venerdì, 24 Settembre 2021

Tag: sartani

EG

Impurezze nel principio attivo, EG richiama 11 lotti di diuretico e...

La Società EG EuroGenerici ha richiamato in maniera volontaria 11 lotti del diuretico Idroclorotiazide e degli antipertensivi Irbesartan,Valsartan e Valbacomp. Il provvedimento, si è reso necessario per la presenza di un’impurezza oltre il consentito

Impurezze nel principio attivo, richiamati due lotti di Losartan Teva

Il provvedimento è stato disposto a seguito della comunicazione da parte dell’azienda produttrice e concernente tracce di un’impurezza riscontrata nel principio attivo
SARTANI

Sartani, giro di vite europeo sulle impurezze cancerogene

Dopo il grande scandalo dei sartani (ma anche degli antidiabetici e degli antiacidi) contaminati da nitrosammine cancerogene, l'Autorità Ue per i farmaci fissa limiti che valgono sul prodotto finito e non più sulla materia prima, obbligando le industrie ai controlli e ai test

Ranidil, Zantac, Buscopan: le cause possibili della contaminazione

L'Ema, l'Autorità europea per i farmaci, ha fornito alle aziende farmaceutiche nuove indicazioni per svolgere i test sui medicinali potenzialmente inquinanti da nitrosammine, un'impurità cancerogena. E ha elencato le possibili fonti di "contagio" dei farmaci

Ritirato antipertensivo Retensir: contaminato il principio attivo

Ancora un farmaco della "famiglia" dei sartani, impiegato per il controllo della pressione, finisce nel mirino: ecco i due lotti ritirati
ANTIBIOTICI AIFA

“Impurezze cancerogene”, gli antipertensivi ritirati salgono a 942

L'Aifa ha aggiornato l'elenco dei farmaci sartani - usati per la cura dell’ipertensione arteriosa e dell’insufficienza cardiaca - a base di candesartan, irbesartan, losartan, olmesartan e valsartan, ritirati per la presenza di sostanze potenzialmente cancerogene. Qui l'elenco completo con tutti i lotti

Dopo il Valsartan, la Francia ritira l’anti-ipertensione Irbesartan

Il farmaco, venduto anche in Italia, viene richiamato per la presenza di un'impurità classificata come probabile cancerogeno in alcuni lotti, ma l'Agenzia nazionale per il farmaco avverte: "Non interrompere bruscamente il trattamento"