Il colosso della carne Jbs legato alla deforestazione, le nuove prove del Guardian

deforestazione

“Nuove prove sembrano collegare JBS, la più grande azienda di carne del mondo, al bestiame fornito da una fattoria dell’Amazzonia brasiliana che è sanzionato per deforestazione illegale”. A dirlo è il quotidiano inglese The Guardian che ha condotto un’inchiesta insieme a Réporter Brasil, e the Bureau of Investigative Journalism.

Il giornale scrive: “JBS e le altre principali aziende di carne bovina Minerva e Marfrig affermano che, sebbene seguano da vicino i loro fornitori diretti – le aziende agricole che forniscono direttamente i macelli – non possono essere certi che non vi sia deforestazione nella catena di approvvigionamento perché non possono monitorare i fornitori indiretti”. Ma un’indagine congiunta ha scoperto le fotografie scattate da un camionista JBS la scorsa estate che sembrano mostrarlo mentre trasportava bestiame da una fattoria con terreno sotto embargo dopo una multa per deforestazione, a una fattoria “pulita”m che vendeva poi bestiame a JBS. La multinazionale ha contestato le accuse, ma “le prove sollevano seri interrogativi sul controllo da parte di JBS della propria complessa catena di approvvigionamento, in un momento in cui il governo brasiliano è stato incaricato dagli investitori internazionali di aumentare la deforestazione e gli incendi”.

Non è la prima volta

La società è già accusata di aver acquistato bestiame da fornitori indiretti collegati a reati ambientali, deforestazione e altri crimini in Amazzonia, quattro volte in poco più di un anno, secondo Guardian, dell’Ufficio di giornalismo investigativo e del reporter Brasil e Greenpeace e Amnesty International. Questa volta, l’apparente legame tra un fornitore indiretto e JBS è stato inavvertitamente rivelato da uno dei suoi dipendenti. Nel luglio dello scorso anno, un camionista ha fotografato se stesso nella sua uniforme JBS e del suo camion JBS, con un cartello contrassegnato con “Fazenda Estrela do Aripuanã – 15 km” all’estremità meridionale della foresta pluviale amazzonica. Fazenda Estrela do Aripuanã è una fattoria vicino alla città di Aripuanã, nel nord-ovest dello stato del Mato Grosso, gestita da Ronaldo Venceslau Rodrigues da Cunha. Da Cunha è stato multato di R2.2 milioni (£ 340.000) nel 2012 per deforestazione della foresta pluviale terrestre ad Aripuanã. I registri pubblicati dall’agenzia ambientale brasiliana Ibama mostrano 1.455 ettari di terra sottoposti a un embargo ufficiale – che vieta il pascolo del bestiame – a causa della deforestazione.

Un passato che “puzza di bruciato”

L’inchiesta ha anche scoperto che la fattoria Aripuanã è stata devastata da incendi boschivi tra il 2018 e il 2019 da riferimenti incrociati di set di dati con mappe che mostrano i confini della fattoria. A Da Cunha è stato chiesto di commentare ma non ha risposto. I registri dei movimenti di bestiame mostrano che da giugno 2018 ad agosto 2019, almeno 7000 animali sono stati spediti dalla prima fattoria a una seconda fattoria, la Sangue.

La risposta di JBS

Documenti separati rivelano che la fattoria Sangue ha inviato circa 7000 capi di bestiame ai mattatoi JBS di Juína e Juara nel Mato Grosso tra novembre 2018 e novembre 2019. JBS ha dichiarato: “Il nostro sistema fa riferimento alle migliori informazioni disponibili sulla base della mappa CAR (registrazione dei terreni rurali) della proprietà, insieme alle sue coordinate geografiche, contro i dati di Ibama (agenzia ambientale nazionale). In questo caso particolare, la fattoria di raccolta non ha mostrato di trovarsi all’interno di un’area di embargo. Esaminiamo costantemente il modo in cui i nostri protocolli di sistema interagiscono con la maggior parte dei dati aggiornati disponibili e siamo determinati a far rispettare le nostre rigide politiche aziendali così come sono state identificate. ”