Troppi veleni negli assorbenti, l’Autorità francese chiede alle industrie di eliminarli

Un rapporto dell’Agenzia francese per la sicurezza alimentare, l’ambiente e il lavoro (Anses) ha reso pubblico un rapporto in cui elenca i composti chimici pericolosi contenuti in assorbenti e salvassi commercializzati in Francia. Oltre ai pesticidi, i test effettuati nel 2016 hanno rivelato la presenza di numerosi idrocarburi policiclici aromatici (IPA) o ftalati nella protezione esterna, diossine e furani e DnOP (ftalato) nei tamponi. Come molte sostanze con effetti cancerogeni, mutageni o tossici per la riproduzione (CMR), o considerate come interferenti endocrini.

Contaminazione delle materie prime

Come possono queste sostanze tossiche finire nelle protezioni intime? Gli esperti di Anses osservano che i materiali di fabbricazione sono “scarsamente documentati” e che le audizioni dei produttori “non hanno permesso di caratterizzarli con precisione” .

Sulla base delle informazioni fornite dai marchi, gli esperti francesi ritengono tuttavia che, ad eccezione di una sostanza di fragranza (BMHCA, un potenziale interferente endocrino), i prodotti considerati pericolosi non sono stati aggiunti intenzionalmente. Provengono dalla contaminazione delle materie prime (pesticidi in prodotti di origine naturale derivati ​​dal cotone) e dai processi produttivi.

Gli agenti clorurati utilizzati nel processo di sbiancamento possono quindi essere all’origine della formazione di diossine e furani. Per gli IPA, che si trovano solitamente nel fumo di sigaretta e nei motori diesel, gli esperti si stanno orientando verso il montaggio o il condizionamento ad alte temperature.

“Assenza di rischi per la salute”

L’Anses è comunque rassicurante. Conclude che non esiste un “rischio di salute” dermico a causa delle “concentrazioni molto basse” misurate e tutte “senza superare le soglie di sicurezza” . Tuttavia, l’Agenzia specifica che i calcoli del rischio non tengono conto degli effetti di interferenza endocrina o degli effetti sensibilizzanti della pelle di questi composti chimici.

Anses raccomanda pertanto che i marchi migliorino la qualità delle materie prime e rivedano determinati processi di produzione al fine di “eliminare o, in mancanza di ciò, ridurre il più possibile la presenza di queste sostanze, in particolare quelli con effetti CMR, interferenti endocrini o sensibilizzanti della pelle “.

A differenza degli Stati Uniti, dove la commercializzazione delle protezioni intime – classificate come dispositivi medici – è stata regolamentata dalla fine degli anni ’70, in Francia non esistono regolamenti specifici. Nell’ambito del regolamento European Reach, ANSES sostiene un progetto per limitare le sostanze CMR nei prodotti per l’igiene femminile. È in fase di studio su iniziativa della Commissione.

Sindrome da shock tossico

Gli esperti rassicurano anche sul fatto che la sindrome da shock tossico mestruale (TCS), il principale rischio microbiologico – “raro ma potenzialmente grave” – legato all’utilizzo di protezioni intime non è dovuto alla presenza di queste sostanze chimiche.

Il rischio di sviluppare questa malattia causata da una tossina batterica aumenta con l’uso prolungato della protezione interna o l’uso di una protezione con una capacità di assorbimento superiore a quella necessaria.