Trump: “Vieteremo le e-cig aromatizzate”, ma le autorità Ue alzano gli scudi

Negli Usa è ormai guerra aperta alle sigarette elettroniche. A dichiararla è lo stesso presidente Donald Trump, che ha dichiarato così l’intenzione di vietare le e-cig aromatizzate: “Non possiamo permettere alle persone di ammalarsi e non possiamo vedere i nostri giovani colpiti così”. Il riferimento è alla diffusione improvvisa di una malattia correlata allo svapo che ha fatto ammalare 450 persone e provocato almeno sei morti. La stessa Food and Drug Administration degli Stati Uniti esorta le persone a evitare l’acquisto di prodotti di svapo non regolamentati. La Fda, infatti sta indigando sull’acetato di vitamina E, un additivo non autorizzato, e finito nei liquidi alla marijiana svapati negli Usa.

“In Europa nulla di simile”

La presa di posizione netta del vertice degli Stati Uniti scatena diverse reazioni anche in Europa, come riportato da Politico.Eu. Constantine Vardavas, direttore delle relazioni scientifiche della European Respiratory Society dichiara: “Non abbiamo visto nulla di simile a quello che abbiamo visto negli Stati Uniti di recente in Europa, per quanto ne sappia come scienziato, e sono abbastanza consapevole del campo”. Ancora più duro Clive Bates, ex capo dell’ente benefico del Regno Unito, Action on smoking and Health: “State terrorizzando le persone che stanno beneficiando dello svapo non fumando”, riferendosi alle autorità Usa, che starebbero creando uno degli “episodi più oscuri della salute pubblica americana … Hanno perso qualsiasi legame a prove e buone pratiche”.

L’attacco della Gran Bretagna

Il Regno Unito è il paese europeo che più sta puntando alle sigarette elettroniche come metodo per allontanare le persone da quelle tradizionali. I funzionari inglesi sostengono che la cosa peggiore che la gente possa fare è tornare alle sigarette normali per paura che i vapori possano farli ammalare. Nel corso dell’ultimo anno, secondo l’Agenzia regolatoria dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA), solo 12 casi di problemi di salute con sigarette elettroniche contenenti nicotina sono stati segnalati al sistema volontario del regolatore. Tra questi, sette riguardavano problemi respiratori e nessuno dei casi era considerato ricovero grave o richiesto. C’è stato solo un caso nel Regno Unito, somigliante alla “malattia da svapo” degli Stati Uniti, la polmonite lipoide, consistente nell’accumulo di particelle di grasso nei polmoni. I medici sospettavano che la colpa fosse del liquido di svapo del paziente. Ma c’è anche chi sostiene che l’allarme Usa possa presto atterrare anche nel vecchio continente. La società portoghese di pneumologia ha affermato in una dichiarazione che “potrebbero sorgere in altri paesi, incluso il Portogallo”, e che “L’uso di sigarette elettroniche è pericoloso e sconsigliato”

Non c’è ancora un sistema coordinato in Ue

Ma mentre diverse agenzie nazionali e dell’UE hanno dichiarato di monitorare la situazione degli Stati Uniti, non sono stati sempre in grado di dire chi sta tenendo traccia di questa sponda dell’Atlantico. Un sistema di segnalazione a livello UE è ancora in fase di realizzazione e un’ampia analisi della sicurezza delle sigarette elettroniche è prevista solo nell’autunno del 2020. Martin Dockrell, capo del controllo del tabacco presso Public Health England, ha rapidamente offerto rassicurazioni sulla sicurezza dei vapori legali. “Quello che poco sappiamo dei recenti rapporti degli Stati Uniti è che i dispositivi utilizzati sembrano essere collegati a “mix domestici” di sostanze illecite e non di prodotti da svapo legittimi”, ha affermato. “A differenza del Regno Unito, che ha una rigida regolamentazione … sulla sicurezza delle sigarette elettroniche, gli Stati Uniti non hanno alcuna regolamentazione.”

Il problema del “fatto in casa”

Ma quali sono le differenze di regolamentazione tra Usa e Ue? I regolatori statunitensi ispezionano alcuni siti di produzione di vaporizzatori e escludono alcuni ingredienti dai liquidi per sigarette elettroniche. Ma tale controllo è notevolmente meno completo della direttiva dell’UE sui prodotti del tabacco, che limita gli ingredienti e limita il livello di nicotina nei prodotti. I regolamenti dell’UE impongono inoltre ai produttori e agli importatori l’onere di individuare i problemi di salute e risolverli. I produttori devono comunicare in anticipo il contenuto di e-liquid – il che significa che i funzionari almeno sanno quali prodotti legali contengono oli che potrebbero accumularsi nei polmoni, rendendoli più facili da recuperare se necessario. Tuttavia, quando si tratta di formulazioni fatte in casa, “è difficile da regolare”, ha affermato Vardavas. In tutta l’UE, i centri antiveleni sembrano essere il punto di riferimento più regolare per documentare problemi di sicurezza. Un’analisi del 2017 di 10 paesi ha scoperto che i bambini che ingeriscono il liquido di svapo sono il problema più comunemente riportato.

La mossa dell’Unione europea per non farsi trovare impreparata

Intanto l’Ue si sta preparando per un approccio più coordinato. Vardavas è coinvolto in un progetto per aiutare i paesi a far rispettare la Direttiva sui prodotti del tabacco, e tra i loro obiettivi è quello di creare un foglio comune per la segnalazione di eventi avversi. La Commissione europea ha affermato di aver chiesto a un gruppo di consulenti scientifici esterni di emettere un parere sui rischi per la salute delle sigarette elettroniche da inserire in una relazione prevista per il maggio 2021, rendendo così la prima data in cui i dati saranno probabilmente disponibili. Nel frattempo la guerra contro le sigarette elettroniche continua.