Ringiovanire mangiando? Non è un miraggio

Dopo esserci occupati di cosmetici alle vitamine, agli antiossidanti e a qualunque altra sostanza possa essere ritenuta efficace per la bellezza, mettiamo “i piedi nel piatto” e chiediamoci se possiamo dare una mano al nostro ego direttamente in tavola.

Vorrei ringiovanire nell’aspetto e mi hanno detto di seguire anche qualche raccomandazione alimentare

VERO Uno dei migliori metodi per recuperare parte della bellezza specialmente della pelle, che è poi il vero outfit con cui ci si presenta, è quello di introdurre vitamine, antiossidanti, sali minerali etc. adottando nel contempo uno stile di vita costantemente corretto e non solo per un giorno a settimana in quanto non si vedrebbero effetti visibili e tantomeno miracoli. Quindi le parole d’ordine da seguire sono quelle di mangiare come ben sappiamo cinque volte al giorno frutta e verdura scegliendole anche molto colorate, fresche e soprattutto di stagione. Occorre anche bere in modo adeguato perché in realtà il vero trucco è di reidratare la pelle ridandole tonicità, freschezza e colore. Gli alimenti ricchi in antiossidanti sono per questo ottimali e per ciò occorre mangiare pesche, da cui il mito della pelle liscia come una pesca, banane, melone, albicocche. Se si vuole essere ancora più efficaci, l’ideale è quello di consumare un centrifugato di verdure e frutta fresca dove cetrioli, sedano, finocchi daranno un grande apporto sia di sali minerali che di acqua utili per la nostra pelle.

Per guadagnare in salute mi è tutto chiaro, ma per l’estetica mi dicono di preferire uno dei cinque colori raccomandati, ma tanto sono tutti uguali…

FALSO Se per l’alimentazione esiste il modello dei cinque colori che si correlano molto bene alla nostra salute anche per la nostra bellezza c’è un colore che ci aiuta un po’ di più perché è segno della presenza di determinate sostanze. Il colore di cui parliamo è l’arancione che è un indiretto segnale della presenza di carotenoidi ovvero di molecole capaci di ridurre gli attacchi dei radicali liberi. Questi ultimi si formano in grande quantità per l’esposizione eccessiva e inadeguata ai raggi del sole. In poche parole, con carote, rape, peperoni, pomodori etc. forniamo al nostro corpo i “soldati” necessari per la difesa della nostra pelle. I carotenoidi sono presenti in tanti alimenti e spesso parliamo solo della vitamina A che da sempre è correlata a una vista più acuta e adatta alle ore notturne. Gli alimenti ricchi in vitamina E come la frutta secca ovvero mandorle, semi di girasole o anacardi, tenendo sempre conto delle calorie introdotte, contribuiscono molto alla salute “estetica” e le loro attività protettive sono davvero utili per contrastare l’invecchiamento della pelle che ricordiamo essere un vero e proprio organo alla pari di fegato, intestino etc. Vale sempre la pena sottolineare che si tratta comunque di aiuti e di supporti per raggiungere una buona forma estetica, ma che a nulla valgono se il nostro stile di vita è poco equilibrato, se fumiamo, se siamo esposti al sole senza le dovute attenzioni, se ci idratiamo poco etc. La vittoria contro i segni del tempo prevede che in campo scenda un team ben affiatato ed equilibrato altrimenti i risultati ottenuti non saranno facilmente apprezzabili.

Mi hanno detto di mangiare più cereali integrali non solo per il mio intestino, ma anche per essere più tonica, credo che seguirò il consiglio..

VERO I cereali integrali sono  da sempre una fonte di grandi vantaggi per la nostra salute in tutti i sensi e la vera sorpresa sta nella loro partecipazione attiva a renderci tutto sommato anche più belli, naturalmente ricordando sempre Pino Daniele “ogni scarrafone è bello a mamma soja”. Questi cereali integrali forniscono grandi quantità di fibre e di nutrienti laddove i processi di raffinazione tendono a farli perdere sempreché non usiamo degli integratori di fibre. Alcuni prodotti sono naturalmente ricchi di fibre naturali, costano relativamente poco ed è quantomeno strano che i consumatori accettino di riunire le fibre al prodotto raffinato a fronte di un costo maggiore. I cereali integrali sono un vero toccasana per l’intestino e permettono di farlo funzionare al meglio ridandogli il ruolo centrale che gli spetta in quanto sede del cosiddetto microbiota intestinale. Un buon intestino che funzioni bene comporta tanti vantaggi fra cui una pancia “sgonfia” e relativamente piatta, gli stessi capelli e la pelle riassumono una luce e una resistenza dimenticata con l’abuso di alimenti raffinati e la conseguente selezione di un microbiota intestinale pigro e poco efficiente.

Non credo di avere capito bene, ma un amico di mi ha parlato di pesce azzurro e di bellezza…

VERO Il pesce azzurro, di cui si parla da sempre come di un nostro alleato per la salute, è ricco di amminoacidi, ma soprattutto è ricco di acidi grassi essenziali del tipo omega 3 che ci occorrono per vari motivi specie nelle forme di dislipidemie. Il pesce azzurro ci dona fosforo, ferro e calcio e certamente le sue carni sono meno ricche di sostanze indesiderate essendo dei pesci a crescita rapida. In effetti sgombro, alici e altri pesci che sulla nostra tavola stanno tornando ad essere comuni, ci forniscono i grassi essenziali per il controllo dei livelli di colesterolo e indirettamente questi piatti, oltre a essere economici, buoni e legati alla nostra tradizione mediterranea, sono utilissimi per ridare tonicità alla pelle riportando indietro anche se di poco il nostro orologio estetico. Se poi vogliamo stravincere ecco che un contorno di broccoli, in America chiamati “superfoods” perché ricchi di Vitamina C, Vitamina A, Vitamina E, calcio, potassio e antiossidanti aiuta a mantenere la nostra pelle tonica e i capelli lisci e splendenti riducendo i fenomeni infiammatori originati dai radicali liberi.