Nestlé, Coca Cola e L’Orèal sotto accusa: ancora troppi imballaggi usa e getta

IMBALLAGGI

Le più grandi aziende di beni di consumo del mondo hanno compiuto progressi verso l’aumento della quantità di plastica riciclata nei loro imballaggi, ma continuano ancora in gran parte a non riuscire a ridurre la quantità di imballaggi monouso che generano. Questa è la conclusione dell’edizione 2020 del rapporto curato dalla Ellen MacArthur Foundation e dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), che traccia i progressi delle aziende che hanno aderito al loro “New Plastics Economy Global Commitment” e ai suoi vari obiettivi di economia circolare (continua dopo l’immagine)

Il rapporto, che include dati di grandi marchi come Mars, Unilever, Coca-Cola, Nestlé, PepsiCo e Danone, rileva un aumento della quantità di plastica riciclata utilizzata negli imballaggi nel 2019 rispetto all’anno precedente, con una media dei firmatari del 6,2% contenuto riciclato. Resta bassa e comunque lontana dagli obiettivi, la quantità di plastica monouso generata.

Come evidenzia l’immagine, mentre Danone e Unilever hanno aumentato il contenuto riciclato nei loro imballaggi di oltre il 4% tra il 2018 e il 2019, la percentuale di contenuto riciclato di Nestle, Mondelez e Colgate-Palmolive nei loro imballaggi è rimasta invariata.

Sander Defruyt, responsabile della nuova economia della plastica presso la Ellen MacArthur Foundation, ha avvertito che le aziende devono essere più ambiziose. “Andando avanti, sarà fondamentale vedere anche importanti passi in avanti nel ripensare in primo luogo quale imballaggio viene immesso sul mercato”, ha affermato. “Chiediamo all’industria di aumentare rapidamente gli sforzi per ridurre gli imballaggi monouso ed eliminare i tipi di imballaggio che non hanno un percorso credibile per far funzionare il riciclaggio nella pratica e su larga scala”.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

La maggior parte degli sforzi per l’eliminazione della plastica monouso fino ad oggi sono stati sforzi su piccola scala, incentrati su prodotti leggeri o sul passaggio a nuovi tipi di plastica o carta.

Pur invitando le aziende a rafforzare la loro ambizione, il rapporto invita anche i leader politici a mettere in atto misure e politiche che supportino gli sforzi di raccolta e smistamento, osservando che è improbabile che gli sforzi di riciclaggio abbiano successo su larga scala senza tali interventi.

“Sappiamo che l’industria non può realizzare il cambiamento da sola e chiediamo ai responsabili politici di mettere in atto le condizioni favorevoli, gli incentivi e il quadro internazionale per accelerare questa transizione”, ha affermato Defruyt.