. Chi ha deciso di mettersi in viaggio con la propria auto è bene che prima di mettersi in strada faccia un check alla propria vettura per evitare inconvenienti che possono metter a repentaglio il soggiorno

Il tutor come il grande fratello? Ecco come è nata la...

Ci siamo cascati anche noi e per questo chiediamo scusa ai nostri lettori. La notizia che si è diffusa ieri su agenzie e giornali on line - e anche sul nostro - secondo cui i nuovi tutor controllano non solo la velocità del veicolo in corsa ma anche il pagamento del bollo, dell'assicurazione e l'adempimento della revisione obbligatoria è una fake news. Il vice questore della Polizia di Stato ci ha spiegato come stanno le cose

Autostrade, i nuovi tutor controllano anche bollo auto, revisione e assicurazione

Il nuovo sistema acceso dal 27 luglio verifica non solo se autovettura rispetta i limiti di velocità ma anche se è a posto con la "burocrazia". E se rileva una mancanza scatta la multa (anche senza i controlli della polizia)

Auto a metano, l’inganno della revisione gratuita della bombola

Secondo una normativa Ue la revisione e sostituzione della bombola ogni 4 anni è gratuita, o meglio: viene assorbita da un'imposta pagata dagli automobilisti quando fanno rifornimento. In realtà, restano fuori tutti i costi di manodopera: dai 120 ai 450 euro che toccano al consumatore. E i più sfortunati, come una lettrice del Salvagente, incontrano meccanici furbetti che aggiungono spese non dovute.

Auto a metano, costi spropositati per la revisione delle bombole

Nei componenti di Opel, Citroen, Volkswagen e Mercedes, le targhette non sono visibili, quindi vanno interamente cambiati, con costi spropositati per gli utenti. Federconsumatori: "Le case automobilistiche chiariscano al più presto"