Amazzonia, ambientalisti contro il piano del governo per gli allevamenti intensivi “sostenibili”

SOIA AMAZZONIA

Si chiama Amacro, la cosiddetta zona di sviluppo sostenibile pensata dal governo brasiliano per permettere agli allevatori di bestiame di prosperare nel territorio amazzonico, già durante messo alla prova proprio per le deforestazioni legate ad allevamenti e coltivazioni di soia. Nelle intenzioni di Bolsonaro, questo dovrebbe mettere a tacere le proteste contro il taglio di foresta, ma gli ambientalisti non la pensano così. E non solo perché circa l’80% della deforestazione nella regione è stato attribuito all’allevamento di bestiame. Come spiega il quotidiano inglese The Guardian, che alla notizia dedica un lungo articolo, l’industria della carne bovina brasiliana spera di invogliare gli acquirenti a tornare nella regione amazzonica, che copre circa il 40% della superficie totale del paese, con un nuovo impegno che escluda deforestazione. Ma i critici temono che possa effettivamente legalizzare la deforestazione nella regione.

Il progetto Amacro

I funzionari del governo hanno iniziato a definire i dettagli della cosiddetta zona di sviluppo sostenibile Amacro, e il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, dovrebbe dare il via libera al progetto entro la fine dell’anno. La zona di Amacro – un acronimo preso dagli stati che copre: Amazonas, Acre e Rondônia – è una vasta regione di 465.800 kmq nel nord-ovest del Brasile. Per avere un’idea dell’ampiezza, basti pensare che tutta la superficie italiana si ferma a 301mila kmq. Amaacro comprende il parco nazionale di Mapinguari, la quinta area protetta più grande del Brasile, e il territorio indigeno di Kaxarari, dove la tribù ha lottato per difendere la sua terra dai taglialegna. Greenpeace ha identificato la parte settentrionale della zona come un punto caldo emergente di deforestazione.

La teoria dell’intensivo vs deforestazione

Edivan Maciel, l’ex segretario all’agricoltura dello stato di Acri, afferma che l’obiettivo è produrre più carne bovina su terreni già bonificati. Si tratta di “ottimizzare ciò che abbiamo già senza dover avanzare nella foresta”, afferma Maciel, un incaricato alleato di Bolsonaro. Ma Humberto de Aguiar, un procuratore federale di Acri che si occupa di crimini ambientali, ha detto al Guardian che l’effetto del piano è quello di “legalizzare la deforestazione già in atto”. Amacro, spiega il Guardian, nasce da un’idea di Assuero Doca Veronez, una figura potente dell’agrobusiness amazzonico, che l’anno scorso ha dichiarato a un sito di notizie brasiliano che “la deforestazione per noi è sinonimo di progresso”. Veronez, proprietario di un ranch e presidente della Federazione dell’agricoltura e del bestiame di Acre, è stato multato per deforestazione illegale nel 2006. Ha negato qualsiasi illecito e ha affermato di aver venduto la proprietà nel 2002. Veronez afferma che un allevamento di bestiame più intensivo consentirà di produrre più carne bovina su meno terra, con una resa 2,5 volte la media del paese, e di proteggere dalla deforestazione.

Ricercatori contrari

Secondo un rapporto dell’Università della California nel 2017, “potrebbe essere vero il contrario”. Judson Valentim, ricercatore presso l’agenzia di ricerca agricola brasiliana, afferma che è improbabile che l’intensificazione cambi il sistema responsabile del ritmo vertiginoso della deforestazione. “Mentre gli allevatori come Veronez possono evitare la deforestazione, i loro fornitori potrebbero non avere il lusso di farlo, afferma Valentim” scrive il giornale britannico, secondo cui “La crescente domanda di carne bovina amazzonica ha indotto più persone del posto ad allevare bestiame come mezzo di sussistenza per sfamare le proprie famiglie, portando a un forte aumento della deforestazione illegale”.

Se aumenta la pressione dei fornitori, rimane poca scelta ai piccoli allevatori

Il Guardian riporta il caso di un piccolo allevatore della zona di Amacro, multato di oltre 130mila dollari per aver disboscato illegalmente terreni nella riserva per il pascolo. Lui dice che convertire la foresta in pascolo è la sua unica opzione economica praticabile. Poiché ora la sua fattoria è stata inserita nella lista nera dai regolatori, non può vendere il bestiame direttamente ai macelli. Quindi vende a un intermediario, che vende ai grandi allevatori. “Se i grandi allevatori diventano più produttivi, anche se lo fanno senza tagliare la foresta, fanno pressione sui produttori di bestiame che distruggono le foreste sotto di loro per far crescere anche le loro attività”, dice Valentim. A riprova di ciò, sebbene la legge brasiliana limiti la maggior parte dei proprietari terrieri amazzonici a disboscare più del 20% delle loro proprietà, la mancanza di supervisione normativa aiuta a spiegare perché il 94% della deforestazione venga intrapresa illegalmente. 

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente