Argentina, proteste contro piano per trasformarla in maxi riserva di suini per la Cina

Nonostante il piano porterebbe molto lavoro nel paese sull’orlo della bancarotta, gli argentini non ci stanno a diventare territorio di allevamenti intensivi per l’enorme consumo di carne suina del popolo cinese. Come riporta il Guardian, il piano sponsorizzato dal governo per sovralimentare l’industria del maiale argentina con capitale cinese sta generando una resistenza senza precedenti. Quasi 400.000 persone hanno firmato petizioni contro il piano per trasformare l’Argentina in uno dei principali fornitori di carne suina della Cina. Un investimento di 3,5 miliardi di dollari che – secondo il governo argentino – genererà 2,5 miliardi di esportazioni annuali di carne di maiale e fornirà 9.500 nuovi posti di lavoro.

Rimpiazzare gli allevamenti rovinati dalla peste suina

“La Cina spera che la carne di maiale sudamericana possa compensare le perdite di lividi dopo la recente diffusione della peste suina africana (PSA) attraverso i suoi allevamenti di maiali, uccidendo milioni di animali. Un sondaggio condotto su 1.500 allevamenti di suini cinesi lo scorso anno ha mostrato che il 55% aveva abbandonato i piani per allevare nuovamente i maiali a causa del rischio di malattie future” scrive il quotidiano inglese. Funzionari cinesi e argentini stanno elaborando un quadro per trasformare l’Argentina in una “fabbrica” di carne di maiale con l’installazione di 25 allevamenti di suini di circa 12.500 scrofe ciascuno per soddisfare il crescente appetito della Cina per il maiale. Ciò praticamente raddoppierebbe le attuali 350.000 scrofe argentine e aumenterebbe la produzione da 700.000 tonnellate annue di oggi a 900.000 tonnellate in quattro anni. Ogni impianto sarà un’installazione integrata, dalla lavorazione del grano per l’alimentazione animale all’allevamento dei suini, al macello e al confezionamento.

La paura che si trasformino in focolai di malattie

Ma per gli ambientalisti argentini la Cina sta “esternalizzando il rischio di una ripetizione di tali focolai spostando la produzione offshore”. L’autore ambientalista Soledad Barruti, che ha consegnato le 200.000 firme ai funzionari del ministero degli Esteri che si occupano dei negoziati in Cina, ha dichiarato: “La sensibilità del pubblico è accresciuta dalla pandemia di coronavirus, che per caso ha avuto origine dal contagio animale. Quindi non sorprende, considerando come l’allevamento intensivo di suini su larga scala sia già associato nella mente del pubblico alla diffusione delle malattie, che così tanti rifiutino l’idea “. I maiali, scrive il Guardian, hanno una capacità unica di incubare virus che possono rimbalzare tra esseri umani, uccelli e maiali, scambiando i geni in un processo chiamato “riassortimento”, motivo per cui i maiali sono considerati potenziali “vasi di miscelazione” per future pandemie mortali da alcuni epidemiologi.

La tentazione dell’autosufficienza

Il governo argentino vede l’accordo sui maiali con la Cina come un’opportunità per trasformare le sue principali esportazioni – mais e soia, venduti principalmente come mangime per animali in Cina e in Europa – in un prodotto a valore aggiunto. “Idealmente smetteremmo di vendere mangimi per gli animali di altri e inizieremmo a nutrire i nostri stessi animali per vendere tagli di carne in tutto il mondo”, ha detto il presidente argentino Alberto Fernández durante una conferenza online del Consiglio delle Americhe dopo l’annuncio del potenziale accordo con la Cina lo scorso mese.

La deforestazione che incombe come in Amazzonia

Ma la preoccupazione degli ambientalisti è che in Argentina succeda quello che sta drammaticamente condizionando le foreste pluviali in Brasile: centinaia di migliaia di ettari aggiuntivi da destinare a colture di mais e soia, probabilmente aggiungendosi alla deforestazione inarrestabile dell’Argentina nella sua fragile foresta del Gran Chaco, la seconda foresta più grande del Sud America dopo l’Amazzonia, secondo Farn, un fondazione per l’ambiente e le risorse naturali con sede a Buenos Aires. Dunque, si chiedono in tanti in Argentina, quali saranno i costi ambientali per quei nuovi posti di lavoro? Se non ne valesse la pena, sarà impossibile tornare indietro.