Il commissario alla salute Ue: “I pesticidi sono semplicemente insostenibili”

Stella Kyriakides, non molla di un centimetro, anzi, sui pesticidi rilancia. Dopo l’audizione (riportata dal Salvagente) che aveva portato l’Europarlamento a confermargli l’incarico a commissario per la salute e la sicurezza alimentare lunedì ha usato la mano ancora più pesante sui pesticidi, fertilizzanti e antibiotici.

Secondo quanto riportato da Euractive, la commissaria ha spiegato che: “La dipendenza dai pesticidi non è semplicemente sostenibile. È dannosa per il nostro pianeta e per i nostri cittadini”.

In edicola trovate, assieme al Salvagente sui veleni della camorra nei nostri piatti, il libro che per la prima volta traccia la storia dei rischi e del grande imbroglio dei fitofarmaci. Se non lo trovate potete richiederlo ancora in OFFERTA PROMOZIONALE qui

Nel delineare il Green Deal europeo ha ammesso che “I pesticidi sono una delle maggiori preoccupazioni per i nostri cittadini e sono fermamente convinta che possiamo ridurre il loro uso e i loro rischi nell’UE”.

Da quanto riporta Euractive gli obiettivi sarebbero stati fissati in una riduzione dei pesticidi del 50%, anche se nella versione finale del Green Deal europeo comunicata proprio l’11 dicembre, non si parla di obiettivi ma di un “aumento del livello di ambizione per ridurre significativamente l’uso e il rischio di pesticidi chimici, nonché l’uso di fertilizzanti “.

Scontentate le potenti lobby dei BigPesticides (che immaginiamo facilmente non rimarranno con le mani in mano a Bruxelles), Kyriakides ne ha avute anche per allevamenti e antibiotici.

“Il numero di antimicrobici utilizzati negli allevamenti animali e nel settore sanitario ha portato a uno dei maggiori problemi globali che affrontiamo oggi, ovvero la resistenza antimicrobica (AMR), che ha un impatto sulla salute umana”, ha affermato.

“Ciò che è salutare per il nostro pianeta è salutare anche per i nostri cittadini”, è stata la sua conclusione.