giovedì, 5 Agosto 2021

Tag: campagna

ENI

Greenpeace contro Eni: “Le bugie hanno le zampe corte”

Con questo gioco di parole relativo allo storico simbolo dell'Eni, il cane a sei zampe appunto, Greenpeace punta il dito contro il colosso petrolifero e lo accusa di non fare abbastanza per la riduzione delle emissioni di C02 in atmosfera. Per questo l'Ong lancia una petizione per con cui chiede alla compagnia, "una delle aziende italiane più inquinanti al mondo e il maggior emettitore di CO2 in Italia", di investire nelle rinnovabili per fermare l’emergenza climatica.

“Diventa carnitariano”. L’assurda campagna Ue per promuovere la carne rossa

Da anni si discute, studi scientifici alla mano, sulla necessità di limitare il consumo di carne rossa per ridurre il rischio di tumori. Evidentemente, dev'essere stato molto distratto chi, all'interno della Commissione europea, ha pensato che fosse il caso di investire 3,6 milioni di euro in una nuova campagna progettata per promuovere lo stile di vita "carnitariano", basato sulla carne rossa.

Canguri, una storia d’amore e odio. Il documentario che svela il...

L'Italia è il primo responsabile europeo della morte brutale di 2,3 milioni di canguri ogni anno: le sue pelli vengono utilizzate dall'industria dell'abbigliamento sportivo e della moda che ignorano i metodi violenti con cui vengono uccisi questi animali. L'inchiesta video di Michael McIntyre e Kate Clere McIntyre ha l'obiettivo di diffondere consapevolezza mentre la Lav si rivolge al governo: "Vietate l'importazione"

Francia, l’appello degli intellettuali per un “lunedì verde” senza carne e...

Produrre carne implica un aumento dei consumi di acqua molto superiori alla produzione di verdura e frutta, per questo 500 personalità, tra cui il direttore generale del Wwf francese, chiedono di rinunciare per un giorno ai derivati animali. Siete d'accordo?

Campagna #ASTEnetevi, pochi click per chiedere alle Gdo un impegno contro...

FilieraSporca e Flai Cgil invitano tutti a compilare il form per fare pressione sul ministro Martina e sulle maggiori catene di distribuzione affinché pongano fine alla pratica della asta online a doppio ribasso che affama i produttori e spinge il settore tra le braccia del caporalato

#FertilityDay, la campagna del ministero si rivela un boomerang

Beatrice Lorenzin lancia la campagna per spingere gli italiani a procreare ma è tutta incentrata sul senso di colpa della donna che rischia di "sciupare" la sua fertilità. Piovono critiche da ogni dove. Da Saviano alle dirette interessate: "Vergogna! Libere di non farne, e comunque durissima in un paese senza welfare e lavoro"