venerdì, 7 Ottobre 2022

Tag: Amazzonia

deforestazione

Deforestazione, l’Ue frena l’importazione di caffè, cacao e mais da zone...

Il Regolamento che la Commissione europea ha presentato a novembre scorso ha iniziato il suo iter legislativo con un voto in Commissione che amplia la lista dei prodotti la cui produzione non è responsabile della deforestazione
Amazzonia

“Dom Phillips e Bruno Pereira le ultime vittime della guerra di...

Da giorni il giornalista Dom Phillips e l'avvocato Bruno Araújo Pereira sono scomparsi in Amazzonia. Il Salvagente ha incontrato un amico e un ex collega di Pereira, costretto a espatriare dal Brasile per le minacce di morte ricevute nel suo ruolo pubblico di difensore di ambiente e indigeni. E ci ha raccontato come sia forte l'ipotesi che i due siano caduti in un'imboscata.
ORO AMAZZONIA

Amazzonia, le miniere d’oro che portano distruzione e violenza nelle riserve...

Nell'Amazzonia brasiliana continuano le devastazioni causate dalle miniere illegali d'oro. Non solo inquinamento ambientale ma violenze e abusi sulle popolazioni indigene. Una filiera sporca che arriva anche in Italia
AMAZZONIA

Amazzonia in pericolo, con Bolsonaro la deforestazione è aumentata del 75%

È quanto emerge emerge dal rapporto di Greenpeace, che si basa sui dati raccolti dall’Istituto brasiliano di ricerche spaziali (Inpe): nel 2019, anno in cui Bolsonaro entrò in carica, il tasso annuo di deforestazione in Amazzonia era di 7.536 km2. Tre anni dopo, l’Inpe ha annunciato che, tra agosto 2020 e luglio 2021, sono stati distrutti 13.235 km2 di Amazzonia
deforestazione

Cargill continua a incentivare la deforestazione dell’Amazzonia

Secondo un recente rapporto, Cargill continua ad acquistare soia e mais da una fattoria legata alla deforestazione in Amazzonia, nonostante si sia impegnato a ripulire le sue catene di approvvigionamento globali
JBS KING'S PRINCIPE

La brasiliana Jbs (dopo Rigamonti) fa shopping in Italia e compra...

La Jbs, leader mondiale nella produzione di carne e accusata più volte di favorire la deforestazione in Amazzonia, compra altri due storici marchi del made in Italy: dopo Rigamonti e la bresaola tocca ai prosciutti King's e Principe. Mentre l'Europa chiude alla carne brasiliana, il big carioca sbarca in Italia

Nike, Adidas, Zara e altri: tutti i marchi legati alla deforestazione...

Uno studio condotto dalla Ong Stand Earth mette in relazione più di 150 marchi di moda con la deforestazione nella foresta pluviale amazzonica, a partire dalla materia prima di cui hanno bisogno: la pelle. Tra i nomi sollevati associati alla deforestazione ci sono: Louis Vuitton, Dior, Guess, H&M, Nike, Zara, Vans, Tiffany & Co e Tommy Hilfiger. L'Italia è il secondo importatore al mondo di pelle da zone critiche
SOIA AMAZZONIA

Amazzonia, ambientalisti contro il piano del governo per gli allevamenti intensivi...

Si chiama Amacro, la cosiddetta zona di sviluppo sostenibile pensata dal governo brasiliano per permettere agli allevatori di bestiame di prosperare nel territorio amazzonico, già durante messo alla prova proprio per le deforestazioni legate ad allevamenti e coltivazioni di soia. L'idea, contestata da diversi ricercatori, è che aumentando l'allevamento intensivo si riduca la deforestazione

Deforestazione, le responsabilità dell’Italia terzo importatore di soia dal Brasile

Greenpeace Italia: “L’Ue deve varare una normativa rigorosa che impedisca l’ingresso sul mercato comunitario di prodotti e materie prime legati alla violazioni dei diritti di Popoli Indigeni e alla distruzione di foreste ed ecosistemi essenziali”.
DEFORESTAZIONE

Amazzonia, l’appello di Animal Equality per fermare la deforestazione illegale

Il team investigativo di Animal Equality si è recato nello stato del Mato Grosso per indagare sugli incendi nelle foreste del Pantanal e nella savana del Cerrado, raccogliendo interviste e testimonianze di coloro che sono in prima linea nella battaglia contro la deforestazione
DEFORESTAZIONE AMAZZONIA

Deforestazione in Amazzonia e soia Ogm: la cortina fumogena dell’Ambasciata brasiliana

L'Ufficio Agrobusiness dell'Ambasciata brasiliana ci scrive una nota piccata dopo l'articolo sulla crescita record degli incendi in Amazzonia. La deforestazione non è legata alla coltivazione di soia, afferma, al contrario di quanto avviene in Europa. Ma i dati scientifici e le inchieste giornalistiche disegnano decisamente un'altra realtà
DEFORESTAZIONE IN AMAZZONIA

La deforestazione in Amazzonia continua ad aumentare, nel silenzio generale

Tra agosto 2020 e luglio 2021, la foresta pluviale ha perso 10.476 chilometri quadrati, un'area 13 volte più grande di New York City. I nuovi dati parlano di un aumento record della deforestazione in Amazzonia sotto il governo di Jair Bolsonaro legato agli interessi dell'industria agricola, zootecnica e mineraria. Ma da questa parte del mondo si continuano a chiudere gli occhi sull'ecocidio e sul genocidio dei popoli indigeni.