Glifosato nella pasta: ecco perché chi dice che non è un problema sbaglia

GLIFOSATO

“Dov’è la notizia? Se avete fatto tutto questo can can per aver trovato 7 confezioni di spaghetti in cui c’era glifosato ben sotto i limiti di legge, perché sollevare tanto polverone?”

Questi sono alcuni dei commenti (per la verità molto minoritari) al test di copertina del Salvagente, appena uscito in edicola sulla pasta.

C’è anche chi, come il presidente dei pastai italiani, Riccardo Felicetti, ha voluto scriverci per lamentare che non avremmo rimarcato “con altrettanta enfasi (di quella data ai rischi del glifosato, ndr) che i valori rilevati non solo sono al di sotto dei limiti di legge, ma al livello delle soglie di rilevazione analitica, di circa 300/400 volte sotto ai limiti o con valori infinitesimali?”

Vale la pena sintetizzare la prima risposta che ha voluto darci ieri la dottoressa Fiorella Belpoggi, direttore scientifico dell’Istituto Ramazzini e autrice di uno dei pochi studi proprio sugli effetti del glifosato in basse dosi. Nella nostra diretta facebook, alla domanda diretta sul fatto che quella del Salvagente fosse o meno una falsa notizia, Belpoggi ha risposto: “A chi vi domanda perché dovrebbe interessare trovare livelli così bassi di glifosato nella pasta bisognerebbe chiedere: chi ha stabilito i livelli consentiti nella pasta? Perché in effetti le dosi bassissime dei pesticidi non sono mai state studiate in passato. Solo di recente sono state effettuate ricerche del genere, da quando si è scoperto che queste basse dosi, lavorando ai livelli dei nostri ormoni, possono interferire con l’attività ormonale”.

SEGUE DOPO IL MEME

GLIFOSATO
Il testi di copertina del nuovo numero del Salvagente ha trovato 7 marchi su 20 di spaghetti con tracce di glifosato. Se volete sapere quali paste sono uscite pulite dalle analisi e quali tra queste hanno avuto i migliori risultati nelle prove di cottura non perdete il numero in edicola o in digitale qui

La lunga storia del glifosato

A questo punto facciamo un passo indietro e cerchiamo di capire perché “tanto accanimento” contro questo erbicida.

Il glifosato, un erbicida sintetico brevettato nel 1974 dalla Monsanto Company e ora prodotto e venduto da molte aziende in centinaia di prodotti, è stato associato al cancro e ad altri problemi di salute. Il glifosato è meglio conosciuto come ingrediente attivo negli erbicidi a marchio Roundup e come erbicida utilizzato con gli organismi geneticamente modificati (OGM) “Roundup Ready”.

La tolleranza agli erbicidi è il tratto OGM più diffuso ingegnerizzato nelle colture alimentari, con circa il 90% del mais e il 94% della soia negli Stati Uniti progettati per tollerare gli erbicidi, secondo i dati dell’USDA. Uno studio del 2017 ha rilevato che l’esposizione degli americani al glifosato è aumentata di circa il 500% da quando le colture OGM Roundup Ready sono state introdotte negli Stati Uniti nel 1996. Ecco alcuni fatti chiave sul glifosato così come li ha ricostruiti la rivista statunitense Right to Know:

Il pesticida più usato al mondo

Secondo uno studio del febbraio 2016, il glifosato è il pesticida più utilizzato: “Negli Stati Uniti, nessun pesticida si è avvicinato neanche lontanamente a un uso così intenso e diffuso”. I risultati danno un dato terribile: gli americani hanno utilizzato 1,8 milioni di tonnellate di glifosato dalla sua introduzione nel 1974.

In tutto il mondo 9,4 milioni di tonnellate della sostanza chimica sono state spruzzate sui campi, abbastanza da spruzzare quasi mezzo chilo di Roundup su ogni acro di terra coltivato nel mondo.

A livello globale, l’uso del glifosato è aumentato di quasi 15 volte da quando sono state introdotte le colture OGM Roundup Ready.

Dichiarazioni di scienziati e operatori sanitari

Preoccupazioni per il cancro

La letteratura scientifica e le conclusioni normative sugli erbicidi a base di glifosato mostrano un mix di risultati, rendendo la sicurezza dell’erbicida un argomento molto dibattuto.

Nel 2015, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) dell’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato il glifosato come “probabilmente cancerogeno per l’uomo” dopo aver esaminato anni di studi scientifici pubblicati e sottoposti a revisione paritaria. Il team di scienziati internazionali ha scoperto che c’era una particolare associazione tra glifosato e linfoma non Hodgkin.

Agenzie statunitensi: al momento della classificazione IARC, l’Environmental Protection Agency (EPA) stava conducendo una revisione della registrazione. Il Comitato di revisione della valutazione del cancro (CARC) dell’EPA ha pubblicato un rapporto nel settembre 2016 in cui concludeva che il glifosato “non era probabilmente cancerogeno per l’uomo” a dosi rilevanti per la salute umana. Nel dicembre 2016, l’EPA ha convocato un gruppo consultivo scientifico per esaminare il rapporto; i membri erano divisi con alcuni che trovavano che l’EPA sbagliava nel modo in cui valutava certe ricerche. Inoltre, l’Ufficio di ricerca e sviluppo dell’EPA ha stabilito che l’Ufficio dei programmi di antiparassitari dell’EPA non aveva seguito i protocolli appropriati nella sua valutazione del glifosato e ha affermato che le prove a disposizione avrebbero condotto ad una definizione dell’erbicida come “probabile” cancerogeno o “suggestiva” di classificazione di cancerogenicità. Tuttavia, l’EPA ha pubblicato un progetto di relazione sul glifosato nel dicembre 2017, continuando a sostenere che la sostanza chimica non è probabilmente cancerogena. Nell’aprile 2019, l’EPA ha riaffermato la sua posizione secondo cui il glifosato non presenta rischi per la salute pubblica. Ma all’inizio dello stesso mese, l’Agenzia degli Stati Uniti per le sostanze tossiche e il registro delle malattie (ATSDR) ha riferito che esistono collegamenti tra glifosato e cancro. Secondo la bozza di rapporto dell’ATSDR, “numerosi studi hanno riportato rapporti di rischio maggiori di uno per le associazioni tra l’esposizione al glifosato e il rischio di linfoma non Hodgkin o mieloma multiplo”. L’EPA ha emesso una decisione di revisione provvisoria della registrazione nel gennaio 2020 con informazioni aggiornate sulla sua posizione sul glifosato.

Unione Europea: l‘Autorità europea per la sicurezza alimentare e l’Agenzia europea per le sostanze chimiche hanno affermato che il glifosato non è probabilmente cancerogeno per l’uomo. Un rapporto del marzo 2017 di gruppi ambientalisti e di consumatori ha affermato che le autorità di regolamentazione si sono affidate in modo improprio alla ricerca diretta e manipolata dall’industria chimica. Uno studio del 2019 ha rilevato che il rapporto dell’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio sul glifosato, che non ha rilevato alcun rischio di cancro, includeva sezioni di testo che erano state plagiate dagli studi della Monsanto. Nel febbraio 2020, sono emerse relazioni secondo cui 24 studi scientifici presentati alle autorità tedesche per dimostrare la sicurezza del glifosato provenivano da un grande laboratorio tedesco che è stato accusato di frode e altri illeciti.

La riunione congiunta dell’OMS / FAO sui residui di pesticidi ha stabilito nel 2016 che era improbabile che il glifosato costituisse un rischio cancerogeno per l’uomo a causa dell’esposizione attraverso la dieta, ma questa scoperta è stata appannata dalle preoccupazioni legate al conflitto di interessi dopo che è emerso che il presidente e il co-presidente del gruppo occupavano anche posizioni di leadership presso l’International Life Sciences Institute, un gruppo finanziato in parte dalla Monsanto e da una delle sue organizzazioni di lobbismo.

California OEHHA: il 28 marzo 2017, l’Office of Environmental Health Hazard Assessment della California Environmental Protection Agency ha confermato che avrebbe aggiunto il glifosato all’elenco Proposition 65 della California di sostanze chimiche note per provocare il cancro. La Monsanto ha citato in giudizio per bloccare l’azione, ma il caso è stato archiviato. In un caso separato, la corte ha ritenuto che la California non potesse richiedere avvisi di cancro per i prodotti contenenti glifosato. Il 12 giugno 2018, un tribunale distrettuale degli Stati Uniti ha negato la richiesta del procuratore generale della California al tribunale di riconsiderare la decisione.

Studio dell’Agricultural Health: uno studio prospettico di coorte di lunga durata sostenuto dal governo degli Stati Uniti sulle famiglie di agricoltori in Iowa e North Carolina non ha trovato alcuna connessione tra l’uso di glifosato e il linfoma non Hodgkin, ma i ricercatori hanno riferito che “tra gli applicatori nel quartile di esposizione più elevato , c’era un aumento del rischio di leucemia mieloide acuta (LMA) rispetto ai non utenti … “L’aggiornamento più recente pubblicato allo studio è stato reso pubblico alla fine del 2017.

Gli studi recenti che collegano il glifosato al cancro e ad altri problemi di salute

Cancro

  • Il documento di febbraio 2020 in Environmental Health, “Un’analisi completa dei dati sulla cancerogenicità degli animali per il glifosato da studi di cancerogenicità sui roditori da esposizione cronica”, ha esaminato gli studi di cancerogenicità sugli animali da esposizione cronica al glifosato e ha riportato percorsi tossicologicamente plausibili per il motivo per cui il glifosato può causare vari tipi di cancro nei roditori.
  • Aprile 2019: l’Agenzia degli Stati Uniti per le sostanze tossiche e il registro delle malattie ha pubblicato la sua bozza di profilo tossicologico per il glifosato, che segnala un aumento del rischio di cancro dovuto all’esposizione al glifosato. Le e-mail rilasciate tramite procedimenti giudiziari mostrano che i funzionari dell’EPA e della Monsanto hanno cercato di ostacolare il rapporto ATSDR.
  • Lo studio del marzo 2019 pubblicato sull’International Journal of Epidemiology ha analizzato i dati di oltre 30.000 agricoltori e lavoratori agricoli provenienti da studi condotti in Francia, Norvegia e Stati Uniti e ha riportato collegamenti tra glifosato e linfoma diffuso a grandi cellule B.
  • Febbraio 2019: una meta-analisi pubblicata su Mutation Research / Reviews in Mutation Research ha riportato un “legame convincente” tra erbicidi a base di glifosato e linfoma non Hodgkin. Tre degli autori dello studio erano membri del gruppo consultivo scientifico dell’EPA sul glifosato che hanno dichiarato pubblicamente che l’EPA non è riuscito a seguire le corrette pratiche scientifiche nella sua valutazione del glifosato.
  • Gennaio 2019: un’analisi pubblicata su Environmental Sciences Europe sostiene che la classificazione del glifosato da parte dell’EPA degli Stati Uniti non ha tenuto conto delle prove scientifiche sostanziali della genotossicità (l’impatto negativo sul materiale genetico di una cellula) associata a prodotti che uccidono le erbe infestanti come Roundup.

Disturbi endocrini, fertilità e problemi riproduttivi

  • Articolo di ottobre 2020 sulla rivista Chemosphere, Glyphosate and the key features of an endocrine disruptor: A review, è la prima revisione completa che consolida le prove meccanicistiche sul glifosato come sostanza chimica che altera il sistema endocrino (EDC). Il documento conclude che l’erbicida più utilizzato al mondo soddisfa almeno otto delle 10 caratteristiche chiave degli EDC, come proposto in una dichiarazione di consenso di esperti pubblicata nel 2020. Una nuova ricerca aggiunge prove che il glifosato diserbante sconvolge gli ormoni, di Carey Gillam, USRTK (13.11.2020)
  • Documento di luglio 2020 pubblicato su Molecular and Cellular Endocrinology, Are glyphosate and glyphosate-based herbicides endocrine disruptors that alterate female fertility? ” riassume gli effetti di interferenza endocrina dell’esposizione a glifosato e erbicidi a base di glifosato a dosi basse o “rilevanti per l’ambiente” nei tessuti riproduttivi femminili. Vengono discussi i dati che suggeriscono che, a basse dosi, gli erbicidi a base di glifosato possono avere effetti negativi sulla fertilità del tratto riproduttivo femminile.
  • Il documento di giugno 2020 pubblicato su Veterinary and Animal Science, Formulazioni erbicide a base di glifosato e tossicità riproduttiva negli animali “, conclude che alcuni ingredienti di erbicidi a base di glifosato sembrano agire come tossici per la riproduzione, con un’ampia gamma di effetti sui sistemi riproduttivi sia del maschio che della femmina, inclusi disturbi endocrini, danni ai tessuti e disfunzione della gametogenesi.
  • Il documento del giugno 2020 pubblicato su Environmental Pollution, L’esposizione neonatale a un erbicida a base di glifosato altera la differenziazione uterina degli agnelli prepuberi, rileva che l’esposizione neonatale a erbicidi a base di glifosato ha ridotto la proliferazione cellulare e alterato l’espressione di molecole che controllano la proliferazione e lo sviluppo in l’utero, potenzialmente compromettendo la salute riproduttiva femminile degli ovini.
  • Uno studio del luglio 2020 sulla rivista Toxicology and Applied Pharmacology, le proteine ​​dello stress ossidativo e mitocondriale ovarico sono alterate dall’esposizione al glifosato nei topi, ha trovato indicazioni che “l’esposizione cronica a basso livello al glifosato altera il proteoma ovarico e può in ultima analisi influire sulla funzione ovarica”.
  • Uno studio del settembre 2020 su Food and Chemical Toxicology, l‘esposizione perinatale al glifosato o a una formulazione a base di glifosato sconvolge l’ambiente ormonale e uterino durante lo stato recettivo nei ratti, riporta che l’esposizione perinatale a un erbicida a base di glifosato “ha interrotto la molecola ormonale e uterina critica obiettivi durante lo stato ricettivo, possibilmente associati ai fallimenti dell’impianto “
  • Uno studio ecologico e sulla popolazione del 2018 condotto in Argentina ha rilevato alte concentrazioni di glifosato nel suolo e polvere nelle aree agricole che hanno anche riportato tassi più elevati di aborto spontaneo e anomalie congenite nei bambini, suggerendo un legame tra l’esposizione ambientale al glifosato e problemi riproduttivi. Non sono state identificate altre fonti di inquinamento rilevanti.
  • Uno studio del 2018 sui ratti condotto da ricercatori argentini ha collegato l’esposizione di glifosato perinatale a bassi livelli a prestazioni riproduttive femminili compromesse e anomalie congenite nella prossima generazione di prole.
  • Uno studio di coorte di nascita in Indiana pubblicato nel 2017 – il primo studio sull’esposizione al glifosato in donne incinte statunitensi che utilizzavano campioni di urina come misura diretta dell’esposizione – ha rilevato livelli di glifosato in oltre il 90% delle donne in gravidanza testate e ha scoperto che i livelli erano significativamente correlato con la durata ridotta della gravidanza.
  • Uno studio del 2011 su Reproductive Toxicology ha riportato che il glifosato altera lo sviluppo riproduttivo della prole maschile interrompendo l’espressione delle gonadotropine.
  • Uno studio del 2009 in Toxicology ha scoperto che gli erbicidi a base di glifosato sono tossici e interferenti endocrini nelle linee cellulari umane.

Malattie del fegato

  • Uno studio del 2017 ha associato esposizioni di glifosato croniche a livelli molto bassi alla steatosi epatica non alcolica nei ratti. Secondo i ricercatori, i risultati “implicano che il consumo cronico di livelli estremamente bassi di una formulazione GBH (Roundup), a concentrazioni ammissibili equivalenti al glifosato, è associato a marcate alterazioni del proteoma epatico e del metaboloma”, i biomarcatori della NAFLD.

Alterazioni del microbioma

  • L’articolo del novembre 2020 sul Journal of Hazardous Materials riporta che circa il 54% delle specie nel nucleo del microbioma intestinale umano sono “potenzialmente sensibili” al glifosato. Con una “grande proporzione” di batteri nel microbioma intestinale sensibili al glifosato, l’assunzione di glifosato “può influenzare gravemente la composizione del microbioma intestinale umano”, hanno detto gli autori nel loro articolo.

Nuovi documenti sul glifosato indicano “urgenza” per ulteriori ricerche sull’impatto chimico sulla salute umana, di Carey Gillam, USRTK (11.23.2020)

  • Una revisione della letteratura del 2020 sugli effetti del glifosato sul microbioma intestinale conclude che “i residui di glifosato sul cibo potrebbero causare disbiosi, dato che i patogeni opportunisti sono più resistenti al glifosato rispetto ai batteri commensali”. Il documento continua: “Il glifosato può essere un fattore scatenante ambientale critico nell’eziologia di diversi stati patologici associati alla disbiosi, tra cui la celiachia, la malattia infiammatoria intestinale e la sindrome dell’intestino irritabile. L’esposizione al glifosato può anche avere conseguenze per la salute mentale, tra cui ansia e depressione, attraverso alterazioni nel microbioma intestinale “.
  • Uno studio sui ratti del 2018 condotto dall’Istituto Ramazzini ha riportato che l’esposizione a basse dosi a Roundup a livelli considerati sicuri ha alterato in modo significativo il microbiota intestinale in alcuni dei cuccioli di ratto.
  • Un altro studio del 2018 ha riportato che livelli più elevati di glifosato somministrati ai topi hanno interrotto il microbiota intestinale e causato ansia e comportamenti depressivi.

Impatti dannosi api e farfalle monarca

  • Uno studio del 2018 ha riportato che il glifosato ha danneggiato i batteri intestinali benefici nelle api mellifere e le ha rese più inclini a infezioni mortali. Ciò ha fatto seguito a una ricerca dalla Cina che mostrava che le larve di api crescevano più lentamente e morivano più spesso se esposte al glifosato, e uno studio del 2015 che ha scoperto che i livelli di esposizione sul campo alteravano le capacità cognitive delle api mellifere.
  • La ricerca del 2017 ha correlato l’uso di glifosato con una ridotta popolazione di farfalle monarca, probabilmente a causa della riduzione di euforbia, la principale fonte di cibo per le farfalle monarca.

Cause contro il cancro

Più di 42.000 persone hanno intentato una causa contro la Monsanto Company (ora Bayer) sostenendo che l’esposizione all’erbicida Roundup ha causato loro o ai loro cari lo sviluppo di linfoma non Hodgkin (NHL) e che Monsanto ha coperto i rischi. Come parte del processo di scoperta, Monsanto ha dovuto girare milioni di pagine di documenti interni. Pubblicheremo questi documenti Monsanto non appena saranno disponibili. Per notizie e suggerimenti sulla legislazione in corso, vedere Roundup Trial Tracker di Carey Gillam . I primi tre processi si sono conclusi con grandi riconoscimenti ai querelanti per responsabilità e danni, con giurie che hanno stabilito che il diserbante della Monsanto è stato un fattore che ha contribuito in modo sostanziale allo sviluppo della NHL. Bayer fa appello contro le sentenze.

Influenza della Monsanto nella ricerca: nel marzo 2017, il giudice del tribunale federale ha svelato alcuni documenti interni della Monsanto che sollevavano nuove domande sull’influenza della Monsanto sul processo EPA e sui regolatori della ricerca su cui fanno affidamento. I documenti suggeriscono che le affermazioni di lunga data della Monsanto sulla sicurezza del glifosato e del Roundup non si basano necessariamente su una solida scienza come afferma la società, ma sugli sforzi per manipolare la scienza.

Maggiori informazioni sull’interferenza scientifica:

Scienziati dello Sri Lanka hanno assegnato il premio per la libertà AAAS per la ricerca sulle malattie renali

L’AAAS ha premiato due scienziati dello Sri Lanka, Drs. Channa Jayasumana e Sarath Gunatilake, il premio 2019 per la libertà e la responsabilità scientifica per il loro lavoro di “investigare una possibile connessione tra glifosato e malattia renale cronica in circostanze difficili”. Gli scienziati hanno riferito che il glifosato svolge un ruolo chiave nel trasporto di metalli pesanti ai reni di coloro che bevono acqua contaminata, portando ad alti tassi di malattia renale cronica nelle comunità agricole. Vedere articoli in SpringerPlus (2015), BMC Nephrology (2015), Environmental Health (2015), International Journal of Environmental Research and Public Health (2014). Il premio AAAS era stato sospeso durante una feroce campagna di opposizione da parte degli alleati dell’industria dei pesticidi per minare il lavoro degli scienziati. Dopo una revisione, l’AAAS ha ripristinato il premio.

Essiccazione: un’altra fonte di esposizioni alimentari

Alcuni agricoltori usano il glifosato su colture non OGM come grano, orzo, avena e lenticchie per essiccare il raccolto prima del raccolto al fine di accelerare il raccolto. Questa pratica, nota come essiccazione, può essere una fonte significativa di esposizione alimentare al glifosato.

Glifosato negli alimenti: gli Stati Uniti silenziano i test

L’USDA ha abbandonato silenziosamente un piano per iniziare a testare il cibo per i residui di glifosato nel 2017. I documenti interni dell’agenzia ottenuti da US Right to Know mostrano che l’agenzia aveva pianificato di iniziare a testare oltre 300 campioni di sciroppo di mais per il glifosato nell’aprile 2017. Ma l’agenzia ha ucciso il progetto prima che iniziasse. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha avviato un programma di test limitato nel 2016, ma lo sforzo è stato irto di controversie e difficoltà interne e il programma è stato sospeso a settembre 2016. Entrambe le agenzie hanno programmi che testano annualmente gli alimenti per i residui di pesticidi, ma entrambi hanno saltato regolarmente i test per il glifosato.

Prima della sospensione, un chimico della FDA ha trovato livelli allarmanti di glifosato in molti campioni di miele degli Stati Uniti, livelli che erano tecnicamente illegali perché non c’erano livelli ammissibili stabiliti per il miele dall’EPA. Ecco un riepilogo delle notizie sul glifosato trovato negli alimenti:

Pesticidi nel nostro cibo: dove sono i dati sulla sicurezza?

I dati USDA del 2016 mostrano livelli rilevabili di pesticidi nell’85% degli oltre 10.000 alimenti campionati, dai funghi all’uva ai fagiolini. Il governo afferma che i rischi per la salute sono minimi o nulli, ma alcuni scienziati dicono che ci sono pochi o nessun dato a sostegno di tale affermazione. Vedere “Prodotti chimici sul nostro cibo: Quando” sicuro “potrebbe non essere veramente sicuro: il controllo scientifico dei residui di pesticidi negli alimenti cresce; protezioni normative messe in discussione “, di Carey Gillam (11/2018).

Fonte: si ringrazia per la preziosa e dettagliata ricostruzione USRTK