DPO privacy: chi è il Data Protection Officer e cosa fa?

DATA PROTECTION OFFICER

Avete mai sentito parlare del Data Protection Officer, meglio conosciuto anche con l’acronimo DPO? Ecco che cos’è nello specifico, di cosa si occupa e quali sono i suoi compiti. 

Il Data Protection Officer (DPO) o Responsabile per la Protezione dei Dati (RPD), è un professionista che per ricoprire questa carica deve possedere delle ottime competenze e conoscenze di tipo giuridico, informatico, relative al risk management e infine di analisi dei processi. 

Tale figura deve avere un ruolo aziendale, che può essere sia esterno che interno e nonostante sia già presente in numerose legislazioni europee già da molto tempo, è stata introdotta ufficialmente soltanto nel 2016 con il Regolamento generale sulla protezione dei dati 2016/679, ossia con il testo normativo più importante a livello europeo nell’ambito della tutela della privacy. 

Di cosa si occupa e cosa fa il Data Protection Officer? 

Il principale compito che il Data Protection Officer ha in un’azienda, è quello di occuparsi della gestione del trattamento dei dati personali e della loro protezione, a tal proposito deve sempre accertarsi che i dati aziendali siano trattati nel rispetto delle normative vigenti sia a livello europeo che a livello nazionale. 

Gli altri compiti che il Data Protection Officer deve svolgere sono contenuti all’interno dell’articolo 39 del Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali, eccoli in sintesi: 

  • Il DPO deve informare e fornire consigli al titolare dell’azienda ed eventualmente anche ai dipendenti, in merito agli obblighi previsti dalle norme in materia di trattamento dei dati; 
  • Il DPO deve accertarsi che tali norme trovino applicazione e vengano effettivamente attuate; 
  • Il DPO deve cooperare con il titolare e quando richiesto deve fornire delle consulenze in merito alla valutazione d’impatto sulla protezione dei dati; 
  • Il DPO deve inoltre collaborare con le autorità di controllo. 

C’è da precisare però che a differenza di quanto si possa ingenuamente pensare, il DPO non è personalmente responsabile nei confronti di soggetti terzi in caso di inosservanza degli obblighi in materia di trattamento dei dati personali.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Il titolare a cui il DPO presta consulenza e assistenza, è di fatto l’unico soggetto realmente responsabile per quanto concerne il rispetto della normativa nei confronti di terzi. 

Quando è obbligatorio nominare un Data Protection Officer? 

Sempre secondo quanto stabilito all’interno del Regolamento Europeo sulla protezione dei dati personali, la designazione di un Data Protection Officer è da considerarsi obbligatoria soltanto in tre specifici casi, ecco quali: 

  • Amministrazioni ed enti pubblici, inclusi gli organismi privati che svolgono pubbliche funzioni o che esercitano pubblici poteri, devono obbligatoriamente nominare un DPO; 
  • Attività che si occupano di trattamento di dati, che per loro natura necessitano di un regolare e costante monitoraggio dei soggetti interessati dal trattamento su larga scala; 
  • Attività che si occupano di trattare su larga scala dati sensibili, relativi all’ambito della salute, giudiziario, della vita sessuale e genetico. 

Quali sono i rischi per chi non rispetta l’obbligatorietà della nomina del DPO? 

La mancata nomina del Data Protection Officer nei tre casi precedentemente indicati e dunque la trasgressione di tale norma, può essere punita con una sanzione amministrativa che può arrivare fino a 10milioni di euro o in alternativa può essere pari al 2% del fatturato annuo.