Bayer all’ultima spiaggia cerca l’accordo sul glifosato mettendo sul piatto 10 miliardi

Un reportage esclusivo del Wall Street Journal, firmata da Laura Kusisto e Jacob Bunge rivela come la Bayer avrebbe concordato un progetto di accordo con mezza dozzina di studi legali che rappresentano decine di migliaia di querelanti che la accusano di aver messo in commercio (attraverso la acquisita Monsanto) il diserbante Roundup e aver provocato diversi casi di cancro Una mossa che potrebbe avvicinare il contenzioso a una risoluzione finale.

Chi vuole l’accordo

In realtà le società legali che chiedono risarcimenti miliardari alla multinazionale sono diverse decine ma le sei contattate dalla Bayer dozzine di studi legali e in definitiva una grossa fetta di querelanti. Bayer sta cercando di trovare un modo per mantenere Roundup sugli scaffali dei negozi – rivela il Wall street journal –  e porre fine alle controversie dopo aver perso tre cause in primo grado e 30 miliardi di dollari di capitalizzazione in Borsa, a fronte di rischi legali che potenzialmente valgono decine e decine di miliardi di dollari.

Per settimane, gli avvocati di Bayer e dei querelanti hanno discusso di un accordo che come aveva anticipato il Salvagente prevede un risarcimento di 10 miliardi. Una fonte del WSJ ha sostenuto che l’accordo sembra pronto, anche se non è stato firmato.

Bayer ha anche affermato che uno scudo che la protegga da future controversie è una condizione per qualsiasi accordo.

Le parti potrebbero raggiungere un accordo finale nelle prossime settimane. Ciò aiuterebbe Bayer a placare gli azionisti ansiosi prima della riunione annuale di fine aprile, spiegano Laura Kusisto e Jacob Bunge del WSJ.

Un portavoce di Bayer ha dichiarato: “Le discussioni sulla mediazione continuano in buona fede ai sensi di un ordine del tribunale che richiede riservatezza e la società non può commentare le speculazioni su risultati, tempistiche o progressi”.

E chi resiste

Alcuni studi legali che rappresentano migliaia di querelanti rimangono insoddisfatti dei termini offerti finora, affermando che favorisce gli studi legali più grandi rispetto agli altri. “Le vittime del cancro devono essere trattate allo stesso modo e, se non lo sono, siamo pronti, disposti e pienamente motivati ​​ad andare a processo”, ha dichiarato al Wall Street Journal Majed Nachawati, un avvocato con sede a Dallas in rappresentanza di oltre 4.000 richiedenti.

Jim Onder, membro senior dello studio legale Onder con sede a St. Louis, ha affermato che Bayer non ha ancora offerto condizioni di liquidazione soddisfacenti a decine di migliaia di querelanti, tra cui oltre 22.000 clienti rappresentati dal suo studio. “Non abbiamo avuto successo nel risolvere la questione con Bayer e abbiamo una serie di casi destinati a essere processati a partire da giugno 2020”, ha affermato Onder.

Di tempo non ce n’è moltissimo e non solo per la scadenza dell’assemblea degli azionisti di Bayer. Lo stesso giudice distrettuale, Vince Chhabria, il 5 marzo ha concesso alle parti una proroga di 35 giorni che sospende le scadenze sul contenzioso in modo che possano concentrarsi sui colloqui di transazione. Al termine della death line di Chhabria, il 15 aprile, si potrebbero aprire le porte a un processo molto, molto rischioso per la Bayer.