“Il mio bambino ha sempre mal di testa”: ecco quando bisogna preoccuparsi

BAMBINO MAL DI TESTA

Così come accade per gli adulti, anche i bambini possono accusare dei mal di testa. Come riconoscere i sintomi e quando è necessario avviare uno screening medico approfondito

Il mal di testa è un disturbo che può colpire gli adulti, ma sfortunatamente anche i bambini. Alcuni studi scientifici hanno dimostrato che almeno il 30% dei bambini in età scolare, ha avuto almeno un episodio di mal di testa durante l’anno. 

Se gli adulti sanno come curare il mal di testa in modo veloce e non si preoccupano più di tanto se questo si manifesta, diverso è il discorso che vale per i più piccoli.  

I genitori infatti, alla prima comparsa dei sintomi tipici del mal di testa nei bambini, tendono a preoccuparsi molto, talvolta eccessivamente. 

Come si manifesta il mal di testa nei bambini? 

I mal di testa non sono tutti uguali e generalmente tendono a manifestarsi in diversi modi, ciascuno di essi ha una sua specifica evoluzione ed una cura farmacologica apposita e diversificata dalle altre. 

Nel caso dei bambini, la maggior parte dei mal di testa accusati appartiene al ceppo delle cosiddette cefalee primarie, ossia: emicranie, cefalee tensive e raramente cefalee a grappolo. 

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Tra i diversi tipi di mal di testa appena menzionati, l’emicrania è quella che si manifesta più frequentemente nei bambini più piccoli e la sua insorgenza è da attribuire nella maggior parte dei casi ad una predisposizione genetica; mentre la cefalea tensiva tende a manifestarsi maggiormente negli adolescenti. 

Quali sono i sintomi tipici

I sintomi tipici e caratterizzanti del mal di testa nei bambini possono variare in funzione delle diverse tipologie di mal di testa esistenti, ma in linea di massima, sono i seguenti: 

  • Dolore pulsante e talvolta aggressivo alla testa, senso di pesantezza;  
  • Senso di nausea;  
  • Senso di vomito;  
  • Pallore.

E talvolta, anche: 

  • Fotofobia, ossia un’anormale intolleranza alla luce; 
  • Fonofobia, ossia un vero e proprio senso di intolleranza nei confronti di qualsiasi tipo di rumore o suono, anche se di lieve intensità;
  • Osmofobia, ossia un’intolleranza agli odori, che si manifesta soprattutto in caso di mal di testa. 

Le possibili caus

Tra le possibili cause che spiegano il manifestarsi di episodi di mal di testa nei bambini, vi sono in primo luogo: stress, ansia e mancanza di tempo libero da dedicare al relax e al gioco. 

Non è da escludere del tutto anche un’eventuale predisposizione genetica a livello familiare. 

Naturalmente in caso di mal di testa frequenti e ripetuti, è importante rivolgersi tempestivamente al pediatra di famiglia, che analizzando la specifica situazione vissuta dal bambino, sarà in grado di stabilire, se è necessario far eseguire degli appositi esami diagnostici per indagare le cause del problema. 

Quando ci si deve preoccupare? 

La maggior parte dei mal di testa che si manifestano nei bambini è di tipo primario e spesso si tratta di episodi occasionali, che non dovrebbero destare particolare preoccupazione.  

Tuttavia, se gli episodi di mal di testa diventano sempre più frequenti, dolorosi e si assiste in breve tempo ad un repentino peggioramento della sintomatologia, è opportuno sottoporre il bambino ad una visita di controllo da effettuare presso un centro specializzato in diagnosi e cura delle cefalee in età pediatrica.