martedì, 11 Agosto 2020

Tag: call center

call center

Rubati oltre 1 milione di contatti Tim da usare per call...

Decine di migliaia di dati di titolari di linee telefoniche che segnalano guasti e disservizi venduti per spostare i clienti da un gestore telefonico all'altro. La procura di Roma ha arrestato 13 persone responsabili, secondo gli inquirenti, di un vero e proprio sistema di contrabbando, con cui hanno trafugato 1,2 milioni di dati personali.
easyjet rimborso voucher

Federconsumatori: “Assistenza clienti EasyJet difficili e opaca, Antitrust intervenga”

L'associazione dei consumatori: "impossibile contattare l’assistenza clienti online e consultare i costi delle telefonate. L’Antitrust intervenga a tutela del diritto degli utenti ad informazioni trasparenti".

Buongiorno, siamo di Vodafone. Le annunciamo un aumento, vuole cambiare operatore?

Parte su per giù in questo modo (ma potete anche cambiare nome della compagnia) la truffa, molto diffusa, di call center che conoscono (troppo) bene la situazione di un cliente e gli annunciano aumenti per convincerlo a passare ad altro gestore. Possibile che le compagnie non ne sappiano nulla?

Modem libero, multata WindTre: il numero verde sbarrava la strada alle...

L'Autorità garante per le comunicazioni ha comminato una sanzione di 240mila euro a WindTre per non aver rispettato la libertà del consumatore di accedere a un'offerta senza accettare al contempo il modem fornito dall'azienda. Secondo la delibera "Modem libero", infatti, i gestori non possono obbligare i consumatori ad accettare il proprio router. Nel caso in questione, alcuni consumatori aveva segnalato all'Agcom il fatto che in alcuni canali di acquisto, soprattutto tramite il contact center telefonico, alcune opzioni venivano presentante come possibili solo tramite l'acquisto del modem fornito da WindTre.

“Lavoravo nel call center con Emanuele, le voci di contagio giravano...

"Io lavoro nello stesso call center di Emanuele, stiamo allo stesso piano, lo conosco da anni". Francesca non riesce ancora a parlare al passato del collega morto dopo aver contratto il coronavirus. Secondo lei, il caso scoperto potrebbe non essere l'unico già dai primi di marzo. Il racconto è a tratti raggelante, rispetto alle condizioni in cui in piena emergenza, questi lavoratori sono stati tenuti alle postazioni pur di portare a casa uno stipendio modesto.

Emanuele, morto a 34 anni, lavorava in un call center. Perché...

Emanuele Renzi aveva 34 anni, è morto dopo aver contratto il coronavirus. Prima di mettersi in quarantena, è andato a lavorare in un grande call center romano che ha tra i committenti Tim, Eni, Sky, Poste e il Comune di Roma: duemila lavoratori, che nei giorni successivi hanno continuato a telefonare dalle loro postazioni, fianco a fianco, ignari del rischio che correvano, senza che l'azienda prendesse misure di sicurezza. Il governo ha deciso di lasciare aperti i call center. Ma è possibile garantirne la sicurezza in tutti i casi?

Multa a Wind Tre e Vodafone: poca trasparenza per invogliare ex...

L'Antitrust commina una maxi-multa a Wind Tre e Vodafone per pratiche commerciali scorrette, rispettivamente di 4,3 e 6 milioni. Inoltre, nella fase di adesione dei consumatori a tutte le offerte di telefonia mobile, le compagnie hanno pre-attivato diversi servizi e/o opzioni aggiuntivi a pagamento senza chiedere il consenso preventivamente

Bollette 28 giorni, ci scrive un cliente Tim: “Dicono che richiamano...

Di come gli operatori telefonici stiano giocando con furbizia la partita sui rimborsi abbiamo scritto in diverse occasioni. A tal proposito riportiamo di seguito una mail ricevuta da un nostro lettore, che ci racconta la sua storia che sembra confermare come siamo ben lontani dai rimborsi automatici voluti dall'Agcom. In edicola il Salvagente con lo speciale e la guida ai rimborsi, compagnia per compagnia.

28 giorni, Tim: “Rimborsi? Basta chiamare il 187”, ma il call...

Nonostante la compagnia assicuri che si può riavere in bolletta i giorni erosi con una semplice telefonata, non ci è bastato chiamare per tre volte il servizio clienti: tutti gli operatori contattati, come dimostra l'audio che alleghiamo, offrono le compensazioni alternative ma per i soldi in bolletta dicono di chiamare il garante per le comunicazioni e forniscono persino numeri diversi
agcom

Telefonia, l’Agcom apre al servizio clienti a pagamento dal 2020

Paradossalmente, la misura viene messa in campo per andare incontro all'insoddisfazione degli utenti italiani nei confronti dei numeri verdi delle compagnie. Le compagnie investono molto in call center invasivi che telefonano a spron battente i consumatori tentando di strappare un contratto telefonico. A fronte di questo, parlare con un operatore per comunicare un'esigenza è un labirinto tra voci automatiche che invitano a digitare un numero invece che un altro

Tim avverte i proprio clienti: “Attenzione alla truffa del finto call...

L'operatore disonesto si presenta come dipendente Tim e spiega che il tipo di offerta attiva per il contratto del malcapitato scadrà di lì a poche settimane. A partire dalla scadenza, la bolletta aumenterà di ben 10 euro al mese. 

Elettricità e gas: il peggior call center è quello di Acea

Abbiamo analizzato il rapporto dell'Authority per l'Energia sui reclami e la qualità dei call center delle aziende: il tempo medio di attesa per l'ex municipalizzata è di 150 secondi, per A2A 122, per Enel 109, per Eni 106. Bene Hera: l'attesa è di "soli" 78 secondi