Dal 25 settembre volture solo al telefono, niente più sportello

Caro Salvagente, sono rimasto molto stupito. La sede Enel di Ferrara mi ha spiegato che se avessi voluto aprire un nuovo contatore con un contratto “ tutelato”, avrei avuto tempo fino al 30 settembre per farlo in ufficio. Da tale data in poi mi sarebbe stata data la possibilità di farlo solo telefonicamente. Certamente questo per indurre a passare ad Enel commerciale. Non mi sembra una pratica accettabile, dato che il passaggio al mercato libero è stato posticipato al 2020. Mi chiedo come agiranno nel caso di una voltura o di una successione. Questa ultima, svolta in ufficio da me lo scorso anno, è stata laboriosa ma non oso pensare di come farla telefonicamente.

Lettera firmata

 

La segnalazione del nostro lettore non è limitata al caso singolo della sede di Ferrara ma è un caso nazionale. Dal 25 settembre il Servizio Elettrico Nazionale cesserà il servizio ai clienti presso i punti fisici, cioè chiuderanno tutti gli sportelli di questo fornitore. Questa comunicazione, è contenuta anche nelle recenti fatture di periodo di Servizio Elettrico Nazionale, nella sezione “Informazione ai Clienti”. Di conseguenza, non ci saranno più i punti dove recarsi di persona a fare i contratti o, in genere, le variazioni.

Spiega Valentina Masciari, responsabile utenze di Konsumer Italia che: “Tutto ciò, sembra evidente, è stato deciso in funzione della scomparsa del Mercato Tutelato, che oramai è slittata all’ultima data utile di luglio 2020”.

Spiega l’esperta che “Fare pratiche di voltura o quant’altro, tramite telefono, contattando il numero verde dedicato, non comporta grandi difficoltà e oramai vengono gestite abbastanza agevolmente e senza particolari intoppi”.

Il fatto che poi, eventualmente, si utilizzi questo passaggio, come l’occasione di traghettare i clienti nel mercato libero è cosa scorretta. “Su questo aspetto, dice la Masciari, attendiamo anche l’esito dell’istruttoria avviata dall’ Antitrust nei confronti di Enel Energia per abuso di posizione dominante, relativamente proprio al passaggio dei clienti dal mercato vincolato a quello libero, anche se qualche indizio di comportamento scorretto, in effetti è presente”.