La fastidiosa etichetta incollata sul pane può essere un rischio?

Caro Salvagente, su molti filoni di pane, specie quelli di valore maggiore (come quello a lievitazione naturale Grande Impero o quello di Altamura) si trova una taghetta attaccata con il bollino. Una “pecetta” che difficilmente si stacca e dunque viene mangiata. Vi chiedo: non potrebbe essere fonte di pericolo, tanto per la colla utilizzata che per l’inchiostro?

Sara Leonardi

Cara Sara, abbiamo notato anche noi questa abitudine da parte dei produttori e abbiamo costatato che l’etichetta non si stacca, a meno di scartare la parte della crosta che la ospita. Ecco quello che ci risponde Dario Vista, il nostro tecnologo di fiducia.

“I bollini e gli altri accessori vari estetici devono rispettare la normativa MOCA e quindi non devono rilasciare sostanze nell’alimento anche in condizioni ambientali sfavorevoli. È comunque opportuno rimuovere l’etichetta buttando la piccola parte di pane adiacente, in quanto non vi sono indicazioni riportate in confezione per il consumatore finale in merito al rispetto della normativa. Comunque è assolutamente improbabile che eventuali contaminanti raggiungano le regioni più intime del prodotto”.

A ogni modo sarebbe anche il caso che i produttori studiassero metodi alternativi che non ci costringano a gettare anche una pur minima parte di prodotto, aggiungiamo noi.