Pasta e nuova etichetta: Barilla vuole “nascondere” il grano canadese?

Nel giorno in cui firma un  accordo triennale con cui si impegna ad aumentare del 40% i volumi acquistati di “grano duro sostenibile” italiano di alta qualità, Barilla annuncia il suo disappunto all’etichettatura della pasta con l’origine del grano, novità voluta dal governo Renzi: “l’origine da sola non è sinonimo di qualità” ha detto Luca Virginio, responsabile relazioni esterne del gruppo.

Cosa prevede il decreto in discussione a Bruxelles

Proprio oggi il ministro Martina ha annunciato di aver inviato a Bruxelles per la prima verifica lo schema di decreto che introduce la sperimentazione dell’indicazione obbligatoria dell’origine per la filiera grano pasta in Italia. Si avvia così l’iter autorizzativo previsto a livello europeo per arrivare a un modello di etichettatura che consentirà di indicare con chiarezza al consumatore sulle confezioni di pasta secca prodotte in Italia il Paese o l’area dove è coltivato il grano e quello in cui è macinato. La deputata Pd Colomba Mongiello che affida ad un tweed la sua soddisfazione: “Finalmente i consumatori potranno scegliere”.

Il  decreto interministeriale, firmato dai ministri Maurizio Martina (Politiche agricole) e Carlo Calenda (Sviluppo economico), è stato messo a punto lo scorso 18 novembre: il documento prevede l’indicazione del Paese di origine dell’ingrediente primario della pasta, ossia la semola, se di fatto coincide con il Paese di ultima trasformazione: “Pasta italiana prodotta con semola italiana da grano italiano” o “Pasta prodotta da semola italiana”. Inoltre, se il decreto troverà l’approvazione dell’esecutivo europeo, sulle confezioni della pasta troveremo anche l’indicazione del Paese di provenienza dell’ingrediente primario della semola, vale a dire l’origine del grano duro. Ad esempio: “Pasta italiana prodotta con semola italiana da grano canadese”. (continua dopo l’infografica)

c0h7_zdw8aagdn

Barilla dice “No”

Secondo Barilla indicare in etichetta solamente l’origine non è sinonimo di qualità. Inoltre, non incentiverebbe i coltivatori italiani a produrre grano con gli standard richiesti dai pastai, compromettendo anziché rafforzare la competitività dell’intera filiera. “Tutto a svantaggio del consumatore”, precisa il responsabile Barilla, “che potrebbe addirittura pagare di più una pasta meno buona. E l’industria della pasta, con un prodotto meno buono, perderebbe quote di mercato soprattutto all’estero.”

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente