Come ti affibbio un’assicurazione col contratto energia. La beffa di Enel X

ENEL X
Foto di Carlo Dani

“Caro Salvagente,  informandomi tramite call center enel, per vedere se c’era la possibilità di avere una tariffa più economica, mi sono sentito consigliare Enel X, un’offerta che prevedeva l’iscrizione assicurativa. Mi è stato assicurato che avrei potuto disdirla, mantenendo la tariffa più economica. Rassicurato dal fatto che mi avrebbero mandato  a casa il contratto stipulato, con la modalità per disdire il servizio, ho accettato. A distanza di mesi, però, non mi hanno inviato ancora nulla, così ho deciso di chiamarli per vedere come disdire Enel X. E ho scoperto la beffa: avevo 14 giorni a disposizione per disdire, dopodiché per un anno la polizza non si sarebbe più potuta sospendere…”

La storia che ci ha raccontato Matteo Crippa, un nostro lettore, descrive bene l’ultima tendenza che si sta facendo strada nei contratti di fornitura luce e gas: quella di attivare  polizze assicurative, o comunque una serie di servizi aggiuntivi. Una tendenza che, tanto per cambiare, sconta la più classica tendenza a condondere le idee ai potenziali clienti che non hanno mai la piena consapevolezza di quello che vanno a sottoscrivere, quali saranno i costi aggiuntivi e quali saranno i reali benefici che si potrebbero avere in caso di utilizzo della polizza in questione.

La polizza misteriosa

Spiega Valentina Masciari, responsabile utenze dell’associazione dei consumatori Konsumer Italia: “Nel caso concreto non abbiamo le caratteristiche di questa polizza e cosa effettivamente copre, perché il signor Crippa non ha ricevuto nulla, ma contestualmente, non conoscerà neanche la nuova offerta commerciale che gli è stata proposta e quindi il reale vantaggio o risparmio rispetto alla sua precedente offerta”.

Un assurdo, di fronte al quale si possono solo fare ipotesi. Continua Masciari: “Molto probabilmente gli sarà stata attivata l’offerta Energia Pura Protezione Luce 360, che comprende il servizio Protezione Luce 360 di Enel X, cioè  una  polizza che, sinteticamente, rimborsa le rate della bolletta luce in caso di eventi imprevisti che riguardano lavoro e salute e prevede l’accesso ad una rete di tecnici specializzati, i cui interventi però saranno a pagamento, anche se si dice, con costi  agevolati”.

Il contratto scomparso di Enel X

Possibile, chiediamo a Valentina Masciari, che non abbiano mai sentito il bisogno di inviare il contratto al nostro lettore? “No, in tutti i casi di variazione del contratto, il cliente deve ricevere anche un cartaceo ma a maggior ragione in tali tipologie di offerte, dove viene compreso anche una polizza assicurativa, devo poter verificare tutte le condizioni contrattuali” ci spiega.

E aggiunge: “Aggiungo, cosa non meno importante, che questi servizi sono forniti da Enel X, società diversa da Enel Energia e quindi, sempre di più si rendeva necessario visionare ed accettare un contratto con tutte le sue caratteristiche”.

Una mancanza non certo da poco, visto che se il signor Crippa non ha mai ricevuto la documentazione in questione, non è stato messo in grado né di verificare concretamente l’offerta, né di venire a conoscenza delle modalità tramite le quali esercitare il suo diritto di ripensamento.

Per non parlare della mancata visione e accettazione di  tutte le caratteristiche di questa polizza assicurativa e di tutta la parte relativa al trattamento dei dati personali.

Il consiglio della responsabile utenze di Konsumer Italia è semplice: “A questo punto, stante la mancata visione del contratto e la mancata visione della possibilità di esercitare il diritto di ripensamento, consiglierei al lettore di contestare formalmente questo stato di cose, chiedendo la cessazione della polizza in questione, che in base a quanto previsto dall’offerta di Enel Energia, rimarrà attiva fino a quando lo stesso contratto di fornitura rimarrà in essere e solo in caso di cessazione della fornitura o cambio prodotto, la polizza cesserà di esistere”.