sabato, 25 maggio 2019

Tag: Olio

Olio di semi e clorofilla. E lo vendevano per extravergine

Avevano creato società fittizie con annessi frantoi inesistenti e vendevano la miscela abilmente costruita come extravergine in Italia, in Germania e ai ristoratori. È quello che hanno scoperto i Nas di Foggia. Peccato non siano stati resi noti i nomi dei truffatori

Semi di lino superstar: sono davvero un toccasana per la nostra...

I semi di lino sono rapidamente diventati un'aggiunta immancabile su pane, insalate, come olio, per le loro virtù salutistiche. Quanto c'è di vero? E quali sono, invece, le controindicazioni? Ce ne occupiamo questa settimana nei Miti Alimentari

Olio, ecco chi (e cosa) minaccia l’extravergine italiano

Ieri i gilet arancioni oggi i "giacconi gialli" della Coldiretti hanno manifestato per chiedere interventi urgenti a tutela del settore e contro le frodi. La denuncia: "Olio straniero in due bottiglie di olio su tre"

Olio di carta, la nuova truffa dell’extravergine “100% italiano”

Dai dati risulterebbero 100mila tonnellate di olio interamente italiano dell'anno scorso. Ma la realtà è diversa, come testimonia l'inchiesta Teatro naturale-il Salvagente sul numero in edicola: nei frantoi ne sono stoccate molte meno. Il resto? Esiste solo nei registri ma, come per magia, può diventare prodotto tricolore dopo un'abile trasformazione

Falso extravergine, i carabinieri sequestrano 28 tonnellate di olio

I Carabinieri per la Tutela Agroalimentare hanno concluso la "Campagna di controllo oleario 2018": su 105 aziende ispezionate 46 sono risultate irregolare. Tra le frodi sanzionate miscele con oli vegetali aggiunti e falsi oli bio. Il colonnello Cortellessa: "Vigiliamo a tutela del comparto e dei consumatori"

Alimenti a base di semi e olio di canapa: il ministero...

Pronta la bozza di regolamento che ammette semi, olio e farina di canapa per uso alimentare, stabilendo i limiti di Thc (la sostanza psicotropa) ammessi. Una novità che però dimentica di normare polline, infiorescenze e radici della pianta, che rimangono in una zona oscura

Scordamaglia: “Il bollino nero? Solo un favore alle multinazionali dell’alimentare”

Il presidente di Federalimentare critica la proposta di Francia e Brasile di penalizzare i prodotti ricchi di sale, zucchero e grassi. "Si corre il rischio di ingannare il consumatore, penalizzare i DOP e gli IGP italiani e fare un favore a poche multinazionali più interessate ad usare la chimica come ingredientistica di base per ridurre i costi di produzione"

Olio italiano, ancora un anno nero: la produzione crolla del 38%

A pesare sono stati il gelo invernale di Burian e i venti accompagnati dalla pioggia durante la fioritura che hanno ridimensionato pesantemente i raccolti.

Falso extravergine, in Francia una bottiglia su due è fuorilegge

Risultati choc quelli dell'Autorità francese della Repressione e frodi: su 139 extravergini analizzati ben 67 - il 48% - è risultato semplice vergine se non addirittura lampante. Intanto Italia è allarme per una nuova annata olearia horribilis

Via libera alle frodi sull’olio nei ristoranti, ecco i risultati della...

Una circolare del ministero dello Sviluppo chiedeva di discutere sui rischi per i consumatori del tappo antirabocco. Le catene dei supermercati, però, l'hanno presa alla lettera interrompendo le forniture di queste bottiglie. E il risultato è che torneranno sui tavoli della ristorazione bottiglie di cui non ci si può fidare

Olio e qualità, quanto dichiarato in etichetta deve valere fino alla...

Entrato in vigore il nuovo regolamento 1096/2018 sull'etichettatura dell'extravergine. Grimelli, direttore di Teatro Naturale: "Si ribadisce che non si potranno riportare i valori chimici all’atto dell’imbottigliamento ma quelli ragionevolmente prevedibili alla fine della vita dell’olio contenuto"

Olio, anche Monini contro Coldiretti. L’Italico inganna i consumatori

Il presidente dell'azienda di Spoleto (e vicepresidente di Federolio) smentisce che nel tavolo di filiera con l'associazione dei coltivatori sia stata decisa un'operazione del genere, che confonde i consumatori. Il cerino resta in mano a Coldiretti che evidentemente aveva provato a forzare la mano. Producendo molte polemiche e una valanga di critiche