Latte in polvere, Oms e Unicef: i governi non fanno abbastanza contro le fake news

latte

L’Oms e l’Unicef stanno incoraggiando le donne a continuare ad allattare durante la pandemia di Covid-19. Come riporta Diaryreporter, secondo le organizzazioni la pandemia di coronavirus evidenzia la necessità di una legislazione più forte per proteggere le famiglie da affermazioni potenzialmente false o pratiche di marketing aggressive.

La paura del Covid-19

Il latte materno è importante per i neonati, in quanto fornisce anticorpi che danno ai bambini una spinta sana e li proteggono da molte malattie infantili. Patti Rundall, di Ibfan (International Baby Food Action Network) spiega a Dairyreporter: “La paura della trasmissione Covid-19 sta eclissando l’importanza dell’allattamento al seno – e in troppi paesi le madri e i bambini vengono separati alla nascita – rendendo l’allattamento al seno e il contatto pelle a pelle difficili se non impossibili”. “Tutto sulla base di nessuna prova. Nel frattempo l’industria alimentare per l’infanzia sta sfruttando i timori di infezione, promuovendo e distribuendo formula gratuita e consigli fuorvianti, sostenendo che le donazioni sono umanitarie e che sono partner affidabili”.

Il rapporto

Dei 194 paesi analizzati nel rapporto, 136 hanno adottato una qualche forma di misura legale relativa al Codice internazionale di commercializzazione dei sostituti del latte materno e alle successive risoluzioni adottate dall’Assemblea mondiale della sanità . L’attenzione al Codice è in aumento, poiché 44 paesi hanno rafforzato le loro normative in materia di marketing negli ultimi due anni. Tuttavia, le restrizioni legali nella maggior parte dei paesi non coprono completamente la commercializzazione che si verifica nelle strutture sanitarie. Solo 79 paesi vietano la promozione di sostituti del latte materno nelle strutture sanitarie e solo 51 hanno disposizioni che vietano la distribuzione di forniture gratuite oa basso costo all’interno del sistema sanitario. Solo 19 paesi hanno vietato la sponsorizzazione di riunioni di associazioni di professionisti scientifici e sanitari da parte dei produttori di sostituti del latte materno, che includono la formula per neonati, la formula e il latte di crescita commercializzato per l’uso da parte di neonati e bambini fino a 36 mesi.

Grave ostacolo da parte del marketing aggressivo

Francesco Branca, direttore del dipartimento di nutrizione e sicurezza alimentare dell’Oms spiega: “La commercializzazione aggressiva dei sostituti del latte materno, in particolare attraverso gli operatori sanitari di cui i genitori si fidano per i consigli nutrizionali e sulla salute, costituisce un grave ostacolo al miglioramento della salute dei neonati e dei bambini in tutto il mondo”. “I sistemi sanitari devono agire per aumentare la fiducia dei genitori nell’allattamento al seno senza influenza industriale, in modo che i bambini non perdano i suoi benefici salvavita”. L’Oms e l’Unicef raccomandano ai bambini di nutrirsi solo di latte materno per i loro primi sei mesi, dopodiché dovrebbe continuare l’allattamento – oltre al nutrimento con altri alimenti nutrienti e sicuri – fino ai due anni o più.

Dati chiari

Le organizzazioni hanno affermato che i bambini allattati esclusivamente al seno hanno una probabilità 14 volte inferiore di morire rispetto ai bambini che non sono allattati al seno (su questo influiscono anche le condizioni igieniche in cui viene preparato il latte in polvere). Tuttavia, oggi, solo il 41% dei bambini dalla nascita ai sei mesi è allattato esclusivamente al seno, un tasso che gli Stati membri dell’Oms si sono impegnati ad aumentare almeno del 50% entro il 2025.

Gli ostacoli dovuti al Covid

I servizi sanitari volti a supportare le madri nell’allattamento al seno, tra cui la consulenza e il supporto qualificato per l’allattamento, sono tesi a causa della crisi COVID-19. Le misure di prevenzione delle infezioni, come l’allontanamento fisico, rendono difficile il proseguimento della consulenza comunitaria e dei servizi di supporto da madre a madre, che secondo le organizzazioni lascia un’apertura all’industria dei sostituti del latte materno per sfruttare la crisi e ridurre la fiducia in l’allattamento al seno. “Dobbiamo più che mai intensificare gli sforzi per garantire che ogni madre e famiglia riceva la guida e il sostegno di cui hanno bisogno da un operatore sanitario qualificato per allattare i propri figli, fin dalla nascita, ovunque” spiega il report.

I divieti

Il Codice vieta qualsiasi forma di promozione dei sostituti del latte materno, inclusi pubblicità, regali agli operatori sanitari e distribuzione di campioni gratuiti. Le etichette non possono fare affermazioni nutrizionali e sulla salute o includere immagini che idealizzano la formula per l’infanzia. Invece, le etichette devono contenere messaggi sulla superiorità dell’allattamento al seno rispetto alla formula e sui rischi di non allattare al seno. L’Oms e l’Unicef hanno invitato i governi a rafforzare urgentemente la legislazione sul Codice durante la pandemia di Covid-19. Anche i governi e le organizzazioni della società civile non dovrebbero cercare o accettare donazioni di sostituti del latte materno in caso di emergenza