Il Report europeo: “Commissione Ue sacrifica le foreste per produrre biomasse per combustibili”

La Commissione Ue è accusata di “sacrificare foreste” dopo aver pubblicato delle proposte che consentirebbero di continuare a bruciare alberi come combustibile. A dirlo è un report del Guardian, secondo cui l’esecutivo europeo è responsabile di “accelerazione del crollo climatico” attraverso la combustione del legno in base alla nuova strategia forestale Ue.

Cosa dice la proposta di strategia per le foreste

La strategia forestale fa parte di un piano più ampio per affrontare le emergenze climatiche e naturali e mettere l’Ue sulla buona strada per ridurre le emissioni del 55% entro la fine del decennio, un mastodontico pacchetto di proposte legali noto come “Fit for 55”. Gli attivisti europei che denunciano i rischi della strategia hanno affermato che la commissione non ha fatto abbastanza per inasprire le regole sul legno che può essere bruciato come combustibile. Una bozza di aggiornamento della direttiva sull’energia rinnovabile dell’UE propone di vietare all’industria della biomassa di prelevare legno da “foreste primarie” – boschi antichi praticamente intatti, che rappresentano solo il 3% di tutte le foreste dell’UE.

Solo una “limitazione” invece di uno stop

Nel prossimo piano per le “foreste altamente biodiverse”, il legno da destinare alla biomassa sarebbe limitato “per garantire l’assenza di interferenze con gli scopi di protezione della natura”, ha affermato la commissione. Nel complesso “l’uso di alberi interi per la produzione di energia, sia dall’UE che importato, dovrebbe essere ridotto al minimo”, mentre verranno gradualmente eliminati i sussidi per la biomassa da ceppi e radici degli alberi.

Le accuse degli ambientalisti

Lina Burnelius, capo progetto di Protect the Forest Sweden, ha affermato che la commissione non è riuscita ad affrontare uno dei fattori chiave del degrado forestale: considerare la biomassa forestale come energia rinnovabile. “Fit for 55 è dannoso per le foreste e insufficiente per affrontare il cambiamento climatico. Abbiamo un disperato bisogno di politiche oneste che includano tutte le nostre emissioni nelle statistiche”. La Commissione europea ha scelto “di sacrificare le foreste piuttosto che ammettere che l’attuale politica europea in materia di bioenergia sta peggiorando la crisi climatica”, ha affermato.

La lettera degli scienziati

La combustione di legna per l’elettricità rilascia più carbonio nell’atmosfera rispetto al gas o al carbone, e molti scienziati sono scettici sul fatto che piantare alberi per ripagare il “debito di carbonio” quadra con gli impegni previsti dall’accordo sul clima di Parigi. All’inizio di quest’anno, più di 500 scienziati hanno scritto al presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e ad altri leader mondiali, chiedendo loro di porre fine a tutti i sussidi per la combustione del legno. I firmatari includevano Jean-Pascal van Ypersele, ex vicepresidente di il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici: “Gli alberi sono più preziosi vivi che morti sia per il clima che per la biodiversità”.

La risposta della Commissione Ue

In risposta al Guardian, il commissario europeo per l’ambiente Virginijus Sinkevičius ha affermato che la strategia dell’UE afferma chiaramente che “i boschi interi” dovrebbero essere evitati per la biomassa. “Il nostro obiettivo è molto chiaro: le foreste devono svolgere un ruolo fondamentale, un contributo al nostro obiettivo Fit for 55, al nostro obiettivo del 55% (di riduzione delle emissioni, ndr)”. Ha suggerito che “la maggior parte” degli Stati membri dell’UE non bruciano interi alberi per la biomassa “perché economicamente non ha senso”. Invece, ha affermato, i produttori di biomassa “di solito” utilizzano parti di alberi “che non vengono utilizzate da nessun’altra parte” e il legno intero “viene utilizzato nella catena del valore per prodotti che effettivamente immagazzinano carbonio per un tempo molto più lungo”.

Lo studio che accusa l’Italia

Anche l’ultimo studio commissionato da Greenpeace Paesi Bassi, conferma il peso delle biomasse per combustione nella deforestazione, analizzando in particolare il caso dell’Estonia. Il Paese è il secondo esportatore europeo di pellet a uso energetico dopo la Lettonia. Tra i principali importatori di legno estone c’è anche l’Italia, insieme a Paesi Bassi, Belgio, Danimarca e Regno Unito.

La parola a governi e eurodeputati

Sini Eräjää di Greenpeace ha affermato che la domanda di biomassa ha guidato l’estrazione del legno. Le “modifiche” proposte dalla commissione per proteggere una piccola parte delle foreste dell’UE, ha affermato, “consentirebbero all’industria di estrarre più legno da qualsiasi altra foresta, il che è ovviamente dannoso per il clima”. La versione finale della legge dovrà essere concordata dai governi dell’UE e dai membri del Parlamento europeo.