Hummus contaminato da glifosato in tutti i supermercati negli Stati Uniti

L’hummus è un alimento salutare, un modo saporito per consumare i ceci, legumi da inserire più frequentemente nella nostra dieta. Ma anche questo emblema dell’alimentazione salutare potrebbe nascondere insidie per nulla tranquillizzanti. Potrebbe celare, in particolare, alti livelli di glifosato, una sostanza chimica diserbante sospetta di cancerogenicità. E non è un’evenienza improbabile almeno negli Stati Uniti, dove sono stati condotti test di laboratorio indipendenti commissionati da EWG. I test hanno anche rilevato il glifosato in altri tipi di fagioli secchi e in scatola, lenticchie secche e farina di ceci. Tutti legumi trattati con il pesticida più utilizzato al mondo in pre-harvest, ossia prima della raccolta per farli essiccare più rapidamente. Peccato che questo poi comporti la maggiore presenza nel prodotto finito.

Dei 43 campioni convenzionali o non biologici a base di ceci e ceci analizzati negli Usa dall’Ong ambientalista, più del 90% presentava livelli rilevabili di glifosato. Oltre un terzo dei 33 campioni di hummus convenzionali ha superato il benchmark basato sulla salute di EWG per il consumo quotidiano, basato su una porzione da 60 grammi di hummus (circa quattro cucchiai). Un campione di hummus, addirittura, aveva una quantità di glifosato di 2.379 ppb, quasi 15 volte superiore al benchmark di EWG e uno dei due test su un campione di ceci secchi convenzionali ha superato persino lo standard legale troppo permissivo dell’Agenzia per la protezione ambientale statunitense con 21.454 ppb.

EWG ha anche testato 12 campioni di hummus biologico e sei campioni di ceci biologici. La maggior parte conteneva glifosato, ma a livelli molto inferiori rispetto alle controparti convenzionali: tutti tranne due erano al di sotto del benchmark basato sulla salute dei nostri scienziati, sebbene un campione di ceci secchi avesse il livello medio più alto di tutti i nostri campioni. L’uso del glifosato non è consentito su colture biologiche, quindi questi campioni potrebbero essere stati contaminati dalla sostanza chimica proveniente dai vicini campi di colture convenzionali, dove è stato probabilmente spruzzato come agente essiccante pre-raccolta.

“Hummus e ceci, così come altri fagioli, offrono molteplici benefici nutrizionali e gli americani non dovrebbero smettere di mangiarli – spiegano dall’Ewg – I nostri risultati mostrano la necessità non solo di vietare tutti gli usi pre-raccolta del glifosato, ma anche di uno standard dell’Agenzia di protezione ambientale molto più rigoroso e di maggiori test da parte della Food and Drug Administration per determinare quanto il glifosato contamina il nostro cibo”.

Tutti i campioni sono stati acquistati dai ricercatori EWG online o presso i principali rivenditori di generi alimentari nelle aree metropolitane di Washington, DC, New York City e San Francisco, tra cui Aldi, Costco, Giant, Harris Teeter, Safeway, ShopRite, Target, Trader Joes, Walmart e Whole Negozi di alimentari. I test sono stati condotti da Anresco Laboratories di San Francisco, accreditato dallo Stato della California.

Oltre un terzo dei campioni di hummus convenzionali ha superato il benchmark di salute di EWG per il glifosato in hummus di 160 parti per miliardo o ppb. Il prodotto hummus con il più alto livello di glifosato – più di 2.000 ppb nel Whole Foods Market Original Hummus – è stato quasi 15 volte il benchmark EWG. Complessivamente, 13 campioni di hummus hanno superato il benchmark di EWG per il glifosato: quattro campioni di Sabra Classic Hummus; Hummus di pinoli arrosto Sabra; Sabra Supremely Spicy Hummus; due campioni di Whole Foods Market Original Hummus; Hummus originale di Whole Foods Market con etichetta biologica; Cava Hummus Tradizionale; Haig’s Delicacies Spicy Hummus; e due campioni di hummus artigianale tradizionale del mercato degli alimenti freschi di Harris Teeter.

Nel 2016, test in Canada commissionati dai gruppi non profit Environmental Defense ed Equiterre avevano già rilevato livelli di glifosato nell’hummus e nei ceci in scatola simili a quelli dei test di EWG.

Nel 1997, l’EPA ha aumentato la tolleranza ammissibile per il glifosato nei ceci da 200 ppb a 5.000 ppb. Da notare che in Europa il limite è di 100 ppb. Sebbene in un primo momento l’EPA abbia definito la maggiore tolleranza un provvedimento di emergenza, è stata prorogata nel 1998 ed è rimasta in vigore. Il glifosato viene utilizzato su ceci, fagioli, lenticchie e piselli per il controllo delle infestanti e come essiccante pre-raccolta, o essiccante, per facilitare la raccolta. L’irrorazione pre-raccolta può portare a livelli elevati di glifosato negli alimenti venduti ai consumatori. Un recente studio in Germania ha scoperto che le persone che consumavano legumi, comprese lenticchie e piselli, avevano livelli più elevati di glifosato nelle urine rispetto a coloro che non mangiavano quegli alimenti.