Pomodoro, arriva l’indicazione di origine su concentrato, sughi e pelati

È stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto interministeriale firmato dai ministri Maurizio Martina (Politiche agricole) e Carlo Calenda (Sviluppo economico) che introduce in Italia l’indicazione di origine obbligatoria anche sui derivati del pomodoro.

Oggi l’obbligo c’è sull’ortaggio fresco e sulle passate e con il provvedimento odierno si estende “ai derivati come conserve e concentrato di pomodoro, oltre che a sughi e salse che siano composti almeno per il 50% da derivati del pomodoro”. “Andiamo avanti sulla strada della trasparenza in etichetta e della qualità – ha spiegato il ministro Martina – soprattutto in una filiera strategica come quella del pomodoro. Le nuove etichette aiuteranno a rafforzare i rapporti tra chi produce e chi trasforma”.

Un provvedimento importante che spieghiamo anche nel nuovo numero in edicola del Salvagente dedicato proprio al fiume di triplo concentrato cinese che arriva in Italia e finisce sulle tavole di mezzo mondo, spesso con un richiamo truffaldino al made in Italy.

Acquista qui il nuovo numero del Salvagente con il nostro reportage sul pomodoro cinese

Cosa troveremo in etichetta?

Il provvedimento prevede che le confezioni di derivati del pomodoro, sughi e salse prodotte in Italia dovranno avere obbligatoriamente indicate in etichetta le seguenti diciture:

a) Paese di coltivazione del pomodoro: nome del paese nel quale il pomodoro viene coltivato;

b) Paese di trasformazione del pomodoro: nome del paese in cui il pomodoro è stato trasformato.

Se queste fasi avvengono nel territorio di più paesi possono essere utilizzate, a seconda della provenienza, le seguenti diciture: Paesi UE, Paesi NON UE, Paesi UE E NON UE.

Se tutte le operazioni avvengono nel nostro paese, o comunque in un unico paese, si può utilizzare la dicitura “Origine del pomodoro: Italia”.

Coldiretti: “Stop al falso made in Italy”

“Si tratta di una attesa misura di trasparenza per produttori e consumatori dopo che dall’estero – rileva la Coldiretti – sono arrivati nel 2017 ben 170 milioni di chili di derivati di pomodoro che rappresentano circa il 25% della produzione nazionale in equivalente di pomodoro fresco. Un fiume di prodotto che per oltre 1/3 arriva dagli Stati Uniti e per oltre 1/5 dalla Cina e che dalle navi sbarca in fusti da 200 chili di peso di concentrato da rilavorare e confezionare come italiano poiché nei contenitori al dettaglio è obbligatorio indicare solo il luogo di confezionamento, ma non quello di coltivazione del pomodoro”. Roberto Moncalvo, presidente della Coldiretti ha aggiunto: “Finalmente sarà possibile fare scelte di acquisto consapevoli e decidere se acquistare prodotti che arrivano da migliaia di chilometri di distanza spesso senza garantire gli standard di sicurezza europei oppure pomodori made in Italy per sostenere l’economia e il lavoro sul territorio nazionale”.

Conserve Italia: “Etichettare anche se sotto il 50%”

Maurizio Gardini, presidente di Conserve Italia e di Confcooperative rilancia: “L’obbligo di indicare l’origine del pomodoro nei trasformati come salse e sughi pronti è la risposta che attendavamo per contrastare e arginare la scarsa trasparenza e la crescita di fenomeni di contraffazione che danneggiano tutte le aziende sane che operano nella filiera del pomodoro da industria. Noi siamo favorevoli andare oltre quanto stabilito nel decreto, obbligandole imprese a indicare la provenienza della materia prima anche nei casi in cui la componente pomodoro incida per una percentuale inferiore al 50%, come è attualmente previsto nel testo”.