Gas serra: Nestlé, Danone e C. ne producono più che i due big dei combustibili fossili

Nestlé

Le emissioni complessive di 13 giganti del settore lattiero-caseario, tra cui Danone e Nestlé. superano quelle dei due maggiori produttori di combustibili fossili del mondo, oltre ad essere aumentate dell’11% in soli due anni. A dirlo è uno studio pubblicato dall’Institute for agriculture & trade policy (Iatp). I gas presi in considerazione sono i Ghg,  che producono l’effetto serra.  A riportare lo studio è FoodNavigator, che scrive: “BHP, una società australiana che opera nel settore minerario, petrolifero e del gas, e la compagnia petrolifera statunitense ConocoPhillips sono considerati due dei maggiori produttori di combustibili fossili al mondo”. E nonostante ciò, tra il 2015 e il 2017 le loro emissioni complessive sono state inferiori a quelle delle 13 major di latte, cinque con sede in Europa. Tra queste Group Lactalis, Danone, FrieslandCampina, Arla Foods e Nestlé. Solo gli ultimi due hanno ridotto i gas a effetto serra nel corso dei due anni.

Le aziende più inquinanti

Lo studio ha rilevato che il maggiore aumento delle emissioni è arrivato dalla più grande cooperativa lattiero-casearia indiana, Amul. Il più grande emettitore con sede nell’UE, che è anche il terzo produttore mondiale, è stato Group Lactalis. L’aumento del 30% delle emissioni è arrivato quando l’attività ha sostenuto l’espansione internazionale in India, Turchia, Brasile, Messico, Uruguay, Argentina, Fame e Romania, ha osservato lo studio. Un altro gigante lattiero-caseario con sede nell’UE, Danone, ha aumentato la sua produzione e le emissioni del 15%.

La difesa del settore

Un portavoce della European Dairy Association ha commentato: “Ogni volta che ti impegni in un paese come l’India, le Filippine o il Pakistan per citarne alcuni esempi, molto spesso stai affrontando una resa del latte estremamente bassa per vacca, la fonte più significativa di GHG nel settore lattiero-caseario”, “Mi sembra logico che in quel contesto per la prima volta i dati complessivi sulle emissioni di gas a effetto serra possano aumentare.”

“Poco controllo pubblico su questo settore”

L’autrice dello studio Shefali Sharma spiega: “A differenza del crescente controllo pubblico sulle aziende produttrici di combustibili fossili, esiste una scarsa pressione pubblica per ritenere le società globali di carne e prodotti lattiero-caseari responsabili delle loro emissioni, anche se l’evidenza scientifica sostiene che il nostro sistema alimentare è responsabile fino al 37% di tutte le emissioni globali”. Anche se i governi hanno firmato l’accordo di Parigi nel 2015 per frenare in modo significativo le emissioni globali, l’aumento di 32,3 milioni di tonnellate (MtCO2eq) di GHG di queste società equivale all’inquinamento derivante da 6,9 milioni di autovetture guidate in un anno (13,6 miliardi di litri o 3,6 miliardi di litri di benzina).

L’appello ai governi

Danone, Arla, Fonterra e Nestlé si sono impegnati a ridurre le loro emissioni. E Danone e Arla stanno monitorando le emissioni della loro catena di approvvigionamento attraverso obiettivi di riduzione dell ‘”intensità delle emissioni”. L’IATP esorta i regolatori ad agire. “I governi devono iniziare integrando gli obiettivi climatici all’interno delle loro politiche agricole a livello nazionale”, ha osservato Sharma nel rapporto. “Questi obiettivi climatici dovrebbero affrontare le strategie per costruire la resilienza climatica e ridurre le emissioni”.