I grassi saturi della carne e dei latticini sono ugualmente dannosi per il cuore? Lo studio

I Ricercatori di Oxford e Harvard hanno studiato come i grassi saturi di vari alimenti si collegano a malattie cardiache, ictus e malattie cardiovascolari, partendo da una domanda: i grassi saturi provenienti da un tipo di cibo hanno lo stesso effetto sull’organismo umano di quelli provenienti da un altro?
Come spiega FoodNavigator, che riporta la notizia, il consumo di cibi ricchi di grassi saturi è associato alle lipoproteine ​​a bassa densità, note come “colesterolo cattivo”, che aumentano il rischio di malattie cardiovascolari.

Una relazione pericolosa

Secondo i dati del National Health and Nutrition Examination Survey  del governo degli Stati Uniti, le principali fonti di grassi saturi nella dieta americana sono formaggio, manzo, altri grassi e oli, latte e, infine, carni lavorate, in particolare wurstel, salsicce , e carni pranzo. Finora, secondo Rebecca Kelly del Nuffield Department of Population Health dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, il modo in cui i grassi saturi provenienti da diverse fonti alimentari influiscono sul rischio di malattie cardiovascolari è stato approfondito. “Insieme a un team di ricercatori di Oxford e Harvard, Kelly ha cercato di rendere più trasparente questa relazione, studiando il modo in cui i grassi saturi di vari alimenti si collegano alla cardiopatia ischemica, all’ictus e alle malattie cardiovascolari totali” scrive FoodNavigator.

Lo studio

Lo studio, presentato al Congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC) 2021, ha analizzato i dati di 114.285 partecipanti alla biobanca britannica che erano liberi da malattie cardiovascolari all’inizio dello studio. È stato chiesto loro di completare valutazioni dietetiche su ciò che avevano mangiato nelle 24 ore precedenti, di stimare la loro assunzione abituale di grassi saturi totali, nonché di grassi saturi provenienti da fonti alimentari specifiche. Ogni partecipante ha inoltre completato un questionario dettagliato sullo stile di vita, nonché campioni di sangue e misurazioni corporee prese per calcolare il proprio indice di massa corporea (Bmi). Per un periodo di circa otto anni e mezzo, i ricercatori hanno analizzato casi di malattie cardiovascolari, malattie cardiache e ictus. È stato riscontrato che la malattia cardiovascolare totale era la più comune, con 4.365 conteggi, seguita da malattie cardiache (3.394) e ictus (1.041).

La relazione può variare a seconda della fonte di cibo”

Dopo aver analizzato i dati, tenendo conto dello stile di vita, dei fattori socioeconomici e medici, i ricercatori non hanno identificato alcuna associazione significativa tra l’assunzione totale di grassi saturi e gli esiti delle malattie cardiovascolari. Però,  hanno trovato possibili associazioni tra i grassi saturi derivanti dall’assunzione di carne. Nello specifico, i ricercatori hanno scoperto che consumare il 5% in più di energia totale da grassi saturi era associato rispettivamente a un rischio elevato del 19% e del 21% di malattie cardiovascolari totali e malattie cardiache. “I nostri risultati sono importanti perché forniscono una possibile spiegazione: la relazione può variare a seconda della fonte di cibo”, ha osservato il dott. Kelly. Il ruolo del Bmi, tuttavia, non può essere scartato. “Abbiamo scoperto che i grassi saturi della carne possono essere associati a un rischio più elevato rispetto ad altre fonti alimentari, in parte perché coloro che consumano grandi quantità di carne hanno anche un Bmi più elevato rispetto ai consumatori bassi”.

Meno rischi rilevati con i grassi saturi da latticini

Per quanto riguarda l’impatto dei grassi saturi dei latticini sulle malattie cardiache, lo studio ha rivelato un rischio inferiore nei partecipanti. “I nostri risultati suggeriscono che le differenze nel BMI possono essere responsabili, in parte, dell’associazione tra malattie cardiovascolari e grassi saturi della carne. Non è possibile determinare se ciò sia dovuto a un impatto specifico dei grassi saturi della carne sul Bmi o perché quelli con un Bmi più elevato consumano più carne “, ha concluso Kelly. “Inoltre, è difficile districare completamente se parte dell’effetto dei grassi saturi sulle malattie cardiovascolari possa essere dovuto a un colesterolo LDL più alto in questa coorte perché l’uso di farmaci per abbassare il colesterolo è alto negli adulti del Regno Unito”.​

I consigli

Il Dr. Kelly ha continuato: “Raccomandiamo di seguire i consigli delle linee guida dietetiche per consumare meno del 10% di energia giornaliera da grassi saturi. I nostri risultati sottolineano l’importanza di studiare le diverse fonti alimentari di grassi saturi quando si esamina il rischio di malattie cardiovascolari. Sono necessarie ulteriori ricerche per garantire che queste osservazioni non siano state influenzate da fattori dietetici o non dietetici che non sono stati misurati in questo studio”.