Scuola, come accompagnare i nostri figli in totale sicurezza

SCUOLA
Little schoolboy with his father goes to school after summer holiday. Parent accompanies or meets the child. Quality education for children. Kids back to school concept.

Consigli eregole da osservare nel tragitto casa-scuola per portare in aula i nostri figli

Le amate vacanze estive si sono ormai concluse e mentre gli adulti si preparano al rientro a lavoro, i bambini e gli adolescenti si preparano a tornare tra i banchi di scuola. 

In Italia, il problema delle insidie che il tragitto casa-scuola può riservare, anche se compiuto con qualsiasi mezzo di locomozione o a piedi, è piuttosto sottovalutato.  

Ecco perché potrebbe essere utile per i genitori che accompagnano quotidianamente i propri figli a scuola, attenzionare alcune semplici regole, utili a mettere in sicurezza i bambini. 

Strade trafficate, presenza di lavori in corso sulle strade, mancanza di eventuali strisce pedonali e scarsa visibilità attribuibile ad auto parcheggiate in malo modo, possono essere soltanto alcuni dei fattori di rischio che è possibile incontrare nel tragitto casa-scuola. 

Nel nostro paese un tema fortemente attuale e che spesso divide non poco l’opinione pubblica è quello che riguarda la possibilità di far andare i bambini a scuola da soli; in tal senso, la legge in Italia non obbliga i genitori ad accompagnare i figli a scuola, ma stabilisce che questi siano responsabili a tutti gli effetti dei propri figli e che qualora il genitore lasci da solo un minore di 14 anni, che di fatto non è in grado di cavarsela da solo, è perseguibile penalmente e la sua azione si costituisce come un reato. 

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Dunque, se è vero che nessuna legge in Italia obbliga i genitori ad accompagnare i figli a scuola, è vero anche che gli stessi sono tenuti a vigilare i propri figli e ad attenersi al rispetto di alcuni doveri, che garantiscano la sicurezza di bambini e adolescenti. 

Le regole per accompagnarli in sicurezza

Compiere il tragitto casa-scuola a piedi, quando è possibile, si configura come l’alternativa migliore che è possibile scegliere tra le tante possibili, per accompagnare i propri figli a scuola. 

Aria fresca e movimento possono infatti concedere ai piccoli dei grandi benefici, che possono ripercuotersi positivamente nella giornata scolastica ed in particolare sulla loro concentrazione e in generale sulla loro salute.  

Inoltre, scegliere di accompagnare i propri figli a scuola a piedi, può azzerare il rischio di trovare sul tragitto casa-scuola le code che si potrebbero trovare compiendolo in auto e ridurre i rischi di compiere incidenti su strada, tutelando in questo modo la sicurezza dei piccoli. 

Ecco dunque quali sono le principali regole da seguire se si sceglie di compiere il tragitto casa-scuola con i propri figli a piedi, affinché si giunga a scuola in totale sicurezza: 

  • Educazione stradale e buon esempio: la prima regola che forniamo ai genitori è quella di rispettare sempre i principi dell’educazione stradale e di istruire i propri figli al rispetto di queste regole, dando per primi il buon esempio. È per questo motivo, che compiendo il tragitto casa-scuola a piedi ogni mattina, ciascun genitore potrà spiegare ai propri figli quali sono le regole da rispettare prima di attraversare e soprattutto qual è l’importanza di osservare il colore dei semafori e di attraversare sulle strisce pedonali, avendo cura di guardare a destra e a sinistra prima di procedere con l’attraversamento. Tutto questo servirà a responsabilizzare i propri figli. 
  • Niente fretta e colazione adeguata: seconda regola che forniamo ai genitori che scelgono di accompagnare i propri figli a scuola a piedi, è quella di non avere fretta al mattino, al fine di non creare stati ansiosi nel bambino e far sì che il tragitto casa-scuola diventi per lui un’occasione di crescita personale e al contempo di scoperta, che lo aiuti a diventare responsabile e cosciente dei rischi che può incontrare su strada. Dunque, dopo aver fatto fare un’adeguata colazione al mattino ai propri figli, che può essere utile per favorire la sua concentrazione sia in strada, che a scuola, è consigliabile partire con un po’ di anticipo da casa, in modo da poter compiere il tragitto con serenità. 
  • Scelta del percorso più sicuro: la scelta del percorso da compiere a piedi per raggiungere la scuola dalla propria abitazione, è un altro aspetto fondamentale da attenzionare. Molte persone, erroneamente sono convinte del fatto che il percorso più breve, sia anche quello più sicuro per i propri figli, ma in realtà non sempre quest’affermazione si rivela veritiera. È per questo motivo che quando possibile, è buona norma scegliere sempre il tragitto che ha più semafori, attraversamenti pedonali e magari anche addetti alla sicurezza stradale, si tratta di fattori, che seppur presenti magari in un tragitto casa-scuola leggermente più lungo, si configurano come garanzie per tutelare la sicurezza dei bambini. Talvolta, alcuni comuni studiano percorsi sicuri per la sicurezza dei bambini e forniscono ai genitori delle cartine per permettergli di percorrerli con i propri figli.

Chi sceglie l’autobus

Scegliere di compiere il quotidiano tragitto casa-scuola in bus, può essere un’altra valida alternativa, anche in questo caso i genitori dovranno rispettare alcune regole per tutelare la sicurezza dei propri figli e al contempo dovranno cercare di trasmetterle agli stessi, per permettergli poi di compiere il viaggio anche da soli. 

  • Norme di comportamento da rispettare sul bus: una volta saliti sul bus, per prima cosa, è fondamentale che i genitori istruiscano i propri figli sull’importanza dell’indossare la cintura di sicurezza, una volta che gli stessi si saranno seduti sui sedili del bus. Inoltre, è utile far comprendere ai piccoli, che durante il tragitto casa-scuola, compiuto in bus, è fondamentale che si comportino in modo rispettoso, in questo modo si eviteranno eventuali distrazioni all’autista e dunque rischi per la sicurezza dei passeggeri del mezzo. 
  • Salita, discesa e norme di comportamento alla fermata del bus: quando si sceglie di percorrere il tragitto casa-scuola in bus, è utile insegnare ai propri figli anche come salire e scendere dal bus in modo corretto e soprattutto quali sono le norme di comportamento che si devono attenzionare quando ci si trova alla fermata dell’autobus. In particolare, sarà utile, al fine di tutelare la loro sicurezza, insegnare ai piccoli, che quando si sale sul bus o si scende non si devono mai spintonare gli altri bambini e che una volta scesi, prima di attraversare la strada, è necessario aspettare che l’autobus si sia allontanato. 

E chi la bici

Dopo la camminata a piedi, la scelta più ecologica che potete compiere per accompagnare ogni giorno i vostri figli a scuola, è quella di percorrere il tragitto casa-scuola in bicicletta. 

In tal senso, anche se il codice della strada non fornisce indicazioni precise in merito a qual è l’esatta età in cui i bambini possono iniziare a pedalare da soli, è sempre buona norma attendere che questi abbiano compiuto almeno otto anni, prima di lasciargli percorrere il tragitto casa-scuola da soli in bici. 

Nulla vieta di far percorrere ai bambini il tragitto casa-scuola in bici, se accompagnati dai genitori. Ecco alcune regole che i genitori devono seguire per tutelare la sicurezza dei propri figli in questo specifico caso: 

  • Protezioni e bici adatta: prima di scegliere di compiere il tragitto casa-scuola con la bicicletta in compagnia dei propri figli, è buona norma accertarsi che il proprio bambino o la propria bambina siano in possesso di una bicicletta adatta alla propria statura e naturalmente (anche se non è obbligatorio) che venga indossato almeno il caschetto di protezione. Sarà utile poi accertarsi del corretto funzionamento dell’impianto frenante della bici dei piccoli e della presenza di un campanello dal suono ben udibile, infine è necessario accertarsi che il mezzo sia provvisto di luci e catadiottri. 
  • Percorrere le piste ciclabili o le aree dedicate alle bici: oltre ad educare quotidianamente i propri figli sul rispetto delle norme della circolazione stradale ed istruirli sulle segnaletiche stradali, al fine di tutelare la loro sicurezza, è fondamentale far comprendere loro l’importanza di pedalare in bici su piste ciclabili, aree dedicate alle bici o in alternativa sui marciapiedi, sempre nel rispetto dei pedoni. 
  • Zaino mai sul manubrio: altro aspetto da non sottovalutare quando si sceglie di compiere il tragitto casa-scuola in bici, è quello che riguarda il luogo dove posizionare lo zaino per la scuola. La regola da attenzionare è in questo caso quella di non far mai posizionare lo zaino sul manubrio e magari di dotare la bicicletta del bambino o della bambina di un pratico portapacchi, che gli consenta di riporre lo zaino in sicurezza. 

In sicurezza su moto e auto

Naturalmente è possibile accompagnare i propri figli a scuola anche in auto oppure in scooter, ma anche in questo caso i genitori dovranno attenzionare alcune regole per accompagnare i piccoli a scuola in sicurezza. 

Per quanto riguarda il trasporto in auto, i genitori devono accertarsi che i bambini viaggino in sistemi di ritenuta (seggiolini) idonei, almeno fino al raggiungimento dei 150 cm di altezza e che indossino la cintura di sicurezza sempre, anche quando sono seduti sui sedili posteriori. 

In merito al trasporto in scooter, è bene ricordare che è vietato trasportare bambini fino a cinque anni d’età. È consentito invece trasportare bambini che abbiano più di cinque anni, a condizione che siano seduti sul sellino dietro al guidatore e che indossino un casco omologato da moto.