Biossido di titanio, il Regno Unito contro il bando Ue all’additivo sbiancante

BIOSSIDO DI TITANIO

Il Regno Unito non seguirà l’Unione Europea nel vietare il biossido di titanio come additivo alimentare. La Food Standards Agency (Fsa), l’Agenzia alimentare del Regno Unito ha affermato che dopo aver esaminato le prove, non sono stati identificati problemi di sicurezza legati all’uso del biossido di titanio come additivo alimentare, il che significa che non ci saranno modifiche alla regolamentazione in Inghilterra e Galles. Anche Food Standards Scotland (FSS) è giunta alla stessa conclusione.

Il bando europeo

Il bando europeo dell’additivo sbiancante ampiamente utilizzato negli alimenti e nei farmaci entrerà pienamente in vigore entro la prossima estate (come scriviamo qui): lo stop si è basato su una valutazione dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) del maggio 2021 che ha sollevato potenziali preoccupazioni sull’accumulo di particelle di biossido di titanio nel corpo e sulla possibile genotossicità. La genotossicità è la capacità di una sostanza di danneggiare il DNA, che può portare al cancro. La decisione dell’UE si applicherà anche in Irlanda del Nord a causa del Protocollo dell’Irlanda del Nord.

Le raccomandazioni della commissaria Kyriakides

A nulla sono valse le dichiarazioni di Stella Kyriakides, responsabile della salute e della sicurezza alimentare dell’Ue, che aveva affermato che la sicurezza degli alimenti e della salute dei consumatori non era negoziabile.

“Questo è il motivo per cui garantiamo un controllo rigoroso e continuo dei più elevati standard di sicurezza per i consumatori. Una pietra angolare di questo lavoro è assicurarsi che solo sostanze sicure, supportate da solide prove scientifiche, raggiungano i nostri piatti”, aveva affermato.

Il verdetto del Regno Unito

I comitati consultivi scientifici dell’Fsa hanno esaminato il parere dell’Efsa e hanno riscontrato che le prove non supportavano le conclusioni tratte. Negli Stati Uniti, l’additivo può essere utilizzato in determinate condizioni stabilite dalla Food and Drug Administration (Fra).

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Alla commissione per la tossicità delle sostanze chimiche negli alimenti, nei prodotti di consumo e nell’ambiente (Cot) e alla commissione per la mutagenicità delle sostanze chimiche negli alimenti, nei prodotti di consumo e nell’ambiente (Com) è stato chiesto se fossero d’accordo con l’Efsa.

La Com ha messo in dubbio la qualità del set di dati e alcuni degli studi utilizzati dal gruppo di esperti dell’Agenzia europea per giungere alla sua posizione. Gli esperti hanno affermato che le prove non consentivano di trarre conclusioni definitive sulla genotossicità. Non solo. Secondo il Comitato i risultati potrebbero creare inutili preoccupazioni per il pubblico.