Bollette, caro ministro l’offerta è fin troppa è il mercato libero che non conviene

Il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli in audizione alla commissione Industria al Senato ha aperto a un nuovo rinvio della fine del servizio di Maggiore tutela per le bollette di luce e gas previsto nel giugno 2020: “La questione legata al superamento del regime tariffario di Maggior tutela deve essere accompagnata da un lato con una maggior consapevolezza dei clienti e dall’altro con un aumento dei venditori, cosa che oggi non consente un’uscita da quel mercato immediata e completa dal 2020”. E ancora ha aggiunto: “È un processo che faremo nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, per accompagnare questi elementi a una proroga dell’uscita che non sarà tout court“.

Quando termina il mercato di maggior tutela?

Se venisse confermata l’intenzione di posticipare la fine del mercato di maggiore tutela (il prezzo del chilowattora e del metro cubo di gas vengono regolate ogni 3 mesi dall’Arera, l’Authority per l’Energia) prevista attualmente per giugno 2020, si tratterebbe del secondo rinvio (in precedenza lo stop era previsto per giugno 2019).

Ma davvero l’offerta è così limitata? Ad oggi ci sono circa 530 operatori autorizzati per vendere gas, luce e offerte duel fuel (combinate) mentre in molti casi le offerte che propongono sono ampiamente più care dei prezzi “regolati” dall’Authority attraverso il servizio di maggiore tutela.

Gas e luce: quale gestore è più conveniente?

Un solo esempio: tramite il Portale delle offerte gestito dall’Acquirente unico abbiamo cercato un’offerta per una famiglia di 4 persone con un consumo medio di elettricità annuo residente a Roma. Il “calcolatore” ci ha fornito ben 414 proposte commerciali, compresa quella a maggior tutela che totalizza un costo annuo di 453 euro. Qui viene il bello: su 414 proposte solo una sessantina prevedono un costo inferiore che in molti casi è di pochi euro all’anno. Per gli altri si arriva anche al triplo del costo annuo.

La domanda allora al ministro Patuanelli sorge spontanea: il problema è il numero degli operatori o il mercato libero che non funziona? I numeri non lasciano scampo.