Cannabis light in Italia, aumentati i consumi durante il lockdown

Com’è cambiato il consumo di cannabis light durante la quarantena? La domanda insolita se l’è posta EasyJoint, produttore di derivati da cannabis legale, che ha commissionato un questionario tra i consumatori.  Le risposte ricevute tra il 14 ed il 19 aprile sono state 1437 di cui il 78% uomini ed il 22% donne domiciliati per il 61% in provincia e al 38% in capoluoghi di provincia o regione.
Un primo dato degno di nota è la composizione anagrafica del campione: l’86% ha un’età compresa tra i 25 ed i 55 anni a cui si aggiunge un 5% di consumatori over 55.
Il consumatore di cannabis light in Italia è un consumatore adulto e già in età lavorativa, pienamente inserito nella società, che prima del lockdown acquistava al 40% in negozi specializzati per la competenza degli esercenti o per poter scegliere con maggior consapevolezza i prodotti (24%) o per comodità (26%).
“Tale dato – scrive EasyJoint – in linea con tutte le evidenze riscontrate in questi ultimi 3 anni, dimostra come il mercato della cannabis light sia ben diverso rispetto al mercato (illegale) della cannabis ricreativa e come le speculazioni politiche di chi vorrebbe impedire la piena accettazione istituzionale del settore utilizzando come principale, se non unica, argomentazione la supposta “difesa dei nostri figli”, sia un’argomentazione priva di riscontri oggettivi. Solo il 9% dei consumatori ha un’età compresa tra i 18 e 24 anni”

Dove si acquista

Durante il lockdown, il mercato della cannabis light ha subito una forte trasformazione. Se fino a gennaio i consumatori si dividevano equamente tra le due opzioni di acquisto, negozio fisico (49%) e siti online (48%), le misure di distanziamento sociale hanno bloccato la vendita nei negozi spostando la clientela sui siti online o i servizi di delivery.
“Una nota interessante è notare come in passato il canale delle tabaccherie fosse utilizzato solo dall’10% dei consumatori, canale quindi non ritenuto idoneo se si cercano informazioni più approfondite e competenze specifiche” scrive EasyJoint.

I consumi

Prima dell’emergenza da Covid-19, l’86% dei consumatori utilizzava non più di 5gr di cannabis light a settimana con una prevalenza (50%) di chi ne utilizzava solo 1 grammo. Il consumo medio, fino a gennaio 2020 era di 2,93 grammi a settimana. Negli ultimi mesi il consumo è aumentato: 4,01gr pro capite. Si riduce del 10% la fetta di chi consuma meno di un grammo a settimana. Vi è uno scivolamento tra il consumo sotto il grammo verso la fascia fino a 5gr con un aumento del 7% di chi ne consuma oggi tra i 5 ed i 10 grammi a settimana, mentre raddoppiano, passando dal 2 al 4%, quelli che ne usano più di 10 grammi a settimana.

Le motivazioni

Rimane costante nel tempo l’utilizzo di cannabis light per risolvere od attenuare un problema fisico, così come rimane costante nel tempo l’utilizzo per combattere la dipendenza da nicotina e tabacco (12% prima, 11% oggi) o la sostituzione, totale o parziale, della cannabis da strada con la cannabis light (dal 10 all’11%); più in generale, variano di poco le motivazioni all’acquisto tra il prima e il dopo. Un 24%, ora 23%, utilizza cannabis light per risolvere problemi di ansia e per relax ed un costante 20% la utilizza per migliorare la qualità del sonno. Vi è un incremento del 3% tra chi la utilizza per migliorare l’umore. Alla domanda specifica se la cannabis light abbia aiutato in questo periodo di quarantena ben l’87% ha risposto di sì di cui per il 50% ha aiutato ad alleviare situazioni di ansia e stress.

L’appello al governo

“In questi 45 giorni di quarantena la cannabis light ha migliorato la qualità della vita di molte persone costrette a rimanere in casa, preoccupate per la situazione e smarrite per il futuro – dichiara Luca Marola, il fondatore di EasyJoint. L’ansia e lo stress accumulati in queste giornate sono stati attenuati anche dalla cannabis light, consumata regolarmente da una buona fetta di nostri concittadini. Le tante mail e testimonianze ricevute, suffragate dai risultati della nostra indagine, ci rendono consapevoli di aver contribuito positivamente al benessere psicofisico di molte persone, e questo è fonte di orgoglio. Sta ora alle istituzioni farsi carico di risolvere l’annosa questione sulla liceità della vendita della cannabis light e sta al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte dare sostanza agli impegni presi il 28 dicembre scorso, quando in una conferenza stampa ufficiale auspicò un tavolo di riflessione molto sereno dove valutare i pro e i contro, gli impatti non solo economici ma anche culturali per trovare insieme una soluzione”.