UK, la proposta: contro l’obesità vietare la pubblicità di cibo spazzatura prima delle 21

La Gran Bretagna sta per varare importanti piani di azione per ridurre drasticamente il fenomeno dell’obesità, un fattore di rischio per la salute che le istituzioni inglesi paragonano all”emergenza CoVid-19.

Il primo ministro britannico Boris Johnson – che si dice sia un libertario trasformato in interventista sulla questione – dovrebbe annunciare un divieto sulle promozioni dei supermercati di alimenti malsani come parte di una strategia più ampia per affrontare il problema dell’obesità della nazione.

Con l’intento di fare la loro parte, 47 associazioni tra cui Action on Sugar e Action on Salt hanno chiesto – come contromisura per arginare il fenomeno – al governo britannico di vietare la messa in onda delle pubblicità di cibo spazzatura fino alle ore 21. La ratio del divieto è quella di vietare alla visione dei bambini, i principali fruitori della tv fino a quell’ora, e questo avrebbe un impatto positivo sulla salute pubblica, consentendo alle famiglie di “vedere più dei prodotti che sono buoni per loro”.

In una recente lettera a The Times hanno scritto: “Gli annunci per cibo malsano dominano i canali TV e social media in prima serata, con l’industria alimentare che spende milioni ogni anno per mantenere i loro prodotti al centro della nostra mente. Per aiutare la nazione a essere più sana, il governo deve contemporaneamente frenare tutti i fattori che influenzano la cattiva alimentazione “.

La proposta delle organizzazioni ha trovato però subito un grande nemico nell’ente commerciale del Regno Unito, la Advertising Association, che sulla questione ha tagliato corto: “LE norme pubblicitarie del Regno Unito su cibi e bevande ricchi di grassi, sale, zucchero sono già tra le più rigorose al mondo e limitano la pubblicità di tali prodotti all’interno e intorno ai programmi TV commissionati per , o suscettibile di fare appello ai bambini “.

Il regolatore Ofcom, ad esempio, dispone già di regolamenti che vietano la pubblicità di alimenti questi alimenti durante la programmazione televisiva dei bambini.

“L’applicazione da parte dell’Autorità per gli standard pubblicitari è rigorosa, efficace e rispettata. Nell’ultimo decennio queste regole hanno ridotto l’esposizione dei bambini alla pubblicità di punk food di circa il 70%, ma i livelli di obesità hanno continuato ad aumentare gradualmente ” ha concluso l’ente.