lunedì, 22 Febbraio 2021

Tag: vitamina B12

VEGAN

La dieta vegan? Se fatta bene non dà carenze di vitamina...

Uno studio del Bfr, l'Istituto federale tedesco per la valutazione dei rischi, ha controllato 36 persone che seguono una dieta vegan e altrettante che consumano prodotti animali. Quasi tutte prendevano integratori, tanto tra i vegan che tra i non vegan. E mentre la vitamina B12 era pressoché uguale, l'istituto raccomanda l'assunzione di iodio a chi non mangia carne. E sottolinea i livelli di colesterolo più bassi di chi evita la carne.
cereali fermentati

Lo studio “Vegan”: i cereali fermentati possono fornire abbastanza vitamina B12

I cereali fermentati con Propionibacterium freudenreichii, batteri solitamente utilizzati come coltura di maturazione nel formaggio emmental, hanno abbastanza vitamina B12 (presente soprattutto in derivati animali) per essere nutrizionalmente significativi e potrebbero essere potenzialmente più economici della aggiunte comprate in farmacia. A dirlo è uno studio dell'Università di Helsinki

Quello che spesso non vi raccontano della dieta vegana

Spesso ci si divide in una guerra ideologica tra chi non rinuncia alla carne e ammonisce dalle carenze nutrizionali di una dieta vegana e chi ne magnifica la salubrità. Le cose, però, stanno diversamente come spieghiamo nella nostra rubrica Miti Alimentari

Grassi, vitamine e prosecco. Le bufale alimentari del momento

Meglio abbuffarsi di grassi che di carboidrati, La vitamina B12 fa male e il prosecco danneggia i denti. Alberto Ritieni, docente di chimica degli alimenti all'Università Federico II di Napoli fa il punto sugli studi più discussi degli ultimi giorni

Vitamine B6 e B12, pericoloso superare le dosi consigliate

Uno studio americano ha evidenziato un maggiore rischio di tumore ai polmoni per gli uomini che hanno assunto elevati dosaggi di vitamine B6 e B12 per lungo tempo. Ma degli integratori possiamo fare a meno, ciò che ci serve è già in un'alimentazione equilibrata

Diventare vegan? Più semplice di quanto si pensi

Il popolo che rifiuta qualunque alimento di origine animale è in forte crescita in Italia. E molti sarebbero interessati ma temono problemi di salute, spese maggiori, problemi di praticità. È davvero così? Nella consueta rubrica Miti Alimentari affrontiamo alcune di queste convinzioni